Adopt Srebrenica Adopt Srebrenica Irfanka Pašagić - commenti

Chi siamo Centro di documentazione Adopt Srebrenica Io non odio/Ja ne mrzim - La storia di Zijo Euromediterranea 2015 in Bosnia-Erzegovina Settimana Internazionale 2014 Settimana Internazionale 2013 Settimana Internazionale 2012 Settimana Internazionale 2011 dosta! Srebrenica&Bolzano 2011 Viaggio 11 luglio 2010 Settimana Internazionale 2010 Viaggio 11 luglio 2009 News e appuntamenti 2009-2014 Settimana Internazionale 2009 Diario da Srebrenica 2009 Viaggio a Strasburgo 2009 Su Srebrenica e sulla Bosnia 2005/2009 Eventi "Al di là della guerra" 2009 Irfanka Pašagić - commenti
Viaggio 11 luglio 2008 Dopo Dayton / maggio 2008 Settimana Internazionale 2008 Viaggio 11 luglio 2007 / scritti 2005-2007 Settimana Internazionale 2007 Media coverage 2005 / 2007 Link Emergenza alluvioni BIH 2014-2015 Osmače e Brežani / Premio Carlo Scarpa 2014 adopt srebrenica 2018 adopt srebrenica 2016 adopt srebrenica 2019 Adopt Srebrenica 2017 Tuzla ricorda Alexander Langer I fiori di Srebrenica - Quaderno Rete Lilliput Ferrara 11 luglio 2020 dal Sudtirolo a Srebrenica Srebrenica - Tuzla 2020
Adopt Srebrenica Group (6) as / Vivere Srebrenica 2010 (3) as-viaggi memoria e 11 luglio 2009 (52) Bz-Dayton Culture 06.17 (6) Bz-Dayton Eurac 15.06 (5) Bz-Dayton faces (10) Bz-Dayton Master Meeting 06.17 (13) Bz-Dayton Meeting with local institutions 06.16 (2) Bz-Dayton-Conference 06.17 (17) Bz-Dayton-Meeting Trento 06-16 (15) euromed 2015-mostra (14) Sett.internazionale 2011 (36) Settimana internaz 2007 (9) Settimana internaz. 2008 (37) settimana internaz.2008-2 (17) Settimana internaz.2009 (28) settimana internazioale 2014 (52) Srebrenica -Potocari - 11.7.2007 (9) srebrenica-mars mira 2010 (8) Srebrenica-Potocari 11.7.2005 (9) Srebrenica-Potocari 11.7.2005 (4) Srebrenica-Potocari 11.7.2006 (6) Tuzla - 07 - 2006 (9) Tuzla - Modena City Ramblers (4) Tuzlanska Amica (13) viaggio a strasburgo 2009 (26)

Tuzlanska Amica - Le parole di Kemal Monteno

25.1.2015, Tuzlanska Amica e Irfanka

Orrificati dagli avvenimenti in Francia, Ucraina, Siria, Nigeria...consapevoli, in base alla propria esperienza, che ogni morte , soprattutto se e' violenta e causata da odio umano, ferisce anche centinaia di altre, vorremmo condividere con voi una nostra storia.

Un paio di giorni fa e' morto Kemal Monteno, un cantautore che da decenni suona per tutti noi, senza distinzioni di nazionalita' e religione,  che con la canzone portava il calore nei cuori. E in qualche modo legava in modo speciale la Bosnia e l'Italia. Sua madre era bosniaca e i genitori hanno voluto che portasse un nome bosniaco. Suo padre era un militare italiano, che per amore dopo la seconda guerra mondiale e' rimasto a vivere in Bosnia Eregovina. E da li il suo cognome italiano. Con un fascino italiano e uno spirito bosniaco era ed e' rimasto parte della vita delle generazioni dell'ex-Jugoslavia ed e' incredibile in quanti fossero ad amarlo.

Forse e' proprio per questo che nel 1992, all'inizio della guerra, dalla Sarajevo assediata, insieme agli amici da diverse parti della Jugoslavia che si stava disfando, ha scritto sicuramente la canzone d'amore piu' bella nella quale si menziona la guerra.

Ci auguriamo sinceramente che in questa follia di cui siamo testimoni, la ragione avra' la meglio e che una storia cosi bella- triste, su un' uomo nato dall'amore in un tempo in cui l'amore sembrava impossibile, un' uomo che ha passato la vita diffondendo e cantando l'amore, un'uomo che anche in guerra e nell'inferno Sarajevese sapeva mandare il messaggio  ( "Se chiedi dove sono ora, non me ne vado da questa citta', tutto il mio e' rimasto qui', se chiedi come sto, se ti  roknu solo due, si direbbe tutto da solo, che a nessuno si ripeta piu' "  che sara' la conferma che per il bene, e contro la guerra e le uccisioni, si puo' sempre lottare, anche quando cio' sembra impossibile.

Kemal Montero su you tube

*roknu =  nel gergo,  nel contesto significa colpo di granata.

Cordialmente, Irfanka e Tuzlanska Amica

 

pro dialog