Euromediterranea Euromediterranea 2009: equal rights Iran

2003: peace/guerra Frieden 2004: Europa 25-es.Polonia 2005: Langer/Srebrenica 2006: Anak Indonesia 2007: Aids - Sudafrica 2008: Ayuub - Somalia 2009: equal rights Iran
info stampa relatrici relatori link
2010: memoria attiva 2011 haiti alive 2012 - Arabellion - Tunisia 2013 - L'arte del prendersi cura 2014 - Borderlands 2015 - Da Langer a Srebrenica 2016 Euromediterranea 2017 - Andare oltre 2018 - Una terra in dialogo 2019 - Pro Europa
2005 10 anni con Alex (15) 2005 Brindisi per Alex (7) 2005 euromed - Sarajevo (6) 2005 Ricordi (5) 2006 Children of Memory (13) 2006 euromed-Ibu award (14) 2012 Arabellion! Donne in cammino (0) euromed 2005 - Brenner/o (11) euromed 2005 - Convivenza (12) euromed 2005 - ecologia (12) euromed 2005 - Hallo Ibrahim (2) euromed 2005 - Landtag (5) euromed 2005 - musica (19) euromed 2005 - srebrenica (17) euromed 2005 - srebrenica 2 (18) euromed 2005 - srebrenica 3 (17) euromed 2005 - srebrenica 4 (14) euromed 2005 - summerschool (18) euromed 2005 - summerschool 2 (19) euromed 2005 - summerschool 3 (6) euromed 2009 - Iran (29) euromed 2013-donatori musica (46) Euromed 2015-alex/Bosnia (40) euromediterranea 2011 - Haiti alive (14) EUROMEDITERRANEA 2014 BORDERLANDS (2) EUROMEDITERRANEA 2016 (21)

Il genio femminile delle lotte di libertà

27.7.2009, Il corriere fiorentino

L’ha scritto Adriano Sofri: alla base della lotta democratica in Iran c’è anche il desiderio delle ragazze di farsi scompigliare i capelli dal vento. In libertà.  C’è un diffuso “genio femminile” nelle lotte di libertà dei nostri tempi. Si pensi alle figure-simbolo. A quelle che, per rendere testimonianza alla cultura dei diritti, hanno pagato con la vita.  Ad Anna Politkovskaja e a Natalia Estemirova. Fu sepolta, Anna, con una fascia bianca sulla fronte. A nascondere, forse, una ferita. O a simboleggiare il candore temerario di una sfida alla protervia del potere.
C’è candore, ma anche lucidità, nei percorsi delle molte donne che sono un riferimento per le lotte per i diritti umani. Donne rinchiuse, come Aung San Suu Kyi, il cui silenzio continua a sfidare la Giunta militare birmana. Donne costrette ad un sostanziale esilio, come l’ avvocatessa  dei soggetti più indifesi della società iraniana, Shirin Ebadi. Che continua a farsi paladina, in giro per il mondo, delle istanze dell’ “Onda verde”.
C’ è un timbro femminile a connotare, comunque, in modo nuovo anche l’ anelito di giustizia del continente latinoamericano. Con Rigoberta Menchù, portavoce  degli eredi dei “nativi” americani. Con Ingrid Betancourt, sostenitrice di una declinazione nonviolenta delle lotte per la promozione umana.
Il protagonismo dell’ “altra metà del cielo” (quella femminile) si configura come una questione di carattere planetario. Che sfida consuetudini,  mentalità e sistemi giuridici e che scombina il rigido confronto fra “culture” diverse intese come blocchi monolitici.
E’ musulmana, e democratica, Khalida Messaoudi, che, da anni, in Algeria, anima la resistenza al terrorismo islamista. Un suo libro, pubblicato qualche anno fa in Italia (ed. Mondadori) ha un titolo significativo: “Una donna in piedi”. Sembra rendere il senso, con una semplice immagine, dell’impegno delle donne che per se stesse, e per l’umanità intera, stanno contribuendo a scrivere una pagina nuova della storia.

                  Severino Saccardi

pro dialog