Alexander Langer Alexander Langer Racconti e ricordi

Scritti di Alex Langer Racconti e ricordi
video/audio Abbi cura - Trag Sorge
Dediche bibliografie - recensioni Tesi e ricerche Riviste Video - Audio L’archivio di Alex
alexander langer (22) Cassar-Simma: Abbi cura - Trag Sorge - Take Care (11)

Tonino Perna, Reggio Calabria

3.7.1998, archivio Langer
Alex ti ho rivisto lì tra coni di roccia dai fianchi morbidi, affusolati, sommerso da fiori appena nati,
immerso nel verde silenzio della tua terra; ed ho capito.

Io che guardo il mare ogni giorno al risveglio
che lo vedo ogni giorno cambiare
di colore, forme, direzione,
che ne ascolto il respiro profondo
e la gioia con cui brilla al tramonto
e la rabbia con cui ci restituisce il conto
(di plastica e metalli dal cuore pesante),
questo mare che non ha pace
che cancella i segni dell'uomo,
che nasconde nel suo ventre grandezze e misfatti
questo mare parla una lingua mutevole, inafferrabile,
fatta di sussurri e tenerezze,
di grandi acuti ed assolute vacuità.

Tu che come pochi uomini del nord
amavi teneramente questo mar mediterraneo
non hai ascoltato o inteso la sua voce
le sue fragili parole che si insabbiano,
E non potevi
perché tu sei nato lassù
dove la fede scuote le montagne
dove ci sono sentieri che portano all'infinito
dove le mani dell'uomo fanno la Storia
dove ogni chiodo è conficcato per l'eternità.
Lassù, l'ho capito, c'è l'assoluto
che non accetta compromessi, sfumature, debolezze,
che non è ambiguo e mellifluo,
come questa massa liquida che scorre
limpida, in superficie, ed oscura nel profondo,
genuina e bugiarda, amabile ed indifferente,
eppure così vicina all'uomo.

Reggio Calabria
luglio 1998
pro dialog