Premio Internazionale Premio Internazionale premio 2011 Haiti premio Langer alla Camera dei Deputati

Premio regolamento Libro Premi Langer alla CAmera Anna Bravo: il filo rosso dei Premi I premi 1997-2018 Premio 1997 Algeria Premio 1998 Ruanda Premio 1999 Cina Premio 2000 Kosovo-Serbia Premio 2003 Italia Premio 2004 Polonia Premio 2001 Israel-Palest. Premio 2002 Ecuador Premio 2005 Bosnia Erzegovina Premio 2007 Sudafrica Premio 2006 Indonesia Premio 2008: Somalia premio 2009: Iran premio 2010 Fondazione Stava premio 2011 Haiti
premio Langer alla Camera dei Deputati
motivazione
premio 2012 Tunisia premio 2013 - Donatori di musica Premio 2014 Borderline Sicilia Premio 2015 - Adopt, Srebrenica premio 2017 - Angalià - Asgi premio 2018 - Istituto Arava
premi Langer 1997- 2011 (18) Premio 2004 (2) Premio 2005 (13) Premio 2006 (8) Premio 2007 (15) premio 2008 (18) premio 2008 -II (18) premio 2009 (36) premio 2010 (6) premio 2011 - haiti (36) premio 2012 - Tunisia (26) premio 2013 - Donatori di musica (15)

24 aprile - secondo anniversario dell'assassinio di Dadoue Printemps ad Haiti, premio Langer 2011 alla memoria

18.4.2012, Marianita De Ambrogio Rete Radié Resch Padova

Il 24 aprile ricorre il secondo anniversario dell'assassinio di Dadoue, sono stati anni dolorosi e difficili ma caratterizzati dall'impegno a proseguire sul cammino da lei indicato.

Di questo ci ha parlato Willot al convegno della Rete raccontandoci la storia dei contadini della montagna, i senza terra haitiani in mezzo ai quali Dadoue scelse di vivere fondando FDDPA, la Forza - come amava sottolineare - per la difesa dei loro diritti; della solidarietà tra i contadini e gli oppressi della terra ci ha parlato Patrola, Sem Terra brasiliano che da 3 anni condivide la condizione dei contadini haitiani.

Anche Martine continua il cammino di Dadoue lavorando con le donne: "Voglio continuare e trarre piacere - ci scrive -  a lavorare con i bambini e con queste donne che hanno anch’esse bisogno di me per lottare per il cambiamento della loro realtà sociale.

A dirti francamente, lavorare con queste donne è un onore per me. Due anni fa, infatti, non sapevo nemmeno di essere destinata a lavorare in tutta libertà e benevolmente con delle donne contadine, ma oggi, ogni volta che mi trovo in mezzo a loro, sono sempre più convinta a imparare ad aiutarle, e ad aiutare me stessa a comprendere di non avere troppe comodità rispetto alla vita che conducevo prima. Voglio fare qualcosa di buono per la nuova Haiti che tutti sogniamo.

Per quest’anno, abbiamo dedicato la giornata internazionale delle donne,  alle donne rurali. Per una volta, le donne contadine sono state molto fiere di poter godere di questa giornata perché succede molto raramente che ci si ricordi delle donne della campagna.

Il tema era: 'Donna contadina polmone della vita, lottiamo insieme per la nostra realtà sociale'. Ci sono stati interventi, canti, molta animazione, scene teatrali, parole di incoraggiamento da parte delle/dei partecipanti, da Katienne, Dofiné, La Chapelle, Fondol. C’erano più di un centinaio di donne  su una spiaggia a Pierre Payen alle 10 del mattino.  

Le donne di Pierre Payen sono straordinarie, sono molto dinamiche, incoraggianti e hanno molti talenti. Ma hanno bisogno di inquadramento e di aiuto per realizzare alcuni progetti, come per esempio, la creazione di una cassa popolare, abbiamo avuto 12 incontri con le diverse zone della regione di Pierre Payen, poi c’è stato un grande incontro con tutte queste donne per creare un comitato di rappresentanti per ogni zona, e creare anche i vari consigli (consiglio di amministrazione, di sorveglianza, comitato di credito e di formazione, come il comitato di sensibilizzazione). Ora, siamo preoccupati per la realizzazione di questo progetto in tema di strutture, concezione e materiali. Ora, si tenta di scrivere a alcune istituzioni del nostro paese se ci possono aiutare ad attuare la cassa. C’è molto da fare e queste donne  hanno la necessità di provvedere al loro quotidiano.

Non preoccuparti per Fondol (catena dei Matheux), io continuo ad andare avanti con le donne di Fondol, la bottega funziona, per questa settimana compreremo degli strumenti di lavoro, perché la stagione di coltivazione delle terre comincia già. C’è stato un grande incontro con tutte  le donne di Fondol e si è creato anche un comitato per ogni zona. Tutti i martedì salgo per la distribuzione dei  prodotti e il rimborso, e per l’inventario della bottega. Infatti, la bottega è aperta tutti i giorni. C’è una giovane donna che sa scrivere per occuparsene. Le donne della cooperativa non cesseranno di ringraziare la Rete e le donne del sindacato CGIL, di aver avuto questa buona intenzione di pensare a aiutarle. Ora, noi riflettiamo sull’alfabetizzazione e su una scuola professionale come quella creata da Dadoue nel Nord Ovest. A nome di tutte le donne di FDDPA, un saluto e un abbraccio".

In questi giorni FDDPA si sta preparando a celebrare l'anniversario della morte di Dadoue. Scrive Jean:

"Ora stiamo riflettendo sul modo in cui commemoreremo l'anniversario della morte di Dadoue, e quest’anno vogliamo caratterizzare quest’anniversario con attività concrete che si ispirino all’opera e ai sogni di Dadoue.

Così l'idea per quest’anno è di organizzare una Carovana con un percorso che colleghi le diverse zone dove Dadoue lavorava e militava. Si prevede lo svolgimento di queste attività dal 24 Aprile, data dell'assassinio, al 1 Maggio, giornata del lavoro, che è anche il giorno in cui Dadoue è stata sepolta.

Il tema scelto per quest’anno è : ‘ SEGUIAMO LE TRACCE DI DADOUE’."


Anche per noi è questo l'impegno che, per noi, significa innanzitutto mantenere viva le relazione con le donne e gli uomini di FDDPA e continuare nel nostro sostegno alla loro lotta per il cambiamento.

 

pro dialog