Adopt Srebrenica Adopt Srebrenica Settimana Internazionale 2008 Stampa e resoconti

Chi siamo Centro di documentazione Adopt Srebrenica Io non odio/Ja ne mrzim - La storia di Zijo Euromediterranea 2015 in Bosnia-Erzegovina Settimana Internazionale 2014 Settimana Internazionale 2013 Settimana Internazionale 2012 Settimana Internazionale 2011 dosta! Srebrenica&Bolzano 2011 Viaggio 11 luglio 2010 Settimana Internazionale 2010 Viaggio 11 luglio 2009 News e appuntamenti 2009-2014 Settimana Internazionale 2009 Diario da Srebrenica 2009 Viaggio a Strasburgo 2009 Su Srebrenica e sulla Bosnia 2005/2009 Eventi "Al di là della guerra" 2009 Irfanka Pašagić - commenti Dopo Dayton / maggio 2008 Settimana Internazionale 2008
Introduzione Programma della settimana Conferenza internazionale Workshop per i partecipanti Workshop per i giovani Workshop per i bambini Eventi artistici Stampa e resoconti
Informazioni ed iscrizioni Patrocini e collaborazioni
Viaggio 11 luglio 2008 Viaggio 11 luglio 2007 / scritti 2005-2007 Settimana Internazionale 2007 Media coverage 2005 / 2007 Link Emergenza alluvioni BIH 2014-2015 Osmače e Brežani / Premio Carlo Scarpa 2014 adopt srebrenica 2018 adopt srebrenica 2016 adopt srebrenica 2019 Adopt Srebrenica 2017 Tuzla ricorda Alexander Langer I fiori di Srebrenica - Quaderno Rete Lilliput Ferrara 11 luglio 2020 dal Sudtirolo a Srebrenica
Adopt Srebrenica Group (6) as / Vivere Srebrenica 2010 (3) as-viaggi memoria e 11 luglio 2009 (52) Bz-Dayton Culture 06.17 (6) Bz-Dayton Eurac 15.06 (5) Bz-Dayton faces (10) Bz-Dayton Master Meeting 06.17 (13) Bz-Dayton Meeting with local institutions 06.16 (2) Bz-Dayton-Conference 06.17 (17) Bz-Dayton-Meeting Trento 06-16 (15) euromed 2015-mostra (14) Sett.internazionale 2011 (36) Settimana internaz 2007 (9) Settimana internaz. 2008 (37) settimana internaz.2008-2 (17) Settimana internaz.2009 (28) settimana internazioale 2014 (52) Srebrenica -Potocari - 11.7.2007 (9) srebrenica-mars mira 2010 (8) Srebrenica-Potocari 11.7.2005 (4) Srebrenica-Potocari 11.7.2005 (9) Srebrenica-Potocari 11.7.2006 (6) Tuzla - 07 - 2006 (9) Tuzla - Modena City Ramblers (4) Tuzlanska Amica (13) viaggio a strasburgo 2009 (26)

Workshop di clownerie diretto da Chiara Visca e Paola Conti

27.8.2008, ass.culturale Sagapò
Testo scritto dai partecipanti Giada Gatti, Maggie Bernocchi, Sara Pantaleo, Federico De Gasperi, Davide Nardin, Valerio Larcher

Leggere libri, ascoltare racconti, cercare su internet cosa sia Srebrenica, non è come arrivarci.

Per chi si aspettava un luogo cupo, una città fantasma, come per chi provava a non avere aspettative si trattava comunque di una sfida: 6 clown, tre ragazze e tre ragazzi, appena maggiorenni in una città segnata dalla guerra e da un genocidio. Fa paura a dirlo.

Pronti o non pronti si parte (o meglio si arriva) e vicino ai buchi delle granate ci sono i colori sgargianti delle case ricostruite e donne sorridenti ad accoglierci. Non capiamo una parola, ma l’ospitalità e il calore sono chiarissimi.

E da quel momento sono passati tre giorni che sembrano due mesi.

Ci sono Miroslav, Mladen, Branko e Milan, che rinunciano alle attività della loro giornata per organizzare con noi lo spettacolino per la conferenza di apertura, con una disponibilità davvero incredibile e una bravura un po’ imbarazzante (per noi).

E c’è una strana sensazione di disagio nel vederci vestiti da clown con il naso rosso accanto alla squadra di calcio schierata, in impeccabile divisa e aria truce, al fischio d’inizio della partita scapoli contro ammogliati … Qui si gioca sul serio. Noi è meglio che si stia in panchina.

C’è la nonna che ci ospita, che ci sveglia con l’odore di pita fritta alla cipolla: la nostra colazione! Si siede accanto a noi, sigaretta in bocca e Sudoku alla mano per controllare che si mangi abbastanza.

Sul suo viso, su tutti i visi che incontriamo, è scritto il racconto di quello che è stato.

C’è il cimitero e il memoriale di Potoćari.

C’è la fila delle tombe bianche, le foto dei ritrovamenti delle fosse comuni, e di là della strada c’è la fabbrica dove vediamo le immagini girate a Srebrenica l’11 di luglio 1995.

Ci sono poche parole.

Una di noi pensa che quel ragazzo nel documentario aveva l’età di suo fratello.

Per tutti, di colpo, diventa chiaro: se fossi stato qui, ora non ci sarei più.

E appena tornati c’è da fare animazione per i bimbi di Srebrenica. Ci si asciugano le lacrime mentre ci si dipinge il naso di rosso e le risate dei bambini riempiono il silenzio.

Ci sono i bambini, che ci seguono ormai ovunque. Da quando ci hanno visto la prima volta si sono avvicinati senza paura ai clown, gli sono saltati al collo, e ora è difficile convincerli a lasciare la presa.

Ci sono i grandi che quando passiamo cantando per strada si affacciano incuriositi, qualcuno addirittura ci insegue con un grosso pennello grondante vernice minacciando di dipingere oltre che la sua casa anche il nostro naso.

Ci siamo noi, al nostro primo viaggio come clowns, e sono passati solo tre giorni.

pro dialog