Alexander Langer Alexander Langer Racconti, ricordi e dediche

Scritti di Alex Langer Racconti, ricordi e dediche
video/audio Abbi cura - Trag Sorge
bibliografie - recensioni Tesi e ricerche Riviste Video - Audio
alexander langer (22) Cassar-Simma: Abbi cura - Trag Sorge - Take Care (11)

Antonio Rossetti, Alexander Langer 1976, un incontro

3.7.2017, pagina facebook

Alexander Langer -Vipiteno, 22 febbraio 1946 – Firenze, 3 luglio 1995 . Era la fine di giugno del 1976 e io e il mio amico Massimo Silvestri tornavamo dal festival del Parco Lambro. Eravamo partiti da Milano al mattino abbastanza presto e in autostop ci avevamo messo un giorno intero ad arrivare a Forlì. Saranno state le otto di sera ed eravamo appena usciti dal casello, sporchi, scarmigliati ed affamati con i sacchi a pelo sciolti intorno al collo, quando una cinquecento rossa ci affiancò. Al volante c'era Massimo Tesei, uno di Lotta Continua che con noi ragazzini "chitarroni" del collettivo Victor Jara era sempre molto gentile e rispettoso. Ci chiese se volevamo un passaggio.Un tipo occhialuto, dall'aria mite ma vivace, si alzò per farci salire dietro. Era Alexander Langer, allora direttore del quotidiano Lotta Continua. Doveva tenere un comizio in piazza Saffi. C'erano le elezioni politiche e si era in campagna elettorale. Ci chiese da dove venivamo e ci fece un sacco di domande sul Lambro. Mi colpì la sua gentilezza e il suo genuino interesse così come mi colpirono le sue parole durante il comizio al quale assistemmo aspettando che Massimo ci accompagnasse a casa. Fu un comizio strano per quei tempi, molto meno retorico del solito, meno ideologico. C'era un'attenzione a cose che di solito venivano prese poco in considerazione. Ero giovanissimo e non capivo tutto ma ne fui molto impressionato.

pro dialog