Fondazione Fondazione andreina emeri

Statuto CdA - Revisori Comitato Scientifico-Garanzia bacheca 2005 bacheca 2006 bacheca 2007 bacheca 2008 bacheca 2009 bacheca 2010 bacheca 2011 bacheca 2012 bacheca 2013 bacheca 2014 bacheca 2015 bacheca 2016 bacheca 2017 bacheca 2018 bacheca 2019 bacheca 2020 Bergamaschi Paolo-info Mezzalira Giorgio Info memoria adelaide aglietta andreina emeri
anna segre anna bravo lisa foa renzo imbeni marino vocci giuseppina ciuffreda José Ramos Regidor clemente manenti simone sechi Programma attività bilanci consuntivi Relazioni finali findbuch - archivio Quaderni della Fondazione
RE 2009-giardino dell'Arca (18) Spazio all'integrazione! (12)

Breve biografia di Andreina Emeri

21.11.2005, Notizie biografiche fornite da Valentina Emeri
Andreina Ardizzone Emeri è nata a Bolzano l’1.2.1936. Secondogenita dell’ingegnere Delfino Ardizzone, nato a Rosasco Lomellina (Vercelli) il 20.6.1901 e di Elsa De Maria, ancora vivente, nata a Como il 29.12.1902.

Nel 1927 Delfino, subito dopo aver conseguito la laurea in ingegneria al politecnico di Torino, si trasferisce a Bolzano per collaborare nella costruzione della centrale elettrica di Cardano. Negli anni successivi insegna all’Istituto Tecnico Industriale di Bolzano e diventa rappresentante per la “Loro-Parisini” (macchine da costruzione) e per la “Stigler-Otis“ (ascensori).
Elsa giunge a Bolzano insieme ai genitori Luigi De Maria, ufficiale dei carabinieri di origine napoletana, e Luisa Galeazzi Alpago Novello di origine cadorina.
La sorella maggiore di Andreina, Marialuisa Ardizzone, sposata Pan, è madre di due figli e felice nonna di sei nipoti.
L’infanzia di Andreina è serena e gioiosa. Cresce in una famiglia unita e di profonda osservanza cattolica, ove le figlie vengono educate all’impegno e alla serietà. Duri sono gli anni di sfollamento a Collalbo del Renon, durante la seconda guerra mondiale, dal 1942 al 1945, anche se verranno poi ricordati dalle sorelle come anni di scoperta e avventura.
Inizia a frequentare le elementari a Longomoso (Renon) in una pluriclasse con un'unica maestra. Le medie alle Marcelline di Bolzano e il liceo classico al Carducci. Viene ricordata dai suoi compagni di scuola come un’eccellente studentessa e rappresentante di classe.
Durante l’ultimo anno del liceo (1953–1954) conosce e inizia a frequentare Claudio Emeri. Quest’amicizia non viene all’inizio accolta bene dai genitori di Andreina. Considerano eccessiva la differenza di età: Claudio è di tredici anni più vecchio. Evidenti le differenze religiose: Andreina è cresciuta nell’osservanza della religione cattolica, mentre Claudio non è praticante.
Rilevanti le divergenze politiche: mentre il padre di Andreina è rappresentante del MSI, Claudio era stato nel 1947-1948 segretario del Fronte democratico popolare (PCI e PSI), poi assessore e consigliere comunale socialista fino al 1984.
Andreina e Claudio decidono di sposarsi e il matrimonio religioso viene celebrato il 22 dicembre 1955.
Il 14 agosto 1957 nasce il primogenito Andrea: brillante studente del liceo scientifico, uno dei leader del movimento studentesco di Bolzano, laureatosi a Siena in lettere, attore, colto da morte prematura il 24.3.1996 a Bergamo, all’età di 38 anni, mentre era in tournée con il teatro stabile di Bolzano, lasciando il figlio Martin di 16 mesi e la moglie Stefania Palassini.
Andreina ha sempre unito ai suoi grandi interessi intellettuali e lavorativi un profondo desiderio di maternità. Nonostante i grossi impegni famigliari, completa gli studi universitari, si laurea in giusprudenza, dà l’esame di avvocato, continua a lavorare nello studio legale con il marito.
L’11 ottobre 1960 nascono i gemelli Gian Claudio e Michele. Gian Claudio studia al liceo classico Carducci e si laurea in giurisprudenza a Firenze, dove esercita la professione di avvocato e vive con la moglie Claudia Artese e la figlia Ginevra. Michele studia al liceo classico Carducci, crea la MEM, azienda che si occupa di consulenza e soluzioni informatiche, vive a Bolzano con la moglie Roberta Francato e i figli Giulio e Giorgia.
Il 16 ottobre 1963 nasce l’ultimogenita Valentina: frequenta tutto l’iter scolastico in lingua tedesca, si diploma all’Accademia d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” a Roma, lavora come attrice in lingua italiana, tedesca e inglese.
Andreina collabora per molti anni al Centro Casa fornendo assistenza gratuita agli inquilini.
Per opera di un gruppo di donne fortemente motivate si forma a Bolzano nel 1971 il collettivo femminista Kollontaj e poco dopo, nel 1973, viene aperto il consultorio Aied del quale Andreina sarà presidente, fornendo anche consulenza legale a favore di donne in difficoltà. Entra a far parte del direttivo nazionale dell’Aied.
Con il gruppo Kollontaj e con il consultorio promuove e partecipa alle numerose iniziative e manifestazioni volte ad ottenere una nuova legislazione in favore delle donne.
Nel novembre 1983 entra in Consiglio provinciale e regionale per la “Lista alternativa dell’altro Sudtirolo”.
Il 30 luglio 1985, all’età di 49 anni, muore durante un viaggio in Norvegia.



pro dialog