Fondazione Fondazione bacheca 2015

Statuto CdA - Revisori Comitato Scientifico-Garanzia bacheca 2005 bacheca 2006 bacheca 2007 bacheca 2008 bacheca 2009 bacheca 2010 bacheca 2011 bacheca 2012 bacheca 2013 bacheca 2014 bacheca 2015
bacheca 2016 bacheca 2017 bacheca 2018 bacheca 2019 bacheca 2020 Bergamaschi Paolo-info Mezzalira Giorgio Info memoria adelaide aglietta andreina emeri anna segre anna bravo lisa foa renzo imbeni marino vocci giuseppina ciuffreda clemente manenti simone sechi Programma attività bilanci consuntivi Relazioni finali findbuch - archivio Quaderni della Fondazione
RE 2009-giardino dell'Arca (18) Spazio all'integrazione! (12)

Newsletter - Evento domani 21.11 - "Metz Yeghern. Il grande male". Un viaggio nella memoria

20.11.2015

Vi segnaliamo con piacere questo evento che si tiene sabato 21 novembre h 11:00 al Teatro Cristallo di Bolzano:

«Metz Yeghern. Il grande male». Un viaggio nella memoria.

La scrittrice Antonia Arslan al Teatro Cristallo per parlare del genocidio degli armeni.

Antonia Arslan, ha dedicato buona parte della sua vita a compiere questo percorso, a far ricordare il genocidio degli Armeni, di cui parlerà nella conferenza «Metz Yeghern. Il grande male» moderata dal giornalista Paolo Mazzucato. Insieme a lei sul palco del Cristallo interverrà Mauro Di Vieste collaboratore dell’Associazione per i Popoli Minacciati e direttore dell’associazione Biblioteca Culture del Mondo,
mentre alcune letture di brani saranno affidate a Barbara Fingerle.

Durante la conferenza verrà proiettato un estratto del reportage di Andrea Rizza Goldstein (Fondazione Alexander Langer Stiftung) sul Musa Dagh, sui luoghi della resistenza armena.

Antonia Arslan, scrittrice padovana di origine armena ha venduto centinaia di migliaia di copie dei suoi libri, in particolare per «La masseria delle allodole», romanzo con cui ha vinto il premio Strega per la narrativa, «La strada di Smirne» e «Il rumore delle pietre di legno», ma è anche autrice di numerosi saggi ed è stata per molti anni professoressa di Letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università di Padova. Ha scritto saggi sulla narrativa popolare e d’appendice (Dame, droga e galline. Il romanzo popolare italiano fra Ottocento e Novecento) e sulla galassia delle scrittrici italiane (Dame, galline e regine. La scrittura femminile italiana fra ‘800 e ‘900). Attraverso l’opera del grande poeta armeno Daniel Varujan, del quale ha tradotto le raccolte II canto del pane e Mari di grano, ha dato voce alla sua identità armena. Ha curato un libretto divulgativo sul genocidio armeno (Metz Yeghèrn, Il genocidio degli Armeni di Claude Mutafian) e una raccolta di testimonianze di sopravvissuti rifugiatisi in Italia (Hushèr. La memoria. Voci italiane di sopravvissuti armeni).

Per info:

andrea@alexanderlanger.net

0471- 977.691

pro dialog