Premio Internazionale Premio Internazionale Premio 1998 Ruanda

Premio regolamento Libro Premi Langer alla CAmera Anna Bravo: il filo rosso dei Premi I premi 1997-2018 Premio 1997 Algeria Premio 1998 Ruanda
link motivazione
Premio 1999 Cina Premio 2000 Kosovo-Serbia Premio 2004 Polonia Premio 2003 Italia Premio 2001 Israel-Palest. Premio 2002 Ecuador Premio 2005 Bosnia Erzegovina Premio 2007 Sudafrica Premio 2006 Indonesia Premio 2008: Somalia premio 2009: Iran premio 2010 Fondazione Stava premio 2011 Haiti premio 2012 Tunisia premio 2013 - Donatori di musica Premio 2014 Borderline Sicilia Premio 2015 - Adopt, Srebrenica premio 2017 - AngaliĆ  - Asgi premio 2018 - Istituto Arava
premi Langer 1997- 2011 (18) Premio 2004 (2) Premio 2005 (13) Premio 2006 (8) Premio 2007 (15) premio 2008 (18) premio 2008 -II (18) premio 2009 (36) premio 2010 (6) premio 2011 - haiti (36) premio 2012 - Tunisia (26) premio 2013 - Donatori di musica (15)

L' ex procuratore del tribunale per il genocidio attaccata a Roma. Una superstite contro Del Ponte.Niente giustizia in Ruanda

28.11.2005, La Repubblica 28.11.2005
roma - Dura polemica ieri a Roma fra Yolande Mukagasana, superstite del genocidio in Ruanda del '94 e autrice del libro «La morte non mi ha voluta», e Carla Del Ponte, dal 1999 al 2003 procuratore del Tribunale internazionale per il Ruanda.
«Lei mente» ha detto la donna, che nel 1994 vide uccidere il marito e i figli dalle squadre della morte Hutu, interrompendo il giudice svizzero intervenuto alla seconda giornata del sesto Summit mondiale dei premi Nobel per la Pace quando quest' ultima parlava dei successi ottenuti dal tribunale. Poco prima Yolande Mukagasana aveva ricordato l' eccidio della sua famiglia: «La mia vita si è fermata dodici anni fa. Da allora la mia unica ragione di vita è far rivivere i miei figli occupandomi degli orfani del mio paese e impegnandomi per il futuro del Ruanda». Poi è stata la volta di Carla Dal Ponte che ha ricordato la condanna di 50 accusati tra i vertici del governo e dell' esercito di allora, e le altre 25 persone attualmente sotto processo. A quel punto Mukagasana ha protestato vivacemente contro la Del Ponte rea, a suo avviso, di non aver perseguito adeguatamente i colpevoli del genocidio. (c.a.b.)
pro dialog