Premio Internazionale Premio Internazionale Premio 1998 Ruanda

Premio regolamento Libro Premi Langer alla CAmera Anna Bravo: il filo rosso dei Premi I premi 1997-2018 Premio 1997 Algeria Premio 1998 Ruanda
link motivazione
Premio 1999 Cina Premio 2000 Kosovo-Serbia Premio 2003 Italia Premio 2004 Polonia Premio 2001 Israel-Palest. Premio 2002 Ecuador Premio 2005 Bosnia Erzegovina Premio 2007 Sudafrica Premio 2006 Indonesia Premio 2008: Somalia premio 2009: Iran premio 2010 Fondazione Stava premio 2011 Haiti premio 2012 Tunisia premio 2013 - Donatori di musica Premio 2014 Borderline Sicilia Premio 2015 - Adopt, Srebrenica premio 2017 - Angalià - Asgi premio 2018 - Istituto Arava
premi Langer 1997- 2011 (18) Premio 2004 (2) Premio 2005 (13) Premio 2006 (8) Premio 2007 (15) premio 2008 (18) premio 2008 -II (18) premio 2009 (36) premio 2010 (6) premio 2011 - haiti (36) premio 2012 - Tunisia (26) premio 2013 - Donatori di musica (15)

Yolande Mukagasana: lettera agli africani

19.12.2007, Rete Radié Resch
Se noi ci sentiamo africani, Se noi ci sentiamo umani, 

Spero che tutti quelli che hanno visto ART (*uno sconvolgente documentario sull’Africa) siano così commossi, così disgustati, così tristi, ma soprattutto interpellati come me.

Questo mi riporta direttamente al Ruanda nel 1994. Lo stupro, sempre lo stupro e ancora lo stupro. Lo stupro perfino con dei pezzi di bastone…

La morte delle donne e delle bambine. Sempre all’arma bianca, il machete, la zappa, l’ascia… No, questo divieneinsopportabile!

Il mondo guarda, il mondo tace e s’indigna. E aldilà dell’indignazione? E dopo? E noi? Ci contentiamo di crogiolarci nell’indignazione ?

Perdonatemi, se non posso dormire senza inginocchiarmi dinnanzi a tutti voi, Africani dei Grandi Laghi.

Ve ne supplico, dimenticate le vostre collere, i vostri rancori, le vostre ribellioni forse legittime, a parte che ci sbagliamo senz’altro sul bersaglio.

Ve ne scongiuro, le nostre differenze non fanno di noi dei nemici, possono servirci da ponti per avvicinarci.

Cerchiamo di salvare tutte queste madri congolesi. Salviamo queste bambine la cui infanzia e innocenza vengono uccise. Queste bambine che non conosceranno la femminilità. Non dimentichiamo che mai, fino alla loro sopravvivenza (perché non possiamo parlare di una vita dopo quello che hanno subito) non potranno portare l’umanità nelle viscere. Non conosceranno l’amore, il motore della vita.

Io credo in Dio, ma sono disgustata sempre più da quelle religioni che si sono trasformate in psicologi, approfittando della sofferenza degli umani, invece di partecipare attivamente alla risoluzione delle cause di queste sofferenze.

Mettiamo da parte le nostre sofferenze e facciamo qualcosa nell’urgenza, perché siamo noi i soli responsabili di quanto ci accade. Smettiamo di lamentarci se non vogliamo fare proposte concrete.

Nella speranza che possiamo parlarne in un mondo sereno e aiutarci a vicenda per trovare delle soluzioni, vi prego di credere all’Amore per l’Africa e per tutti i miei africani senza distinzione.

Yolande Mukagasana

Una voce dei senza voce


Pubblicata nella lettera dell' Associazione di solidarietà internazionale RETE RADIE’ RESCH con la quale è in contatto attraverso il sostegno al progetto di diciassette orfani ruandesi che vivono con lei in Belgio.

Via Poggiole, 225 - C.P. n.74 51039 Quarrata - PT Tel. 0573 - 750539

E-mail: a.vermigli@rrrquarrata.it www.rrrquarrata.it


pro dialog