Euromediterranea Euromediterranea 2004: Europa 25-es.Polonia Info plus

2003: peace/guerra Frieden 2004: Europa 25-es.Polonia
Bibliografie Cinema Info plus
Mostre Rassegna stampa Scuola estiva
2005: Langer/Srebrenica 2006: Anak Indonesia 2007: Aids - Sudafrica 2008: Ayuub - Somalia 2009: equal rights Iran 2010: memoria attiva 2011 haiti alive 2012 - Arabellion - Tunisia 2013 - L'arte del prendersi cura 2014 - Borderlands 2015 - Da Langer a Srebrenica 2016 Euromediterranea 2017 - Andare oltre 2018 - Una terra in dialogo 2019 - Pro Europa
2005 10 anni con Alex (15) 2005 Brindisi per Alex (7) 2005 euromed - Sarajevo (6) 2005 Ricordi (5) 2006 Children of Memory (13) 2006 euromed-Ibu award (14) 2012 Arabellion! Donne in cammino (0) euromed 2005 - Brenner/o (11) euromed 2005 - Convivenza (12) euromed 2005 - ecologia (12) euromed 2005 - Hallo Ibrahim (2) euromed 2005 - Landtag (5) euromed 2005 - musica (19) euromed 2005 - srebrenica (17) euromed 2005 - srebrenica 2 (18) euromed 2005 - srebrenica 3 (17) euromed 2005 - srebrenica 4 (14) euromed 2005 - summerschool (18) euromed 2005 - summerschool 2 (19) euromed 2005 - summerschool 3 (6) euromed 2009 - Iran (29) euromed 2013-donatori musica (46) Euromed 2015-alex/Bosnia (40) euromediterranea 2011 - Haiti alive (14) EUROMEDITERRANEA 2014 BORDERLANDS (2) EUROMEDITERRANEA 2016 (21)

INCONTRI PUBBLICI: BREVI BIOGRAFIE

Malgorzata Furdal, direttrice dell’Istituto di cultura e consigliere d'ambasciata della Repubblica di Polonia a Roma.
Marek Edelman , nato nel 1921 a Varsavia, fece parte del movimento giovanile del BUND il partito socialista dei lavoratori ebraici, partecipando sia alla resistenza dell’aprile/maggio 1943, sia alla rivolta insurrezionale dell’agosto 1944. Dopo la guerra studia medicina e lavora come cardiologo a Lodz. Nel 1980 prende parte al movimento “Solidarnosc” e viene imprigionato dal governo del generale Jaruselzski. Si impegna ancora per la Bosnia, la Cecenia, nel conflitto tra Israele e Palestina. Il racconto della sua vita, trascritto da Rudi Assuntino e Wlodek Goldkorn, si trova nel libro "Il guardiano" ed. Sellerio. 1998

Konstanty Gebert, alias Dawid Warszawski, uno dei più noti giornalisti della stampa clandestina negli anni di Jaruzelski (suoi scritti su Reporter, Il Manifesto, Micromega), membro della Tavola Rotonda nell'89. Giornalista di guerra in Jugoslavia e specialista dei Balcani. Dagli anni '80 si dedica alla ricostruzione della vita ebraica in Polonia con la rivista "Midrasz".

Luigi Vittorio Ferrarsi,
primo consigliere all’Ambasciata di Varsavia dal 1967 al 1969, ambasciatore d'Italia a Bonn dal 1980 al 1987. Docente presso la “European School of Economics” e la Luiss di Roma. Membro del comitato scientifico del “Centro per gli Studi dell’Europa Orientale e dei Balcani” (Bologna) nonché delle riviste "Proposte e Ricerche" e "Limes".

Eva Lichtemberger
Parlamentare austriaca verde, membro supplente della Convenzione per la nuova costituzione europea. Nata e cresciuta nel Tirolo del Nord, dove ha coperto per una legislatura incarichi di governo, si è laureata in psicologia e scienze politiche.

Andrzej Paczkowski
Storico. Docente all’ Istituto Studi Politici dell'Accademia Polacca delle Scienze. Negli anni 83-89 organizzatore della casa editrice clandestina "Archivi di Solidarnosc". Coautore del "Libro Nero sul Comunismo". Membro del Consiglio dell' Istituto Nazionale della Memoria.

Karol Modzelewski
Figura storica del sissenso di sinistra polacco, coautore con Jacek Kuron della "Lettera Aperta al Partito" dei primi anni '60. Per diversi anni in prigione. Ex consigliere di Walesa, dopo l'89 si colloca a sinistra di " Solidarnosc" come senatore dell’“Unione del Lavoro”. Storico medievalista.

Mauro Martini
Insegna Lingua e Letteratura russa presso l’Università di Trento. E’ autore di “Le mura del Cremino e di “Oltre il disgelo, la letteratura russa dopo l’Urss” (2002). Collabora con “Nuovi argomenti”. Per Mondatori: “Il libro sacro. Letture e interpretazioni ebraiche, cristiane e mussulmane” (2002).

Carla Tonini
Insegna Storia dell'Europa orientale presso l'Università di Bologna e collabora con l'università di Forlì. Tra le pubblicazioni: Operazione Madagascar. La questione ebraica in Polonia, 1918-1968; Primavera di Praga e dintorni. Alle origini dell’89; Solidarność, la prima rivoluzione operaia della storia.

Tomas Venclova
Nato a Klaipeda, in Lituania, poco prima dello scoppio della II guerra mondiale, scrive poesie dall’età di 10 anni. Per le sue denunce delle violazioni dei diritti umani con il Lithuanian Helsinki Group è stato perseguitato, incarcerato e costretto all’esilio nel 1997. Insegna all’Università di Yale.

Irena Grudzinska-Gross
Storica delle idee, studiosa di letteratura comparata e protagonista del dissenso polacco. Coinvolta nella contestazione studentesca nel '68, dopo un periodo di carcere ha lasciato la Polonia prima per l'Italia, poi per gli USA dove vive.


Marino Vocci
Ambientalista, promotore di "Cerniera - Forum Euromediterraneo Transfrontaliero", collaboratore dell'Agenzia della Democrazia Locale del Consiglio d'Europa di Verteneglio (Istria-Croazia). Ex sindaco di Duino Aurisina e co-fondare del circolo di cultura istro-veneta“Istria”.

Francesco Palermo
Docente alle Università di Trento e Verona. Ricercatore all'Accademia europea di Bolzano, per la quale ha compiuto docenze in Bosnia, Serbia, Kosovo, Cipro. Autore di numerose ricerche sulle minoranze nella legislazione europea.

Wlodek Goldkorn
Nato in Polonia, vive a Firenze. Capo redattore cultura nel settimanale “L’Espresso”, autore di numerosi saggi sul conflitto arabo-israeliano, l’antisemitismo, la cultura ebraica, l’America. Coautore del libro intervista a Marek Edelman “Il guardiano”. Suo il Blogg “contaminazioni”.

pro dialog