Adopt Srebrenica Adopt Srebrenica Settimana Internazionale 2007 Racconti, testimonianze

Chi siamo Centro di documentazione Adopt Srebrenica Io non odio/Ja ne mrzim - La storia di Zijo Euromediterranea 2015 in Bosnia-Erzegovina Settimana Internazionale 2014 Settimana Internazionale 2013 Settimana Internazionale 2012 Settimana Internazionale 2011 dosta! Srebrenica&Bolzano 2011 Viaggio 11 luglio 2010 Settimana Internazionale 2010 Viaggio 11 luglio 2009 News e appuntamenti 2009-2014 Settimana Internazionale 2009 Diario da Srebrenica 2009 Viaggio a Strasburgo 2009 Su Srebrenica e sulla Bosnia 2005/2009 Eventi "Al di là della guerra" 2009 Irfanka Pašagić - commenti Settimana Internazionale 2008 Viaggio 11 luglio 2008 Dopo Dayton / maggio 2008 Viaggio 11 luglio 2007 / scritti 2005-2007 Settimana Internazionale 2007
Seminari, Workshop, Tribune pubbliche, concerti Conclusioni della "Tavola lunga" Racconti, testimonianze
Media Coverage
Media coverage 2005 / 2007 Link Emergenza alluvioni BIH 2014-2015 Osmače e Brežani / Premio Carlo Scarpa 2014 adopt srebrenica 2018 adopt srebrenica 2016 adopt srebrenica 2019 Adopt Srebrenica 2017 Tuzla ricorda Alexander Langer I fiori di Srebrenica - Quaderno Rete Lilliput Ferrara 11 luglio 2020 dal Sudtirolo a Srebrenica Srebrenica - Tuzla 2020
Adopt Srebrenica Group (6) as / Vivere Srebrenica 2010 (3) as-viaggi memoria e 11 luglio 2009 (52) Bz-Dayton Culture 06.17 (6) Bz-Dayton Eurac 15.06 (5) Bz-Dayton faces (10) Bz-Dayton Master Meeting 06.17 (13) Bz-Dayton Meeting with local institutions 06.16 (2) Bz-Dayton-Conference 06.17 (17) Bz-Dayton-Meeting Trento 06-16 (15) euromed 2015-mostra (14) Sett.internazionale 2011 (36) Settimana internaz 2007 (9) Settimana internaz. 2008 (37) settimana internaz.2008-2 (17) Settimana internaz.2009 (28) settimana internazioale 2014 (52) Srebrenica -Potocari - 11.7.2007 (9) srebrenica-mars mira 2010 (8) Srebrenica-Potocari 11.7.2005 (9) Srebrenica-Potocari 11.7.2005 (4) Srebrenica-Potocari 11.7.2006 (6) Tuzla - 07 - 2006 (9) Tuzla - Modena City Ramblers (4) Tuzlanska Amica (13) viaggio a strasburgo 2009 (26)

Caro Fabio, permettimi alcune note un po' critiche...

23.9.2007, Maria Bacchi
Io ho la sensazione che la sacrosanta esigenza di verità e giustizia non consenta alcuna semplificazione. Dal tuo scritto io ho quasi la sensazione che tu faccia fatica ad ammettere che i musulmani non sono tutti e solo vittime e che i serbi non sono tutti e solo criminali. Certo che lo sai, ma fai scivolare via quei punti di criticità che possono portare il ragionamento oltre polarizzazioni che io sono convinta siano semplificatorie e pericolose.

Provo a elencare le mie perplessità.

1) Io non userei mai il termine cetnici, come non userei ustasa, se non in relazione al contesto storico in cui questi nomi erano quelli di ben individuate formazioni militari. Usarlo come facevano in guerra, negli anni Novanta, serbi e croati genera confusione, alimenta stereotipi. Siccome non è impossibile dire che serbi erano quelli che sterminavano i musulmani a Srebrenica, io parlerei di esercito serbo bosniaco e di corpi speciali della Serbia di Milosevic. Serve a fare chiarezza e a contrastare le recenti ambiguità della  giustizia internazionale.

2) Condivido il disagio che nasce dal pensare che Srebrenica sia nella Srpska. Basta guardare la carta geografica per capire che il problema non è di facile soluzione in una situazione come quella. Anche molti musulmani ( Dizdarevic, il mio amico Hamica Nametek) ritengono che la richiesta di uno statuto speciale  ( ma cosa vuol dire esattamente?) porterebbe a una rimessa in discussione delle frontiere e a una riapertura di rivendicazioni reciproche che andrebbero ben oltre Srebrenica. Le forze nazionaliste non aspettano altro. Una soluzione come quella trovata, ad esempio, per il distretto di Brcko ha funzionato, almeno credo, dentro al ‘pacchetto’ che nel ’95 si è chiuso, ma adesso sarebbe pensabile? E’ vero che la nuova legge elettorale mette a rischio la rappresentanza dei cittadini musulmani, ma, provo a fare un'ipotesi che mi rendo conto è un po' astratta,  perché quelli di Srebrenica che si sono trasferiti a Tuzla o in città e villaggi vicini non chiedono di nuovo la residenza? Certo, richiede coraggio e implica, tra l'altro, la rinuncia a certe piccole tutele anche economiche ma mi pare meno pericoloso che aprire una controversia adesso su Dayton. Sono certa che volerebbe da lì all’Erzegovina ( col Kosovo già in fibrillazione) e non sempre questo darebbe garanzie di rispetto dei diritti umani  e dei diritti civili. Trovo questa cosa molto seria, pericolosa, preoccupante. Lì non se ne è di fatto discusso, qualcuno l’ha buttata lì, qualcun altro ha detto sì, però, se si parla di Srebrenica, occorre parlare di tutta la regione, Bratunac compresa;ne so poco, ma mi pare che siano  cose su cui ragionare con molta pacatezza.

3) Tu e i serbi. Mi pare che nella tua relazione rimuova elementi problematizzanti che rendono più interessante e ricca la discussione, se sono visti. Di uno sono certa.

-Alma nel suo racconto ha fatto capire che ha avuto il coraggio di andare a vedere la sua vecchia casa solo perché si sentiva protetta dalle relazioni che la cooperativa Insieme le garantiva. Infatti ha insistito nel dire che in quel faticoso ritorno l’accompagnava la sua amica Cana, che è serba. Non dirlo non solo toglie valore alle esperienze di ripresa economica condivisa, ma impedisce anche di capire che i musulmani a Bratunac hanno paura, o l’avevano fino a poco tempo fa. I nazionalisti serbi ritengono, forzando alcuni dati di realtà,  Bratunac una sorta città-martire non riconosciuta, soprattutto per le uccisioni di civili nei sobborghi di Zalasje e Sase. Insomma, la realzione fra le due donne, come ha sottolineato Alma, è stata la chiave di volta per darle la forza di riprendersi ciò che era stato suo.

Sull’altro caso potrei sbagliare io, ma non credo:

-         Mladen ha raccontato che suo padre è stato ucciso a Srebrenica dai musulmani anche se lui in loro non vedeva un nemico e aveva voluto restare nella sua città. Per questo, mi pare, la sua testimonianza è stata tanto difficile e applaudita. Prova a verificare meglio. Non è un particolare secondario.

Maria

 

 

 

 

pro dialog