Alexander Langer Alexander Langer Racconti, ricordi e dediche

Scritti di Alex Langer Racconti, ricordi e dediche
video/audio Abbi cura - Trag Sorge
bibliografie - recensioni Tesi e ricerche Riviste Video - Audio
alexander langer (22) Cassar-Simma: Abbi cura - Trag Sorge - Take Care (11)

Luciana Moretto: Corpi celesti, la prima stella fissa

17.1.2017, inviato dall'Autrice

 …una voce interiore simile a quella che pare di udire a volte, quando si ascolta il ‘ ronzio ‘ delle stelle, sta pronunciando le parole mitiche della speranza: parole utopiche, è vero, ma anche le sole che possono girare nell’orbita più grande che ci sia. ‘

Nadine Gordimer

 

CORPI CELESTI

Nella foschia che abbacina e confonde

la turba indistinta di uomini e di morti,

simulacri della storia che ci sta

alle spalle, che ci sta ‘ sulle spalle ‘

come un peso che opprime e affatica

mentre ci occlude la vista del cielo

 

da parte mia tre punti luminosi

ho ravvisato a guisa di bussola

nel buio, tre stelle di cui non dirò

il nome ma certo nitide e distinte

all’occhio attento e sentinella

di immobili luminescenze proprie

alle sfere più alte dell’umano

 

LA PRIMA STELLA FISSA

A tal punto ardua la sua traversata

della vita, passatore

tra popoli diversi, alzabandiera

di quella eterna utopia di pace

che lo indusse a progettare ponti,

scavalcare muri, ostacoli di natura

politica, lingua, etnia,

una corsa così affannosa

- sconfortante? -

da spingerlo a cercare un giorno di luglio

tra i rami di un albicocco

l’irrevocabile riposo.

 

Così che oggi lassù

nella remota quiete di Telves

dal suo tumulo in nuda terra

s’alza tra le altre

e anche un poco più alta

la fiamma di una calendula,

cera vergine di quella candela

che non si consuma, se la tieni accesa

 

LA SECONDA STELLA FISSA

 

C’è chi si indigna, chi ne parla come

di una sorte ineluttabile e fatale,

chi gira il capo dall’altra parte

 

chi invece non la vuole cancellare

dalla sua vita quell’utopia di giustizia,

utopia cristiana di liberazione.

 

Sociologo e Sacerdote,

fu un lucido percorso culturale

sapiente di strategia politica

a condurlo alla guerriglia nella giungla

così da imbattersi - forma perfetta che Dio

conobbe fin dai primordi -

nel suo destino sudamericano.

 

Colpito a morte in un conflitto

a fuoco, nel luogo stesso in cui cadde

una croce di luce apparve,

luce di vita a vincere la morte.

 

Giorno glorioso quel giorno di febbraio

una data da ritenere a memoria per un esame,

un luogo da ricercare in un atlante

 

 

LA TERZA STELLA FISSA

 

Fu lui stesso a scrivere ‘ Morirò a Parigi

forse un giovedì come oggi, d’autunno ‘

ma fallì la preveggenza

non era un giovedì e non era autunno

quando il poeta del poco e del nulla morì

 

orfano del suo focolare sulle Ande,

esclusione e fame gli furono compagne

nella continua lotta con un potere

che non si vede

 

mentre tutti gli uomini della terra

uniti insieme in miracolosa presenza

 furono motivo

di intensa intuizione poetica:

la resurrezione da morte di un combattente

Luciana Morettto (Oderzo)

Testo selezionato ed esposto fino al 20 Dicembre 2017 presso il Cortile Cafè di Bologna per il  Concorso ' Comunitarismo ' bandito da Civico 32 e il Blog Versante Ripido

 

 

pro dialog