Fondazione Fondazione bacheca 2017 LesboAngalià - Asgi

Statuto CdA - Revisori Comitato Scientifico-Garanzia bacheca 2005 bacheca 2006 bacheca 2007 bacheca 2008 bacheca 2009 bacheca 2010 bacheca 2011 bacheca 2012 bacheca 2013 bacheca 2014 bacheca 2015 bacheca 2016 bacheca 2017
LesboAngalià - Asgi
news 2017 relazione mondialità 2017
bacheca 2018 bacheca 2019 bacheca 2020 Bergamaschi Paolo-info Mezzalira Giorgio Info memoria adelaide aglietta andreina emeri anna segre anna bravo lisa foa renzo imbeni marino vocci giuseppina ciuffreda José Ramos Regidor clemente manenti simone sechi Programma attività bilanci consuntivi Relazioni finali findbuch - archivio Quaderni della Fondazione
RE 2009-giardino dell'Arca (18) Spazio all'integrazione! (12)

CANDIDATURA PREMIO LANGER 2017 AD ASGI – ASSOCIAZIONE STUDI GIURIDICI PER L'IMMIGRAZIONE

28.3.2017, Maria Bacchi e Fausto Stocco,

Una candidatura meno accattivante e d'impatto di altre, certamente. Conosciamo bene la militanza testarda di molti operatori asgi e soprattutto ci sembra necessario portare quanto prima le questioni fuori dalle categorie usuali dell'aiuto alle vittime, ma sul piano del diritto e della giustizia. e su un discorso franco e molto pragmatico sulle scelte complessive sui temi dell'immigrazione che Italia ed Europa con le loro norme si vogliono (o non vogliono) dare. Discorso che praticamente nessuno oggi affronta (se non Manconi, e Bonino con i Radicali, finalmente), e su cui  Asgi invece lavora con la consueta chiarezza e pragmaticità.

Cos’è e come nasce l’Associazione Studi giuridici sull’immigrazione

L'ASGI nasce non a caso nel 1990 da un gruppo di avvocati, giuristi e studiosi, che nell'anno in cui l'Italia fa la sua prima legge sull'immigrazione (la cd legge Martelli) e la sua prima sanatoria, si rende conto che si sarebbe aperta una fase nuova nello sviluppo della società italiana, proiettando il nostro paese, ancora molto provinciale, in una nuova dimensione di confronto con persone provenienti da Paesi terzi e portatori di diversità linguistiche, religiose e culturali.

L'ASGI nasce con l'obiettivo di orientare l'attività del Legislatore italiano ad adottare norme che disciplinino l'ingesso e il soggiorno degli stranieri e degli asilanti che siano rispettose dei diritti fondamentali della persona e siano conformi ai principi costituzionali. Parimenti l'attività di ASGI si è sempre mossa anche sul piano dello sviluppo di attività di sensibilizzazione rivolte alla società italiana affinchè sviluppi un approccio positivo verso i cambiamenti profondi che le migrazioni internazionali producono nel tessuto sociale.

L’ASGI ha per oltre vent'anni, contribuito con suoi documenti all’elaborazione dei testi normativi statali e comunitari in materia di immigrazione, asilo e cittadinanza, promuovendo nel dibattito politico-parlamentare e nell’operato dei pubblici poteri la tutela dei diritti nei confronti degli stranieri.

Inizialmente formata da professori universitari e avvocati, nel tempo essa è diventata punto di riferimento di associazioni, enti pubblici e privati, oltre che di studenti, praticanti avvocati, assistenti sociali e quanti hanno interesse e necessità di rimanere aggiornati e confrontarsi giornalmente di fronte all’evolversi del fenomeno dell’immigrazione.

ASGI ha sempre mantenuto la sua caratteristica di associazione basata sul volontariato (la struttura operativa attuale poggia su solo tre lavoratori) anche in modo da non diventare un “progettificio” e mantenere la propria piena indipendenza da finanziamenti pubblici.

Oggi è un vasto network di persone che si scambia informazioni, riceve e fornisce aggiornamenti sulle prassi, realizza progetti che hanno un forte impatto sul territorio e modificano norme e leggi discriminatorie partecipa  e organizza  formazione , diffondendo sul territorio una cultura dell’integrazione attraverso la tutela dei diritti.

Tra i soci ASGI sono aumentati nel tempo  i cittadini e le cittadine stranieri/e, vi è un numero maggiore di associate donne ed e’ in aumento il numero di chi vive e opera nell’Italia del Sud, area fortemente toccata dagli arrivi di profughi  e da sempre più frequenti situazioni di sfruttamento lavorativo. .

