Euromediterranea Euromediterranea 2005: Langer/Srebrenica

2003: peace/guerra Frieden 2004: Europa 25-es.Polonia 2005: Langer/Srebrenica
scuola estiva 2005
2006: Anak Indonesia 2007: Aids - Sudafrica 2008: Ayuub - Somalia 2009: equal rights Iran 2010: memoria attiva 2011 haiti alive 2012 - Arabellion - Tunisia 2013 - L'arte del prendersi cura 2014 - Borderlands 2015 - Da Langer a Srebrenica 2016 Euromediterranea 2017 - Andare oltre 2018 - Una terra in dialogo 2019 - Pro Europa
2005 10 anni con Alex (15) 2005 Brindisi per Alex (7) 2005 euromed - Sarajevo (6) 2005 Ricordi (5) 2006 Children of Memory (13) 2006 euromed-Ibu award (14) 2012 Arabellion! Donne in cammino (0) euromed 2005 - Brenner/o (11) euromed 2005 - Convivenza (12) euromed 2005 - ecologia (12) euromed 2005 - Hallo Ibrahim (2) euromed 2005 - Landtag (5) euromed 2005 - musica (19) euromed 2005 - srebrenica (17) euromed 2005 - srebrenica 2 (18) euromed 2005 - srebrenica 3 (17) euromed 2005 - srebrenica 4 (14) euromed 2005 - summerschool (18) euromed 2005 - summerschool 2 (19) euromed 2005 - summerschool 3 (6) euromed 2009 - Iran (29) euromed 2013-donatori musica (46) Euromed 2015-alex/Bosnia (40) euromediterranea 2011 - Haiti alive (14) EUROMEDITERRANEA 2014 BORDERLANDS (2) EUROMEDITERRANEA 2016 (21)

Realizzati da una classe dell'Istituto d'Arte di Trento i manifesti per euromediterranea 2005

4.6.2005, Foundation
Progetto manifesto Euromediterranea. Alexander Langer Lentius, Profundius, Suavius

Classe IV° A – sezione visual

Alunni partecipanti:
Eleonora Bernardi, Eleonora Brando, Eleonora Buselli, Giulia Bocca,
Martina Fietta, Angela Fracalossi, Sebastian Gniewecki, Fabiano Iori,
Giulia Pastore, Marianna procopio, MariaGiovanna Zandonà

Insegnante : Loretta Viscuso
Collaborazioni : Alberto Larcher , Primo Micarelli

Assistenza tecnica e fotografica: Fabio Bruschetti, Michele Bernardinatti

Istituto statale d’arte “ Alessandro Vittoria” di Trento
Dirigente scolastico : prof. Sergio Filosi
Via Zambra 3
- 38100 Trento
- Tel. 0461 824422, fax 0461 824345
e-mail : infoarte@istitutovittoria.it


Diario di bordo (Loretta Viscuso)

Quando ho saputo del progetto di fare un convegno su Alex ,ho pensato a cosa avrei potuto fare per ricordarlo . Lavorando come insegnante del settore artistico , il modo migliore è senz’altro fare un lavoro con i miei studenti.

La classe alla quale ho proposto questo lavoro è una quarta : nove ragazze e due ragazzi . Età : circa 18 anni.
Non ho parlato subito di Alex ,ma ho dato loro da leggere , per le vacanze di Natale, un libretto con dei testi di Alex : “ Più lenti ,più profondi ,più dolci”.

Al ritorno in classe ho chiesto che ognuno di loro facesse una libera associazione di idee su queste tre parole : lentezza , profondità ,dolcezza. In questo modo il punto di partenza per la ricerca dell’immagine per il manifesto, sarebbe stato un legame con il vissuto di ognuno di loro.

C’è stata una lettura ai compagni di quanto emerso e riscontrando analogie e diversità è iniziato il confronto ,tra di loro e con se stessi per cercare l’immagine più adatta. Si è deciso che ognuno avrebbe realizzato un progetto e che poi avremmo proposto quanto fatto ad una commissione che avrebbe avuto il compito di scegliere.

Contemporaneamente andavamo approfondendo la conoscenza del pensiero di Alex in vari modi:
la visione del filmato realizzato da Nicoletta Arena e Francesca Nesler “Impronte di un viaggiatore “ prodotto dalla RAI di Bolzano ;
la lettura di due articoli di Adriano Sofri su Alex ;
la lettera a San Cristoforo di Alex Langer;
l’incontro del 31 gennaio con Edi Rabbini e Mao Valpiana ,Direttore della rivista Azione nonviolenta e caro amico di Alex.

Ci siamo subito resi conto che affrontare un progetto così presentava difficoltà di vario genere:
alcuni ragazzi hanno deciso di fare la loro ricerca con colori e pennelli ,altri hanno scelto la fotografia, una ragazza ha realizzato un patchwork con delle stoffe ,un ragazzo ha costruito un grande emisfero d’argilla e poi lo ha dipinto e fotografato…

Sono state scelte le tre realizzazioni di (in ordine alfabetico): Angela Fracalossi, Sebastian Gniewecki, Marianna Procopio.

Si è comunque deciso per valorizzare il lavoro di tutti, di esporre nell’atrio della sede del convegno tutti i progetti e di realizzare un piccolo diario di bordo che contiene il punto di partenza e di arrivo di ognuno degli studenti.





pro dialog