pro dialog

News

La Fondazione verso l'assemblea: con Irfanka Pasagic e Adopt Srebrenica, il 25 e 26 novembre a Bolzano, per rinnovare il programma triennale e il gruppo dirigente.

L'assemblea degli amici e dei sostenitori della Fondazione, aperta agli interessati, è convocata sabato e domenica prossimi, nella sede di via Bottai, per delineare i programmi ed eleggere un nuovo Consiglio di Amministrazione per il triennio 2018/2020. Il CdA uscente arriverà dimissionario all'assemblea, fiducioso che si possano manifestare nuove disponibilità e proposte. Invito e orario dei lavori


Quale contributo ai lavori sono previsti due momenti di dibattito:
Sabato 25, dalle 13 alle 15.30, presso la sede della Fondazione, si terrà l'incontro della rete International Network for Srebrenica con una delegazione dell'Associazione Adopt Srebrenica (Muhamed  Advic, Valentina Gagic, Bekir Halilovic) per delineare forme e contenuti della collaborazione. Presentazione

Successivamente, dalle 16.30 alle 18.30, presso il Centro Trevi, si svolgerà lun incontro pubblico su "Vite in comunità traumatizzate: le parole, le memorie, la cura".
Conversazione con:

IRFANKA PASAGIC - Srebrenica/Tuzla, co-autrice del libro “I bambini ricordano/Djeca pamte”
MARIA BACCHI – Mantova, co-autrice di “L'età del transito e del conflitto Bambini e adolescenti tra guerre e dopoguerra 1939-2015”
FEDERICO FALOPPA – Uni Reading, autore di “Razzisti a parole (per tacer dei fatti)”
Coordina: DONATELLA TREVISAN, Bolzano, traduttrice 

Irfanka Pasagic - sulla sentenza Mladic al tribunale dell'Aja

Il 22 novembre 2017, al Tribunale dell'Aja verra' emessa la sentenza a Ratko Mladic, comandante bellico dell'esercito della Repubblica Srpska, accusato dei crimini piu' gravi, tra cui genocidio, terrorizzazione dei civili, presa in ostaggio degli appartententi alle forze di pace dell'ONU...
Purtroppo, la sentenza, qualunche essa sara', non ridurra' il dolore dei sopravvissuti perche' manchera' ancora  la condanna del male che ha fatto. Continueranno a glorificarlo come un eroe, come stanno facendo anche in questi giorni. I media in Serbia sono sommersi di testi sul generale Mladic, sul Tribunale dell'Aja come un tribunale antiserbo, ma da nessuna parte vengono menzionati i crimini per i quali e' sotto processo.
E questo fa male.  Il Tribunale dell'Aja, la cui fondazione era necessaria e il cui lavoro particolarmente prezioso,purtroppo non ha significativamente contribuito alla pacificazione e al confronto con il passato.  L'ampia documentazione che ha e' un custode di verita', ha confermato che non ci sono gli impunibili, ha provato la portata dei crimini, pero' ci aspettavamo di piu'. Forse ci aspettavamo anche troppo, confidando che le prove e i fatti, i cimiteri e i testimoni del male, potessero essere sufficienti per riconoscere il crimine e esprimere almeno un po di compassione per le vittime.

Le dichiarazioni come queste di Milorad Dodik, presidente della Repubblica Serba, non accendono la speranza che cio' avvera' in tempi brevi:

"Nonostante come sara' la sentenza, abbiamo tutti la sensazione che cio' sia nell'ambito di quello che finora abbiamo visto contro i Serbi, Ratko Mladic rimarra' una legenda per il popolo serbo. Un uomo che ha messo tutte le sue capacita' professionali ed umane al servizio della difesa e della liberta' del popolo serbo ovunque esso si trovi. Un uomo che ha comandato l'esercito della Repubblica Serba, esercito che ha difeso la liberta' di questo popolo e esercito che ha fatto si che si costruisse la Repubblica Serba"

 


"Con un sogno di ragazzo nel cuore" - Reading poetico musicale

Dedicato ad Alexander Langer, è stato proposto a Melpignano (LE) il 4 novembre all'interno del convegno: "La terra, il mare, le persone: percorsi di conversione ecologica lungo la rotta adriatica".
Il viaggio lungo la rotta adriatica ci ha fatto scoprire ad ogni tappa - Montebello, Pescara, Trieste/Pirano, Melpignano - persone ed esperienze che danno speranza e indicano possibili direzioni di vita.
Scrive Roberto Molle: "Grazie a chi c'era e a chi no. Grazie a Davide Gucci per la parte tecnica e a Sonia Pierri per le riprese. Grazie agli amici poeti e musicisti, e a tutti quelli che hanno collaborato alla realizzazione di questo progetto."
Canto alla Luna 2017 Trailer (3'20'').
Il video integrale (ca 70 minuti) diviso in cinque parti, è disponibile su You Tube:
Parte 1, Parte 2, Parte 3, Parte 4, Parte 5 finale.
Foto e commenti sulla pagina facebook di Roberto Molle e dei singoli autori citati. 


Adan, Abbas, Anthony ci interrogano

Dopo la presentazione del report di "Monitoraggio lunga la rotta del Brennero" del primo semestre 2017
è stata la dura realtà a riportare all'ordine del giorno in Alto Adige i compiti di un sistema di accoglienza che dovrebbe essere includente e capace di impedire tragedie annunciate e ad evidenziare i limiti delle politiche europee sull'immigrazione ed in materia di asilo.
Info nella pagina facebook di Antenne Migranti  e nel sito della Fondazione

.


Conferenza - Immigrazione straniera nelle Alpi

A Bolzano, i prossimi 23-24 Novembre, presso la sede di Eurac Research, si terrà il seminario “Immigrazione straniera nelle Alpi”, organizzato dalla rete di ricercatori e di operatori del settore, che si è costituita in occasione del convegno internazionale svizzero di Salecina, nel mese di maggio. L’incontro vedrà interventi finalizzati soprattutto ad aggiornare i dati e le riflessioni sulla presenza straniera nelle Alpi, frutto del lavoro di ricerca e di studio del network internazionale.


Nuovo statuto per l'associazione modenese: "Anni in fuga" - Nonantola

Dopo aver contribuito al partecipato seminario formativo per operatori dell'accoglienza, che si è svolto a Nonantola dal 12 al 15 ottobre (Dentro il disordine, migrazioni forzate: nodi politici e questioni culturali), la nascente associazione "Anni in fuga" vuole coinvolgere altri interessati nella scrittura di un originale statuto. 

 

Fondazione Alexander Langer Stiftung, Onlus
I- 39100 BZ -Via Bottai 5 Bindergasse
tel fax: +39.0471-977691
info@alexanderlanger.net
www.alexanderlanger.org