pro dialog
Roma-7 aprile 2014: XX Giornata Internazionale del genocidio in Rwanda

Il 7 aprile 2014, in occasione del Ventennale del Genocidio del Rwanda, Bene Rwanda Onlus ha organizzato al Campidoglio una manifestazione pubblica per raccontare ciò che è accaduto nel 1994 in Rwanda e per riflettere sull’attuale emergenza delle guerre in Africa.

Riascoltabile sul sito di Radio Radicale
http://www.radioradicale.it/scheda/407874

Insieme al Budapest Centre for the International Prevention of Genocide and Mass Atrocities ed alla John Cabot University, Bene Rwand Onlus,  presso la Sala Protomoteca del Palazzo del Campidoglio in Roma, ha ospitato un incontro importante (Rwanda 20 anni) per non dimenticare la strage dei Tutsi in Rwanda.

Quella del Ruanda (Rwanda) fu un’atroce pagina di sangue che ricade anche e soprattutto sulla cecità e la pigrizia di noi occidentali, incapaci di volgere lo sguardo alla realtà africana. Come se fosse da noi “separata”.

Presenti ospiti autorevoli fra cui Yolande Mukagasana, soppravvisuta al genocidio, scrittrice e vincitrice della mensione Unesco per l’educazione alla pace e importanti figure internazionali quali Staffan De Mistura, Karel Kovanda Federigo Argentieri e Enzo M. Le Fevre Cervini.

Un primo dibattito moderato da Francoise Kankindi, presidente dell’associazione Bene Rwanda con la partecipazione di Gianluca Peciola, vice presidente Commisssione Cultura in Campidoglio, Lidia Ravera, assessore alle Politiche Culturali Regione Lazio, Fabio Graziosi, responsabile UNRIC per l’Italia, Paolo Ricca, presidente della Tavola Valdese e Francesco Alicicco, Console Onorario del Rwanda a Roma.

A partire dalle 11.30 il dibattito, moderato da Federigo Argentieri, professore di Scienze Politiche alla John Cabot University, si focalizzerà maggiormente sugli aspetti internazionali e sul ruolo dell’Occidente con la partecipazione di Staffan De Mistura, già vice ministro degli Affari Esteri, Karel Kovanda, vice direttore generale Commissione Europea e nel 1994 Ambasciatore della Repubblica Ceca presso il Consiglio di Sicurezza dove parlò pubblicamente per la prima volta di “genocidio”.

Nel pomeriggio, a partire dalle ore 15.00, una tavola rotonda moderata da Marie Claire Safari, Presidente dell’associazione Umubyeyi Mwiza, con la presenza del regista Alexandre Dauge-Roth, Daniele Scaglione, scrittore, Enzo M. Le Fevre Cervini, direttore Budapest Centre for the International Prevention of Genocide and Mass Atrocities, Milena Santerini, Onorevole e professore dell’Università Cattolica di Milano.

La Giornata della Memoria si è chiusa  alle ore 17.00, con la presentazione e la proiezione in anteprima italiana del film, premio miglior documentario al Silicon Valley African Film Festival, La notte del Rwanda (95 min. sottotitoli in italiano) di Gilbert Ndahayo, sopravvissuto al genocidio che, presente alla proiezione, offrirà la sua testimonianza al pubblico.

YOLANDE MUKAGASANA e JACQUELINE MUKANSONERA, sono state destinatarie nel 1998 del Premio internazionale Alexander Langer