Fondazione Fondazione bacheca 2008

Statuto CdA - Revisori Comitato Scientifico-Garanzia bacheca 2005 bacheca 2006 bacheca 2007 bacheca 2008
bacheca 2009 bacheca 2010 bacheca 2011 bacheca 2012 bacheca 2013 bacheca 2014 bacheca 2015 bacheca 2016 bacheca 2017 bacheca 2018 bacheca 2019 bacheca 2020 memoria adelaide aglietta andreina emeri anna segre anna bravo lisa foa renzo imbeni marino vocci giuseppina ciuffreda clemente manenti simone sechi Programma attività bilanci consuntivi Relazioni finali findbuch - archivio Quaderni della Fondazione
RE 2009-giardino dell'Arca (18) Spazio all'integrazione! (12)

Venerdi 11 aprile Alexander Langer. Profeta tra gli stupidi

10.4.2008, http://www.teatrodibambs.it/produzioni/langer/alexanderlanger.html

Venerdì 11 aprile, ore 20.30, Teatro Cuminetti di Trento (ex.S.Chiara), prima prova pubblica dello spettacolo teatrale, con richiesta di dialogo con gli spettatori. Ingresso gratuito.


Alexander Langer. Profeta tra gli stupidi

Drammaturgia di: Andrea Brunello e Mirko Artuso
Con: Andrea Brunello
Scene di: Mirko Artuso
Regia di: Mirko Artuso
Compagnia teatro di bambs http://www.teatrodibambs.it/produzioni/langer/alexanderlanger.html
Spettacolo prodotto con il supporto della Provincia Autonoma di Trento.

Descrizione:
Alexander Langer fu un vero profeta dei giorni nostri, l’anima del pacifismo europeo e del movimento dei Verdi, profondo filosofo e conoscitore del mondo.
Il suo suicidio (a Pian dei Giullari vicino a Firenze il 3 luglio 1995) appeso ad un albero di albicocco, ancora oggi ci lascia sgomenti.
 
Come Lui, anche il protagonista dello spettacolo sa bene cosa sia il suicidio, perché egli stesso lo ha vissuto sulla sua pelle, quindi lo analizza fino alla comprensione che il suicidio di Alexander nasconde una profonda verità sul mondo.
 
Questo spettacolo non vuole essere una biografia di Alexander Langer e tantomeno una sua celebrazione. Non ci importa raccontare Alex, tanti lo hanno fatto.
Ci importa metterlo in relazione con il nostro mondo. Langer diventa per noi oggetto del desiderio, un profeta che ci indica una strada che, purtroppo, non prendiamo.
 
Lo spettacolo parla di noi, della nostra società, del nostro ambiente, della nostra vita.
pro dialog