Premio Internazionale Premio Internazionale Premio 1997 Algeria

Premio regolamento Libro Premi Langer alla CAmera Anna Bravo: il filo rosso dei Premi I premi 1997-2018 Premio 1997 Algeria
motivazione
Premio 1998 Ruanda Premio 1999 Cina Premio 2000 Kosovo-Serbia Premio 2003 Italia Premio 2004 Polonia Premio 2001 Israel-Palest. Premio 2002 Ecuador Premio 2005 Bosnia Erzegovina Premio 2007 Sudafrica Premio 2006 Indonesia Premio 2008: Somalia premio 2009: Iran premio 2010 Fondazione Stava premio 2011 Haiti premio 2012 Tunisia premio 2013 - Donatori di musica Premio 2014 Borderline Sicilia Premio 2015 - Adopt, Srebrenica premio 2017 - Angalià - Asgi premio 2018 - Istituto Arava
premi Langer 1997- 2011 (18) Premio 2004 (2) Premio 2005 (13) Premio 2006 (8) Premio 2007 (15) premio 2008 (18) premio 2008 -II (18) premio 2009 (36) premio 2010 (6) premio 2011 - haiti (36) premio 2012 - Tunisia (26) premio 2013 - Donatori di musica (15)

Libertà per Khalida Toumi

1.1.2020, Fondazione Langer

Più conosciuta in Italia come Khalida Messaoudi, è stata una combattente per i diritti delle donne. Vincitrice del premio Langer 1997 è stata condannata a morte nel 1993 dall'integralismo islamico e  ferita negli anni terribili in cui il terrore islamista costò al paese duecentomila morti. Si è battuta per la riforma dell’istruzione e del codice di famiglia ed è stata Ministra della cultura dal 2002 al 2014.

Nel 2015 è stata fra i firmatari della cosiddetta "lettera dei 19", sottoscritta da personalità politiche e culturali, che esprimeva inquietudine per la situazione del Paese e chiedeva al Presidente della Repubblica di chiarire le dinamiche istituzionali in atto.

Khalida Toumi gode di un ampio prestigio internazionale per essere sempre stata in prima fila nella difesa dei diritti civili, impegno che anche di recente l'ha portata a chiedere la liberazione dei giornalisti e dei militanti del movimento di rivolta popolare Hirak imprigionati, e in particolare quella di Louise Hanoune, Presidente del partito dei lavoratori. 

Il 4 novembre è stata arrestata e posta in detenzione preventiva nel carcere di El Harrach con l'accusa di sperpero di denaro pubblico, ma successivamente è stata trasferita nella sezione dei prigionieri politici.

Auspichiamo che l'elezione del Presidente Tebboune apra una stagione nuova di dialogo nel Paese e chiediamo che Khalida e gli altri prigionieri politici ancora in carcere siano liberati al più presto.

 

 

pro dialog