Euromediterranea Euromediterranea 2015 - Da Langer a Srebrenica iniziative cuturali

2003: peace/guerra Frieden 2004: Europa 25-es.Polonia 2005: Langer/Srebrenica 2006: Anak Indonesia 2007: Aids - Sudafrica 2008: Ayuub - Somalia 2009: equal rights Iran 2010: memoria attiva 2011 haiti alive 2012 - Arabellion - Tunisia 2013 - L'arte del prendersi cura 2014 - Borderlands 2015 - Da Langer a Srebrenica
iniziative cuturali
stampa, report e commenti
2016 Euromediterranea 2017 - Andare oltre 2018 - Una terra in dialogo 2019 - Pro Europa
2005 10 anni con Alex (15) 2005 Brindisi per Alex (7) 2005 euromed - Sarajevo (6) 2005 Ricordi (5) 2006 Children of Memory (13) 2006 euromed-Ibu award (14) 2012 Arabellion! Donne in cammino (0) euromed 2005 - Brenner/o (11) euromed 2005 - Convivenza (12) euromed 2005 - ecologia (12) euromed 2005 - Hallo Ibrahim (2) euromed 2005 - Landtag (5) euromed 2005 - musica (19) euromed 2005 - srebrenica (17) euromed 2005 - srebrenica 2 (18) euromed 2005 - srebrenica 3 (17) euromed 2005 - srebrenica 4 (14) euromed 2005 - summerschool (18) euromed 2005 - summerschool 2 (19) euromed 2005 - summerschool 3 (6) euromed 2009 - Iran (29) euromed 2013-donatori musica (46) Euromed 2015-alex/Bosnia (40) euromediterranea 2011 - Haiti alive (14) EUROMEDITERRANEA 2014 BORDERLANDS (2) EUROMEDITERRANEA 2016 (21)

Il don Quijote tra Srebrenica Bolzano. A Tuzla il 4 luglio 2015

27.6.2015, Operation Day Work - Teatro Zappa - Adopt Srebrenica, Festival ArTZ

A Bolzano giovani di Srebrenica e studenti del Liceo Pascoli hanno messo  in scena il risultato del loro comune laboratorio teatrale sul “don Quijote” di Miguel de Unamuno.

Ora l'esperienza si allarga e ritorna per le strade di Tuzla, ben prima dell'inizio delle giornate di Euromediterrane dal 3 al 5 luglio. Con la collaborazione di Teatro Zappa di Bolzano  e Festival ArTZ (BiH)


ascolta l'intervista su Radio RAI - Greenwich

(intervista Greenwich - magazine in Radio3-Alto Adige)

E' arrivato a Bolzano (con una puntata anche a Venezia) un gruppo di ragazze e ragazzi di Srebrenica che nel 2013 avevano partecipato a un laboratorio teatrale, finanziato da Operation Daywork e condotto da Teatro Zappa Theater in collaborazione con la Fondazione Alexander Langer Stiftung.

Sono Nina Gagic, Ademir Muharemovic, Nikolina Milovanovic, Senad Dzananovic, Valentina Radovic e Aksel Hoti, accompagnati da Valentina Gagic, tra le fondatrici del gruppo Adopt Srebrenica.

Il linguaggio teatrale era stato scelto come veicolo "informale" di elaborazione di contenuti, avendo valutato nel corso degli anni, la difficoltà, da parte delle nuove generazioni, di avviare percorsi di dialogo interetnico su questioni "sensibili" del loro recente drammatico passato.

E' un gruppo misto, che nel 2013 è stato costruito a Srebrenica, con tutte le difficoltà che si possono immaginare, ma che dopo i risultati positivi prodotti dal laboratorio teatrale è arrivato a Bolzano per interagire con un gruppo di studenti dell'Istituto Giovanni Pascoli, con il quale, lo scorso anno il Teatro Zappa ha lavorato con la stessa modalità espressiva partendo dallo stesso testo: il don Quijote di Miguel de Unamuno, che è servito come cornice per far esprimere ai ragazzi bosniaci e sudtirolesi propri ideali, paure, e sogni

Dopo tre giorni intensi di comune laboratorio teatrale, mercoledì 14 gennaio, alle ore 11, l'esito di questo impegnativo lavoro è stato presentato agli studenti al pubblico, presso l' Aula Magna dell' Istituto Giovanni Pascoli.

 



pro dialog