Premio Internazionale Premio Internazionale premio 2009: Iran arresto Narges Mohammadi

Premio regolamento Libro Premi Langer alla CAmera Anna Bravo: il filo rosso dei Premi I premi 1997-2017 Premio 1997 Algeria Premio 1998 Ruanda Premio 1999 Cina Premio 2000 Kosovo-Serbia Premio 2003 Italia Premio 2004 Polonia Premio 2001 Israel-Palest. Premio 2002 Ecuador Premio 2005 Bosnia Erzegovina Premio 2007 Sudafrica Premio 2006 Indonesia Premio 2008: Somalia premio 2009: Iran
rassegna stampa arresto Narges Mohammadi
link motivazione
premio 2010 Fondazione Stava premio 2011 Haiti premio 2012 Tunisia premio 2013 - Donatori di musica Premio 2014 Borderline Sicilia Premio 2015 - Adopt, Srebrenica premio 2017 - AngaliĆ  - Asgi premio 2018 - Istituto Arava
premi Langer 1997- 2011 (18) Premio 2004 (2) Premio 2005 (13) Premio 2006 (8) Premio 2007 (15) premio 2008 (18) premio 2008 -II (18) premio 2009 (36) premio 2010 (6) premio 2011 - haiti (36) premio 2012 - Tunisia (26) premio 2013 - Donatori di musica (15)

Narges Muhammadi, attivista per i diritti umani in Iran, premio Langer 2009, condannata a 11 anni di prigione.

28.9.2011, Radio Zamaaneh, 27. September 2011

Continua e si aggrava la persecuzione giudiziaria in Iran di Narges Muhammadi, premio Alexander Langer 2009. Alcuni giorni fa era stata condannata a 6 anni di carcere Nasrin Sotoudeh,

A loro la solidarietà della Fondazione, con il rinnovato impegno a sostenere il loro impegno per la difesa dei diritti umani e per la democrazia.

 

Narges Muhammadi, attivista per i diritti umani in Iran, condannata a 11 anni di prigione.

 

Zamaaneh, 27 settembre 2011. Narges Mohammadi, vice-presidente del Centro iraniano per i diritti umani e direttrice del “National Council of Peace”, è stata condannata da un tribunale della Repubblica Islamica a 11 anni di carcere.

 

Attraverso la BBC Narges Muhammadi ha fatto sapere che intende presentare ricorso contro la sentenza..”Non sono né una politica né una sovversiva, perciò non posso accettare questa condanna”.

 

In aprile 2010 Narges Muhammadi era stata incarcerata per la sua collaborazione al Centro per la difesa dei diritti umani e poi scarcerata con il pagamento di una cauzione di 50.000 dollari. Nel giugno successivo era stata di nuovo incarcerata e rilasciata un mese dopo.

 

Era stata accusata di “ riunione illegale e attentato alla sicurezza nazionale, partecipazione a organizzazioni che hanno l'obiettivo di mettere a rischio la sicurezza nazionale, propaganda antigovernativa.

 

Narges Muhammadi replica che lei è semplicemente un'attivista dei diritti umani e dichiara di voler respingere con fermezza le argomentazioni della sentenza di condanna.

 

Info: http://www.alexanderlanger.org/it/605

pro dialog