Euromediterranea Euromediterranea 2008: Ayuub - Somalia

2003: peace/guerra Frieden 2004: Europa 25-es.Polonia 2005: Langer/Srebrenica 2006: Anak Indonesia 2007: Aids - Sudafrica 2008: Ayuub - Somalia
2009: equal rights Iran 2010: memoria attiva 2011 haiti alive 2012 - Arabellion - Tunisia 2013 - L'arte del prendersi cura 2014 - Borderlands 2015 - Da Langer a Srebrenica 2016 Euromediterranea 2017 - Andare oltre 2018 - Una terra in dialogo 2019 - Pro Europa
2005 10 anni con Alex (15) 2005 Brindisi per Alex (7) 2005 euromed - Sarajevo (6) 2005 Ricordi (5) 2006 Children of Memory (13) 2006 euromed-Ibu award (14) 2012 Arabellion! Donne in cammino (0) euromed 2005 - Brenner/o (11) euromed 2005 - Convivenza (12) euromed 2005 - ecologia (12) euromed 2005 - Hallo Ibrahim (2) euromed 2005 - Landtag (5) euromed 2005 - musica (19) euromed 2005 - srebrenica (17) euromed 2005 - srebrenica 2 (18) euromed 2005 - srebrenica 3 (17) euromed 2005 - srebrenica 4 (14) euromed 2005 - summerschool (18) euromed 2005 - summerschool 2 (19) euromed 2005 - summerschool 3 (6) euromed 2009 - Iran (29) euromed 2013-donatori musica (46) Euromed 2015-alex/Bosnia (40) euromediterranea 2011 - Haiti alive (14) EUROMEDITERRANEA 2014 BORDERLANDS (2) EUROMEDITERRANEA 2016 (21)

Autoritratto di Kaka Mohamed Aden

4.5.2008, Fondazione

Mi è stato chiesto di mandare una mia autopresentazione. Non è mai facile farsi un autoritratto.

Ho deciso di raccontare in modo conciso tre delle mie numerose nonne. Ho avuto tante nonne; un fatto ordinario in quella che fu la Somalia e straordinario in Italia.

Siccome i miei genitori hanno sperato che queste lasciassero un’impronta sul mio carattere o perlomeno nel mio cuore, presentandole spero di presentarmi indirettamente, quindi di soddisfare la richiesta che mi è stata fatta.

 

Fine anni quaranta. C’era una casa nel quartiere Skuraran. Alla fine degli anni quaranta c’era una casa, dove studiavano le bambine e i bambini che assorbivano il verbo dell’indipendenza. Infatti, alla fine degli anni quaranta c’era una lega che lottava per l’indipendenza e i militanti di questa lega andavano a confabulare i loro intrighi in una casa un po’ matriarcale, piena di mistero e fitta di relazioni.

Alla fine degli anni quaranta c’era una speranza ed era nutrita da nonna Xaliima, la padrona di quella casa. Per tutta la mia infanzia, insieme ai miei fratelli, tre mesi all’anno li passavo con lei, una generalessa generosa, bocca pulita e parole ben composte era il suo motto. Nel suo reggimento bisognava presentarsi con denti e linguaggio brillante, tutto qui.

 

Estratto da “Autoritratto" pubblicato della CUEC in una raccolta di interventi "Forme della diversità. Genere precarietà e intercultura" a cura di Clotilde Barbarulli e Liana Borghi.


pro dialog