Euromediterranea Euromediterranea 2013 - L'arte del prendersi cura rassegna stampa

2003: peace/guerra Frieden 2004: Europa 25-es.Polonia 2005: Langer/Srebrenica 2006: Anak Indonesia 2007: Aids - Sudafrica 2008: Ayuub - Somalia 2009: equal rights Iran 2010: memoria attiva 2011 haiti alive 2012 - Arabellion - Tunisia 2013 - L'arte del prendersi cura
biografie-bibliografie rassegna stampa
2014 - Borderlands 2015 - Da Langer a Srebrenica 2016 Euromediterranea 2017 - Andare oltre 2018 - Una terra in dialogo 2019 - Pro Europa 2022 - Legami Beziehungen
2005 10 anni con Alex (15) 2005 Brindisi per Alex (7) 2005 euromed - Sarajevo (6) 2005 Ricordi (5) 2006 Children of Memory (13) 2006 euromed-Ibu award (14) 2012 Arabellion! Donne in cammino (0) euromed 2005 - Brenner/o (11) euromed 2005 - Convivenza (12) euromed 2005 - ecologia (12) euromed 2005 - Hallo Ibrahim (2) euromed 2005 - Landtag (5) euromed 2005 - musica (19) euromed 2005 - srebrenica (17) euromed 2005 - srebrenica 2 (18) euromed 2005 - srebrenica 3 (17) euromed 2005 - srebrenica 4 (14) euromed 2005 - summerschool (18) euromed 2005 - summerschool 2 (19) euromed 2005 - summerschool 3 (6) euromed 2009 - Iran (58) euromed 2013-donatori musica (46) Euromed 2015-alex/Bosnia (40) euromediterranea 2011 - Haiti alive (14) EUROMEDITERRANEA 2014 BORDERLANDS (2) EUROMEDITERRANEA 2016 (21) Euromediterranea 2022 - Legami Beziehungen (2)

Azienda Sanitaria Alto Adige: Barbara Duden sulla medicalizzazione della vita

26.6.2013, comunicato

Il 4 luglio Barbara Duden, storica, sociologa, esperta di storia della medicina e pioniera della storia del corpo di fama internazionale, terrà un incontro sul tema “Salute? No, grazie! Le posizioni coraggiose di Ivan Illich sulla medicalizzazione della vita”.

Nel suo libro pubblicato per la prima volta nel 1975 Ivan Illich dimostra come certi gruppi di interesse e le loro ideologie rendono il paziente un consumatore di medicina dipendente e la medicina un bene di consumo.

Esempi di queste tendenze alla medicalizzazione sono tra gli altri il trattamento medico di situazioni determinate anche da molti fattori sociali; l’aumento dell’offerta di sanità per una “ottimizzazione” della vita invece di limitarsi al trattamento di malattie (ad es. la medicina anti-aging, la chirurgia cosmetica) o la tendenza alla delega della responsabilità ai medici e al sistema sanitario e la conseguente incapacità di autogestione della persona anche in caso di piccoli malesseri o nell’ambito di fenomeni che fanno parte del naturale decorso della vita (nascita, morte).

I collaboratori e le collaboratrici della sanità e del sociale, nonché tutti i cittadini e le cittadine sono cordialmente invitati. Ingresso  libero, traduzione simultanea tedesco-italiano, non c’è bisogno di iscrizione.

 

Dove e quando?

Giovedì, 4 luglio, ore 17.30

Auditorium del Palazzo provinciale 12

via Via C. Michael Gamper 1

Bolzano (parcheggio sotterraneo)

La serata è organizzata con il contributo della Ripartizione Sanità della Provincia autonoma di Bolzano.

 

Comunicato stampa

pro dialog