pro dialog

Alexander Langer

Sulla sopravvivenza del quotidiano Borba (Belgrado)
Proposta di risoluzione con richiesta di inclusione nella discussione su problemi d'attualità, urgenti e di notevole rilevanza presentata a norma dell'articolo 47 del regolamento dagli onn. Langer e Aelvoet a nome del gruppo V sulla sopravvivenza del quotidiano "Borba" (Belgrado)

Il Parlamento europeo,

A. ricordando le sue costanti richieste a favore di mezzi di informazione liberi nell'intera regione dell'ex Jugoslavia,

B. considerando la circostanza che il quotidiano di Belgrado "Borba" da oltre un decennio rappresenta un'importante voce indipendente, critica e democratica nel settore dell'informazione e che continua a svolgere ancora oggi tale funzione in condizioni estremamente difficili,

C. considerando che proprio nelle ultime settimane le pressioni politiche del regime di Belgrado contro "Borba" sono aumentate enormemente e che il riconoscimento internazionale concesso al Presidente Milosevic da parte di taluni governi gli hanno facilitato l'azione volta ad isolare le voci critiche,

D. venuto a conoscenza del fatto che il governo di Belgrado, in quanto azionista di minoranza della società editrice "Borba", tenta ora per vie legali di sopprimere l'indipendenza del quotidiano e di assumerne il controllo,

1. sottolinea l'interesse dei democratici europei alla sopravvivenza e all'attività senza ostacoli dei mezzi di informazione liberi e in particolare del quotidiano "Borba";

2. sollecita la Commissione e il Consiglio, nonché i governi degli Stati membri,a esercitare la propria influenza affinché venga rispettata l'indipendenza del quotidiano "Borba";

3. riafferma con vigore il convincimento che la Commissione, il Consiglio e gli Stati membri hanno sottovalutato finora del tutto il ruolo della libera informazione e dei mezzi di informazione non nazionalisti, che li hanno sostenuti in misura assolutamente insufficiente e che vanno messi a disposizione mezzi adeguati a tale scopo;

4. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione alla Commissione, al Consiglio, al governo della "Federazione iugoslava" e alla redazione del quotidiano "Borba" di Belgrado.