Adopt Srebrenica Adopt Srebrenica Settimana Internazionale 2008 Stampa e resoconti

Chi siamo Centro di documentazione Adopt Srebrenica Io non odio/Ja ne mrzim - La storia di Zijo Euromediterranea 2015 in Bosnia-Erzegovina Settimana Internazionale 2014 Settimana Internazionale 2013 Settimana Internazionale 2012 Settimana Internazionale 2011 dosta! Srebrenica&Bolzano 2011 Viaggio 11 luglio 2010 Settimana Internazionale 2010 Viaggio 11 luglio 2009 News e appuntamenti 2009-2014 Settimana Internazionale 2009 Diario da Srebrenica 2009 Viaggio a Strasburgo 2009 Su Srebrenica e sulla Bosnia 2005/2009 Eventi "Al di là della guerra" 2009 Irfanka Pašagić - commenti Dopo Dayton / maggio 2008 Settimana Internazionale 2008
Introduzione Programma della settimana Conferenza internazionale Workshop per i partecipanti Workshop per i giovani Workshop per i bambini Eventi artistici Informazioni ed iscrizioni Patrocini e collaborazioni Stampa e resoconti
Viaggio 11 luglio 2008 Viaggio 11 luglio 2007 / scritti 2005-2007 Settimana Internazionale 2007 Media coverage 2005 / 2007 Link Emergenza alluvioni BIH 2014-2015 Osmače e Brežani / Premio Carlo Scarpa 2014 adopt srebrenica 2018 adopt srebrenica 2016 adopt srebrenica 2019 Adopt Srebrenica 2017 Tuzla ricorda Alexander Langer I fiori di Srebrenica - Quaderno Rete Lilliput Ferrara 11 luglio 2020 dal Sudtirolo a Srebrenica
Adopt Srebrenica Group (6) as / Vivere Srebrenica 2010 (3) as-viaggi memoria e 11 luglio 2009 (52) Bz-Dayton Culture 06.17 (6) Bz-Dayton Eurac 15.06 (5) Bz-Dayton faces (10) Bz-Dayton Master Meeting 06.17 (13) Bz-Dayton Meeting with local institutions 06.16 (2) Bz-Dayton-Conference 06.17 (17) Bz-Dayton-Meeting Trento 06-16 (15) euromed 2015-mostra (14) Sett.internazionale 2011 (36) Settimana internaz 2007 (9) Settimana internaz. 2008 (37) settimana internaz.2008-2 (17) Settimana internaz.2009 (28) settimana internazioale 2014 (52) Srebrenica -Potocari - 11.7.2007 (9) srebrenica-mars mira 2010 (8) Srebrenica-Potocari 11.7.2005 (4) Srebrenica-Potocari 11.7.2005 (9) Srebrenica-Potocari 11.7.2006 (6) Tuzla - 07 - 2006 (9) Tuzla - Modena City Ramblers (4) Tuzlanska Amica (13) viaggio a strasburgo 2009 (26)

Laboratorio di scrittura creativa sul lago Perucac

19.9.2008, Fondazione Alexander Langer Stiftung

Tra le pieghe delle tante attività della Settimana, sul lago Perucac abbiamo fatto una breve sessione di scrittura. Erano giorni che avevamo voglia di scrivere, ne parlavamo durante le camminate nei boschi intorno a Srebrenica, ma non riuscivamo a trovarne il tempo.

Ci siamo trovati in sette: persone diverse tra loro per età, sesso, vicende di vita, lingua madre.

Era una bellissima giornata di sole e abbiamo scritto seduti all’ombra di un albero, ai bordi dell’acqua che in quel momento era la gioia dei bambini che si erano aggregati, gioia dei ragazzi che ballavano con la musica alta, gioia di tutti noi. Ma anche acqua che riverberava cupezza, acqua in cui nascondere cadaveri trasportati su camion come merce imbarazzante, simili a rifiuti tossici.

Ci siamo sentiti uniti fin da subito, in maniera spontanea, come se fosse scattato l’istinto umano, una volta tanto positivo, della protezione del proprio gruppo. Certamente favoriti dallo scenario in cui eravamo immersi e dall’atmosfera affettuosa che ha scaldato tutta la settimana a Srebrenica.

Il tema scelto era un argomento d’attualità, non per contribuire ai dibattiti in corso con nuove idee né tanto meno per cercare risposte definitive, ma per portare il tema dentro di noi, per indagare noi stessi con lo strumento della scrittura e con quelli offerti dal lavoro di gruppo. Il tema dell’identità, intesa come senso d’appartenenza, ossia di identità collettiva.

Tema delicatissimo e di cui si fa un gran parlare. Noi e loro. Loro e noi.

L’identità è questione delicata, importantissima per tutti.  Troppo spesso diventa bandiera da impugnare contro qualcun altro, ma troppo spesso è anche guardata con sufficienza, come fosse un rimasuglio arcaico, bruto, superabile con la cultura.

Ci sono identità che ci auto-attribuiamo e che ci identificano con una comunità di appartenenza, che sono il frutto della nostra storia personale. E ci sono identità che ci vengono attribuite dagli altri, in cui non necessariamente ci riconosciamo.

Ci sono appartenenze che ci fanno sentire al sicuro o che accettiamo pur senza entusiasmo. Ci sono viceversa appartenenze che ci gelano il cuore o che semplicemente ci fanno sentire a disagio.

Patrie elettive e patrie natie.

Ci sono soprattutto codici collettivi i quali ci consentono classificazioni che altre persone, appartenenti a culture che hanno codici differenti, non fanno, e magari le loro classificazioni ci paiono astruse. Di questi codici ne siamo generalmente ignari custodi, e gli stereotipi sono tanto più forti quanto meno ne siamo consapevoli.

A Perucac alcuni di noi hanno inteso la propria identità in generale, nel contesto della propria vita, altri l’hanno invece intesa in rapporto al luogo in cui ci trovavamo, la Bosnia. In entrambi i casi portare il tema dentro di noi con la delicatezza che l’arte della scrittura consente, non discuterne astrattamente ma mettere in gioco la nostra persona, ci ha fatto conoscere cose di noi che non sapevamo di sapere. Ci siamo vicendevolmente ascoltati con emozione e partecipazione e abbiamo imparato una parola nuova, inventata da Sebastian: polakezza. Questa parola ce la siamo tutti memorizzata come un augurio per l’anno a venire. Polako polako.

 

Marzia Bisognin, conduttrice del laboratorio di scrittura creativa 

 

pro dialog