Adopt Srebrenica Adopt Srebrenica Chi siamo Fondazione Alexander Langer Alexander Langer e la Bosnia

Chi siamo
Storia del progetto Fondazione Alexander Langer
Alexander Langer e la Bosnia
Tuzlanska Amica
Centro di documentazione Adopt Srebrenica Io non odio/Ja ne mrzim - La storia di Zijo Euromediterranea 2015 in Bosnia-Erzegovina Settimana Internazionale 2014 Settimana Internazionale 2013 Settimana Internazionale 2012 Settimana Internazionale 2011 dosta! Srebrenica&Bolzano 2011 Viaggio 11 luglio 2010 Settimana Internazionale 2010 Viaggio 11 luglio 2009 News e appuntamenti 2009-2014 Settimana Internazionale 2009 Diario da Srebrenica 2009 Viaggio a Strasburgo 2009 Su Srebrenica e sulla Bosnia 2005/2009 Eventi "Al di là della guerra" 2009 Irfanka Pašagić - commenti Viaggio 11 luglio 2008 Dopo Dayton / maggio 2008 Settimana Internazionale 2008 Viaggio 11 luglio 2007 / scritti 2005-2007 Settimana Internazionale 2007 Media coverage 2005 / 2007 Link Emergenza alluvioni BIH 2014-2015 Osmače e Brežani / Premio Carlo Scarpa 2014 adopt srebrenica 2018 adopt srebrenica 2016 adopt srebrenica 2019 Adopt Srebrenica 2017 Tuzla ricorda Alexander Langer I fiori di Srebrenica - Quaderno Rete Lilliput Ferrara 11 luglio 2020 dal Sudtirolo a Srebrenica
(14) (26) adopt Srebrenica Group (6) as / Experience Srebrenica 2010 (3) as- memory travel 11 July 2009 (52) Bz-Dayton -Meeting Trento 06-16 (15) Bz-Dayton Culture 06.17 (6) Bz-Dayton Eurac 15.06 (5) Bz-Dayton faces (10) Bz-Dayton Master Meeting 06.17 (13) Bz-Dayton Meeting with local institutions 06.16 (2) Bz-Dayton-Conference 06.17 (17) Cooperation for memory 2011 (36) Internat. Conference 2008 (37) Internat.Conference 2007. (9) Internat.Conference 2008-2 (17) International Week 2009 (28) international Week 2014 (52) Srebrenica - Potocari 11.7.2007 (9) Srebrenica 11.7.2005 (9) Srebrenica 11.7.2005 (4) Srebrenica 11.7.2006 (6) srebrenica-mars mira 2010 (8) Tuzla 07.2006 (9) Tuzla-Modena City Ramblers (4) Tuzlanska amica (13)

Alexander Langer e il “Verona Forum, per la pace e la riconciliazione in ex-Jugoslavia”: partire da un gruppo misto

foundation

Insieme a un inarrestabile desiderio di libertà, la caduta del muro di Berlino nel 1989 aveva messo in moto anche una rinascita delle aspirazione nazionali ed etniche nei territori di quella che verrà in breve tempo chiamata “ex-Jugoslavia”.


Nel maggio 1991 Alexander Langer, presidente del Gruppo Verde al Parlamento europeo, viene invitato, da un gruppo di intellettuali serbi molto preoccupati dell’aria che s’iniziava a respirare nel loro paese, a una “carovana di pace” in Kossovo e, in novembre, a un’analoga iniziativa promossa dalla Helsinki Citizens’ Assembly.


Era nata in quel contesto l’idea, che Langer aveva imparato da giovane nel suo Alto Adige-Südtirol lacerato dalle bombe, di offrire un tavolo di dialogo a esponenti di tutte le regioni di quel paese, affinché periodicamente si potessero riunire ed avanzare comuni proposte di soluzione, laddove i signori della guerra non riuscivano a mettersi d'accordo, capaci di contagiare - anche grazie al sostegno internazionale - persino i governi, i parlamenti, i mezzi d'informazione.


Alla prima riunione, tenutasi nel settembre 1992, era sembrato di buon auspicio dare il nome di quella rete nascente alla città che li ospitava e di chiamarla “Verona-Forum per la pace e la riconciliazione nei territori dell'ex-Jugoslavia”. A svolgere una funzione di moderazione, di garanzia e d’impulso avevano da allora dedicato tutte le loro forze lo stesso Langer e la deputata austriaca Marijana Grandits.
Con le sue conferenze molto partecipate a Verona (1992 e 1993), Strasburgo (1993), Vienna (1993), Bruxelles (1994), Parigi (1994), poi direttamente a Tuzla (1994), Skopje e Zagabria (1995), il Forum era diventato l'unico circuito di relazioni tra persone provenienti da un territorio mentre continuava a crescere la contrapposizione, la pulizia etnica, la guerra.


In questo Sito si possono trovare le tracce di questo lavoro appassionato – dimostratosi infine vano – rivolto a vincere la guerra con le armi pacifiche della parola e l’invenzione di nuovi strumenti giuridici e d’azione purtroppo non attivati in tempo: la Corte penale internazionale, una forza di polizia internazionale e dei Corpi civili di pace guidati dall’ONU per proteggere almeno i civili dal genocidio e dai crimini contro l’umanità, una nuova Convenzione sulle minoranze rispettosa dei diritti dei singoli cittadini, il sostegno esplicito alla società civile e alle forze di dialogo.


Il 26 giugno 1995, ad un mese di distanza dalla bomba che uccide 70 giovani nella Tuzla interetnica del sindaco Sélim Bešlagić e pochi giorni prima del terribile eccidio di Srebrenica, Alexander Langer si reca a Cannes per consegnare ai capi di stato e di governo un appello, sottoscritto da decine di parlamentari: facciamo qualcosa per fermare questa guerra di conquista etnica perché “L’Europa nasce o muore a Sarajevo”.

pro dialog