ASGI è particolarmente attiva nel campo editoriale, nello studio, nell’analisi e nella divulgazione delle norme, della giurisprudenza e della prassi in materia di stranieri, diritto d’asilo e cittadinanza. Dal 1999 al 2016 è attiva con  la pubblicazione della rivista “Diritto Immigrazione e Cittadinanza, promossa in collaborazione con Magistratura Democratica ed edita da Franco Angeli Editore allo scopo di dotare di strumenti conoscitivi coloro che operano nel settore dell’immigrazione, per meglio svolgere le funzioni di tutela e rappresentanza nei rapporti con la pubblica amministrazione ed in sede giurisdizionale.

 

Asgi è oggi un'associazione consolidata che opera sul piano dei diritti dei migranti con assoluta continuità e indipendenza, interloquendo, collaborando -e confliggendo quando serve- con qualunque tipo di governo o istituzione, qualora siano in gioco i diritti di chi migra, si stabilisce o transita per il nostro paese. Quello che la rende un'eccellenza virtuosa, anche a livello europeo, sono la durata e la forza giuridica di un'associazione che si basa sul puro volontariato.

 

Cosa fa Asgi

 

 

Rispetto al tema della gratuità : ASGI è una associazione e rete di professionisti legali e operatori, serve quindi distinguere le attività del singolo professionista e quelle propriamente associative (advocacy, informazione e approfondimento, formazione, ecc.)

Le azioni di advocacy – pareri su proposte di legge, commenti e analisi normative ecc. sono evidentemente gratuite.

Le attività informative di redazione schede, pareri, analisi – tramite sito e newsletter – sono gratuite.

Le attività formative possono esserlo o meno – a seconda dei casi. Molto spesso sono realizzate a progetto (es. formazioni SPRAR) e quindi gratuite.

Le azioni legali si svolgono secondo le regole di funzionamento dell’ordinamento: se promosse da ASGI in prima battuta dove possibile, sono ovviamente gratuite; lo sono anche attraverso il meccanismo normale del supporto legale nei contenziosi giudiziari attraverso le norme previste per il diritto al gratuito patrocinio, che ASGI difende in diverse sedi (http://www.asgi.it/tag/gratuito-patrocinio/)

Sintesi delle motivazioni

I motivi della segnalazione risiedono nell'idea che abbiamo del momento inedito in cui ci troviamo rispetto ai temi delle migrazioni.

Il momento ci sembra inedito perché il discorso sulle migrazioni è divenuto una costante e un terreno quotidiano di racconto e conflitto; un discorso, purtroppo, caratterizzato a tutti i livelli - da chi se ne occupa per lavoro o per volontariato a chi ha responsabilità decisionali più o meno importanti – da conoscenze insufficienti, da obiettiva difficoltà di elaborare visioni e riflessioni complessive a beneficio di tutti e di ampio respiro e di interloquire su basi efficaci e concrete con i decisori (politici e amministrativi).

Ci sembrano, oggi più che mai, necessari da un lato interventi capaci di concreta e ampia azione operativa di supporto a chi lavora con i migranti e ai migranti stessi; dall’altro analisi, pensiero e advocacy forti e credibili rispetto alle istituzioni.

ASGI, a partire da quando è nata, è stata ed è fortemente attiva su questi diversi fronti, tutti indispensabili (se pur non sufficienti).

Il premio potrebbe sottolineare e sostenere questi sforzi e questa capacità di operare con fatica tra il basso e l'alto, con largo respiro, mettendo in rete e coordinando conoscenze e competenze sui diversi territori. Il premio potrebbe anche fare particolare riferimento allo sforzo per l'avvio di una discussione che non sia schiacciata – per facili convenienze semplificatorie di segno opposto - sui temi del “profugo” e delle ‘vittime’ (e del contestuale implicito o esplicito rifiuto di chi non entra in queste categorie). Il già citato manifesto in dieci punti per la riformare la legislazione sull'immigrazione potrebbe essere un fondamentale strumento in questo senso e rappresentare anche la base di un percorso di lavoro su questi temi.

 

A differenza di quanto ha ispirato altri premi, a motivare un premio ad Asgi non sarebbe la valorizzazione di una realtà emergente o sconosciuta, ma la solidità, l'affidabilità e l'indipendenza di qualcosa che nel tempo non ha mai smesso di offrire un servizio fondamentale, di essere ‘ponte’ fra i diversi attori: migranti, operatori, istituzioni: un ruolo oggi più che mai necessario alla tutela non solo dei migranti, ma di tutti noi, cittadini italiani ed europei.

L'home page del sito può dare una idea dei tanti aspetti delle migrazioni su cui l'associazione opera:

http://www.asgi.it/

http://www.asgi.it/tematica/asilo-e-protezione-internazionale/
http://www. asilo asgi.it/asilo-e-protezione-internazionale/asgi-magistratura-democratica-con-il-decreto-legge-immigrazione- /

 

 

pro dialog