Adopt Srebrenica Adopt Srebrenica Settimana Internazionale 2008 Stampa e resoconti

Chi siamo Centro di documentazione Adopt Srebrenica Io non odio/Ja ne mrzim - La storia di Zijo Euromediterranea 2015 in Bosnia-Erzegovina Settimana Internazionale 2014 Settimana Internazionale 2013 Settimana Internazionale 2012 Settimana Internazionale 2011 dosta! Srebrenica&Bolzano 2011 Viaggio 11 luglio 2010 Settimana Internazionale 2010 Viaggio 11 luglio 2009 News e appuntamenti 2009-2014 Settimana Internazionale 2009 Diario da Srebrenica 2009 Viaggio a Strasburgo 2009 Su Srebrenica e sulla Bosnia 2005/2009 Eventi "Al di là della guerra" 2009 Irfanka Pašagić - commenti Dopo Dayton / maggio 2008 Settimana Internazionale 2008
Introduzione Programma della settimana Conferenza internazionale Workshop per i partecipanti Workshop per i giovani Workshop per i bambini Eventi artistici Informazioni ed iscrizioni Patrocini e collaborazioni Stampa e resoconti
Viaggio 11 luglio 2008 Viaggio 11 luglio 2007 / scritti 2005-2007 Settimana Internazionale 2007 Media coverage 2005 / 2007 Link Emergenza alluvioni BIH 2014-2015 Osmače e Brežani / Premio Carlo Scarpa 2014 adopt srebrenica 2018 adopt srebrenica 2016 adopt srebrenica 2019 Adopt Srebrenica 2017 Tuzla ricorda Alexander Langer I fiori di Srebrenica - Quaderno Rete Lilliput Ferrara 11 luglio 2020 dal Sudtirolo a Srebrenica
Adopt Srebrenica Group (6) as / Vivere Srebrenica 2010 (3) as-viaggi memoria e 11 luglio 2009 (52) Bz-Dayton Culture 06.17 (6) Bz-Dayton Eurac 15.06 (5) Bz-Dayton faces (10) Bz-Dayton Master Meeting 06.17 (13) Bz-Dayton Meeting with local institutions 06.16 (2) Bz-Dayton-Conference 06.17 (17) Bz-Dayton-Meeting Trento 06-16 (15) euromed 2015-mostra (14) Sett.internazionale 2011 (36) Settimana internaz 2007 (9) Settimana internaz. 2008 (37) settimana internaz.2008-2 (17) Settimana internaz.2009 (28) settimana internazioale 2014 (52) Srebrenica -Potocari - 11.7.2007 (9) srebrenica-mars mira 2010 (8) Srebrenica-Potocari 11.7.2005 (4) Srebrenica-Potocari 11.7.2005 (9) Srebrenica-Potocari 11.7.2006 (6) Tuzla - 07 - 2006 (9) Tuzla - Modena City Ramblers (4) Tuzlanska Amica (13) viaggio a strasburgo 2009 (26)

Pensieri da alcuni partecipanti al ritorno dalla Settimana Internazionale

20.9.2008, Fondazione Alexander Langer Stiftung

Alcuni messaggi ricevuti dopo la Settimana Internazionale, segni di emozioni vissute e legami creati.

----------------------------------------------------------------------- 

E' stata una settimana bellissima piena di incontri significativi! Spero che si possa ripetere ogni anno per non far dimenticare, sopratuto al mondo esterno, ciò che è successo!Penso che ognuno di noi nelle nostre cittaà e paesi dovrebbe fare delle iniziative per far conoscere meglio la realtà della Bosnia la sua storia le sue tradizioni la sua cultura.Ero già stata in bosnia due volte a tuzla nel 2OOO a fare delle conferenze al festival della gioventu' e a Bania Luka nel lontano 1974 a visitare l'ospedale per uno stage con il metodo Hudolin sulla cura dell'alcolismo. Anche allora come nella settimana di Srebrenica mi ha colpito la bellezza dei luoghi, questo verde pittoresco e queste nebbioline che avvolgono di tanto in tanto le basse montagne. Infine la Drina è un fiume spettacolare è ptoptio bello e affascinante come lo descrive Ivo Andric nel suo famoso romanzo il Ponte sulla Drina!

