Fondazione Fondazione giuseppina ciuffreda

Statuto CdA - Revisori Comitato Scientifico-Garanzia bacheca 2005 bacheca 2006 bacheca 2007 bacheca 2008 bacheca 2009 bacheca 2010 bacheca 2011 bacheca 2012 bacheca 2013 bacheca 2014 bacheca 2015 bacheca 2016 bacheca 2017 bacheca 2018 bacheca 2019 bacheca 2020 Bergamaschi Paolo-info Mezzalira Giorgio Info memoria adelaide aglietta andreina emeri anna segre anna bravo lisa foa renzo imbeni marino vocci giuseppina ciuffreda
José Ramos Regidor clemente manenti simone sechi Programma attività bilanci consuntivi Relazioni finali findbuch - archivio Quaderni della Fondazione
RE 2009-giardino dell'Arca (18) Spazio all'integrazione! (12)

Giuseppina Ciuffreda - Alexander Langer: Conversione ecologica e stili di vita. Rio 1992-2012. In libreria.

7.6.2012, www.asinoedizioni.it

Conversione ecologica e stili di vita, Rio 1992-2012

di Giuseppina Ciuffreda e Alexander Langer. pp. 96

Il prossimo 20-22 giugno si svolgerà a Rio de Janeiro la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile, vent'anni dopo il Global Forum del 1992 che prese luogo proprio in quella città. Questo quaderno raccoglie gli interventi di Alex Langer, precursore dell'ecologismo in Italia, precedenti al Forum del '92 e gli articoli di Giuseppina Ciuffreda, attivista e intellettuale terzomondista, verso Rio 2012.

“Nessuno patisce la fame perché noi mangiamo troppo, bensì perché non pensiamo abbastanza; il nostro problema non è tanto quello di dare di più quanto di rubare di meno; se vogliamo che nel Terzo mondo cambi qualcosa, bisogna che  innanzitutto le cose cambino qui da noi”. (...) “Più che grandi campagne e grandi mobilitazioni, servono dunque  comportamenti e scelte che aiutino a uscire dalla logica della ‘guerra mondiale’, seppure a fin di bene. E non le grandi agenzie (il comando unificato degli alleati, l’agenzia pubblicitaria che cambia la testa alla gente, il grande eco-ministero mondiale che decide quante e quali risorse preservare e quali invece usare...) potranno aiutare davvero a cambiare strada, ma piuttosto le mille piccole conversioni e riconciliazioni, i mille piccoli digiuni e disarmi, le mille piccole scelte alternative che non attendono il via dal ponte di comando, né rimandano a improbabili vittorie finali l’impresa della ricostruzione”.

pro dialog