Fondazione Fondazione bacheca 2017 LesboAngalià - Asgi

Statuto CdA - Revisori Comitato Scientifico-Garanzia bacheca 2005 bacheca 2006 bacheca 2007 bacheca 2008 bacheca 2009 bacheca 2010 bacheca 2011 bacheca 2012 bacheca 2013 bacheca 2014 bacheca 2015 bacheca 2016 bacheca 2017
LesboAngalià - Asgi
news 2017 relazione mondialità 2017
bacheca 2018 bacheca 2019 bacheca 2020 Bergamaschi Paolo-info Mezzalira Giorgio Info memoria adelaide aglietta andreina emeri anna segre anna bravo lisa foa renzo imbeni marino vocci giuseppina ciuffreda José Ramos Regidor clemente manenti simone sechi Programma attività bilanci consuntivi Relazioni finali findbuch - archivio Quaderni della Fondazione
RE 2009-giardino dell'Arca (18) Spazio all'integrazione! (12)

Candidatura Premio Langer 2017, Ong Angalia' - Lesbo

26.3.2017, Sara Ballardini, Umberto Cini

La candidatura viene presentata insieme da Umberto Cini, traduttore e interprete alla Camera dei Deputati che ha conosciuto di persona i suoi volontari, e da Sara Ballardini del Gruppo di monitoraggio “Antenne – Migranti” di Rovereto, che ha svolto a Lesbo un perodo di volontariato e ha mantenuto lì contatti sia con l'associazione http://www.lesvossolidarity.org/index.php/en/ (sostenuta anche da Borderline Europe), che con l'ONG Pipka https://www.theguardian.com/global-development-professionals-network/2016/sep/06/lesbos-refugees-efi-latsoudi-unhcr-nansen-award-humanitarian.

Motivazione:
L'associazione Angalià ha saputo accogliere e organizzare dal 2015 una mobilitazione di volontariato giovanile europeo con pochi precedenti, che rappresenta un patrimonio di esperienze da far conoscere e valorizzare

Per far conoscere il lavoro svolto da Angalià, segnaliamo e raccomandiamo di leggere alcuni documenti che sono depositato sul link della Fondazione http://www.alexanderlanger.org/it/956 :
- un racconto del cruciale anno 2015, pubblicato dalla rivista Una città nel novembre dello stesso anno, scrtto da tre dei quattro fondatori;

- il rapporto sull'attività svolta da Angalià nel 2016;

- l'intervento video x Premio Wallemberg di 10.000 Euro assegnato loro dal Consiglio di Europa

- l'intervento a Sofia 2016

- si segnala inoltre la recente partecipazione ad un convegno a London 2017, http://ansitorylives.net/events-2/dissemination-workshop-london-programme/

An­ga­lià” (in gre­co "ab­brac­cio”) è sta­ta fon­da­ta nel pae­se di Kal­lo­nì, si­tua­to nel­la p ar­te cen­tra­le del­l’i­so­la di Lesbo , da un pre­te del po­sto, Pa­pa-Stra­tìs (che po­trem­mo tra­dur­re co­me "don Eu­strà­tio”), nel 2007. Con­cen­tra­ta­si ini­zial­men­te nel­l’as­si­sten­za al­le vit­ti­me lo­ca­li del­la cri­si eco­no­mi­ca, An­ga­lià ha pre­so a oc­cu­par­si an­che dei pro­fu­ghi, che pri­ma al­la spic­cio­la­ta, poi sem­pre più in mas­sa, han­no co­min­cia­to a sbar­ca­re a Le­sbo. Pa­pa-Stra­tìs è mor­to di can­cro ai pol­mo­ni al­l’i­ni­zio del set­tem­bre 2015, in pie­na cri­si mi­gra­to­ria.

Un' associazione piccola, con grandi motivazioni, che si lascia coinvolgere dall'arrivo impetuoso e di decine di migliaia di migranti partiti dalla vicina Turchia, si mette al servizio di centinaia di volontari locali e internazionali, si sostituisce all'assenza di gran parte delle istituzioni, per renderle responsabili del ruolo che loro spettta.

“In qualità di organizzazione locale piccola e flessibile basata sul volontariato, Agkalia è l’esempio di azione efficace da parte della società civile europea sulle attuali questioni globali”, ha affermato il Segretario generale Thorbjørn Jagland durante la cerimonia di premiazione del 2016. Agkalia fa la vera differenza per le persone che raggiungono l’isola dopo una pericolosa traversata in mare. Le sue attività rispecchiano i valori fondamentali del Consiglio d’Europa e contribuiscono a promuovere e tutelare i diritti umani in Europa e oltre i suoi confini”.

Vale la pena di leggere e valutare con attenzione il racconto su Una Città e il Rapporto sull'attività del 2016, dal quale emergono le caratteristiche originali ed esemplari di Angalià: agire localmente, anzi quasi a tu per tu, senza la pretesa di espandersi, mantenere il duplice impegno a favore dei diseredati del posto e dei migranti in arrivo, far appello alla collaborazione attiva di persone del luogo e internazionali, rifiutare finanziamenti governativi o europei, far appello a donazioni solo azione per azione, senza fare cassa, ma convogliando subito l'eventuale surplus verso azioni di altre associazioni. Tutto ciò in un contesto di crisi interconnesse: non solo quella bellica mediorientale, ma quella economica greca, quella del sistema politico turco e quella delle istituzioni e dei valori europei.


pro dialog