Saluti Maria Chiara Forcella

-----------------------------------------------------------------------

Carissimi amici,
è stato un piacere lavorare con voi a Srebrenica.
Sono sicuro che dal nostro incontro potranno nascere in futuro nuove idee e nuovi impulsi.
Un carissimo saluto

Stefano Taglietti
Pino Petraccia
Baobab International Orchestra

-----------------------------------------------------------------------

Caro Mauro,

siamo noi che vorremmo ringraziare.

La nostra avventura a Srebrenica ci ha dato una nuova opportunità di crescita e di riflessione, ma ci ha anche permesso di conoscere delle persone straordinarie che, con tenacia e determinazione, sono riuscite a compiere un piccolo miracolo.

Non dimenticheremo la prima impressione al nostro arrivo arrivo. Una città fantasma, quasi deserta.

Poi, lentamente, il lavoro di squadra mette in moto un meccanismo virtuoso. L'arrivo dei ragazzi e dei bambini, alla spicciolata, uno ad uno, ad ingrossare le file, e, dietro di loro, con più pudore, gli adulti. E Srebrenica si anima di persone, nonostante le tensioni, i contrasti non sopiti e le distruzioni evidenti. 

Resta un solo rimpianto, quello di aver dovuto interrompere la magia per tornare a casa. 

A presto

Rosanna, Simona e tutti i MOTUS DANZA

----------------------------------------------------------------------- 

Da Francesca, studentessa del Master per mediatori dei confitti e operatori di pace internazionali 

Cara Katya,

e tutti quanti si sono impegnati con tanto entusiasmo per la settimana a Srebrenica.

A qualche giorno dal nostro rientro a casa mi sento ancora permeata dalle sensazioni e dalle domande rimaste senza risposta della nostra settimana trascorsa insieme: ancora mi risuonano nelle orecchie le voci sovrapposte di tutti coloro che ho avuto la gioia di incontrare; ancora ho davanti agli occhi l’immagine di Srebrenica arroccata nella nebbia dell’alba, con le vecchiette che montano i banchi del mercato sotto i nostri occhi…; le rughe delle persone anziane che abbiamo incrociato, l’irrequieta curiosità dei bambini che si sono “intrufolati” nel nostro auditorium…

Vorrei ringraziare tutti voi, tutti quanti hanno collaborato e hanno reso possibile l’ottima riuscita di quest’esperienza costituita da suoni, colori, nostalgie, immaginazioni e opportunità di dialogo e confronto. Senza la pretesa di avere modificato qualcosa, è stato però molto bello condividere con persone di provenienze così diverse (e mi riferisco veramente a TUTTI quelli che erano presenti) una settimana tanto intensa da tutti i punti di vista: mi rimangono nel cuore le voci, l’impegno mostrato da tanti, i paesaggi, perfino certe piccole incomprensioni che, quando non sono più fresche e attuali, mi fanno sorridere…

Certo le domande suscitate hanno creato un vuoto che ora richiede attenzione, ulteriore impegno e ricerca, ma in fondo, si sa… Bisogna aver percorso molta strada per potersi rendere conto di quanto si è ancora lontani dall’averne percorso abbastanza

Un abbraccio a tutti, e grazie per avere creato questa occasione.

Francesca

 

P. S.: Questa mi piace:

La speranza non è ottimismo.

La speranza non è la convinzione

che ciò che stiamo facendo avrà successo.

La speranza è la certezza

che ciò che stiamo facendo ha un significato

che abbia successo o meno.

 

V. HAVEL

 

pro dialog