Alexander Langer Alexander Langer Racconti e ricordi

Scritti di Alex Langer Racconti e ricordi
video/audio Abbi cura - Trag Sorge
Dediche bibliografie - recensioni Tesi e ricerche Riviste Video - Audio L’archivio di Alex
alexander langer (22) Cassar-Simma: Abbi cura - Trag Sorge - Take Care (11)

SELIM BESLAGIC - sindaco di Tuzla

Caro Alex, il mio compito di oggi è molto difficile perché devo dirti addio. Devo dirti addio prima a nome delle forze democratiche che riunivi nel seno del Verona Forum ma anche a nome di tutta la Repubblica della Bosnia-Herzegovina e i cittadini di Tuzla. È difficile dire addio, all'uomo che ha dato la sua vita per aiutare i comuni esseri umani.

Nella Bosnia-Herzegovina la morte è diventata quotidiana, però accettiamo sempre con tanto dolore ogni perdita umana. Nel contesto di un'aggressione brutale e fascista contro la dignità umana tu eri fra i primi a opporti a questa ingiustizia. La Bosnia-Herzegovina è diventata quasi un ossessione per te perché tu volevi aiutare la gente che era minacciata nell'esistenza la più elementare.

Adesso, quando avremo il più grande bisogno di te, quando la tua energia instancabile ci ispirava e ci motivava per continuare, quando il tuo lavoro senza riposo ci impediva di perdere la speranza, bruscamente tu ci lasci. Siamo obbligati a continuare il nostro lavoro ma senza di te, caro Alex, ci sarà molto difficile.

Nel mio paese, la Bosnia-Herzegovina, ci si separa dal defunto in silenzio, nella tua Italia con degli applausi. sono queste differenze che tu hai saputo sempre accettare. Per te le differenze arricchiscono lo spirito umano. Ciò l'hai dimostrato non volendoti dichiarare nella tua Bolzano né come italiano, né come tedesco. Sei sempre stato un semplice essere umano. Oggi ti diremo addio in silenzio ma i nostri cuori battono più forte degli applausi.

Caro Alex, tu non hai mai escluso i clichés. Per noi tu sarai il simbolo della lotta per la dignità umana e per i diritti dell'uomo.

Speriamo che l'idea dell'umanità non ci lascerà insieme a te. Questa idea sarà ripresa dai tuoi amici e proseguita dappertutto dove sarà necessario difendere i diritti dell'uomo, il diritto alla vita. Oggi a Srebrenica, domani a Jepa, dopodomani nel mondo intero.

Signore, Signori, nella grande tragedia che i popoli della Bosnia-Herzegovina stanno vivendo, le vocazioni di Alexander Langer, indulgente, nobile, unico, ci darà motivo e l'obbligo di continuare sulla via che ci ha indicato.

Nella sfida della sua partenza troppo prematura, Alex rappresenterà per noi un grande amico, un amico che ha teso le sue braccia verso la Bosnia-Herzegovina nel momento della sua più grande angoscia.

Restandogli per sempre riconoscente, dico adesso addio all'uomo per cui l'amore non conosceva limiti. Grazie Alex.
pro dialog