Euromediterranea Euromediterranea 2004: Europa 25-es.Polonia Info plus

2003: peace/guerra Frieden 2004: Europa 25-es.Polonia
Bibliografie Cinema Info plus
Mostre Rassegna stampa Scuola estiva
2005: Langer/Srebrenica 2006: Anak Indonesia 2007: Aids - Sudafrica 2008: Ayuub - Somalia 2009: equal rights Iran 2010: memoria attiva 2011 haiti alive 2012 - Arabellion - Tunisia 2013 - L'arte del prendersi cura 2014 - Borderlands 2015 - Da Langer a Srebrenica 2016 Euromediterranea 2017 - Andare oltre 2018 - Una terra in dialogo 2019 - Pro Europa
2005 10 anni con Alex (15) 2005 Brindisi per Alex (7) 2005 euromed - Sarajevo (6) 2005 Ricordi (5) 2006 Children of Memory (13) 2006 euromed-Ibu award (14) 2012 Arabellion! Donne in cammino (0) euromed 2005 - Brenner/o (11) euromed 2005 - Convivenza (12) euromed 2005 - ecologia (12) euromed 2005 - Hallo Ibrahim (2) euromed 2005 - Landtag (5) euromed 2005 - musica (19) euromed 2005 - srebrenica (17) euromed 2005 - srebrenica 2 (18) euromed 2005 - srebrenica 3 (17) euromed 2005 - srebrenica 4 (14) euromed 2005 - summerschool (18) euromed 2005 - summerschool 2 (19) euromed 2005 - summerschool 3 (6) euromed 2009 - Iran (29) euromed 2013-donatori musica (46) Euromed 2015-alex/Bosnia (40) euromediterranea 2011 - Haiti alive (14) EUROMEDITERRANEA 2014 BORDERLANDS (2) EUROMEDITERRANEA 2016 (21)

Marek Edelman, il guardiano

di Adriano Sofri. Edelman aveva 19 quando a Varsavia fu istituito il ghetto. Nel 1943 ne aveva 22, quando fu fra i pochi e pressoché inermi insorti del ghetto, e poi fra i pochissimi superstiti. Quei superstiti continuarono a battersi contro i nazisti, e nell'insurrezione di Varsavia dell'agosto 1944; e dovettero guardarsi dagli sciovinisti polacchi e dagli stalinisti dell'Armata Rossa. Poco dopo la liberazione, in Polonia ricominciarono i pogrom contro gli ebrei. Nel 1968 il regime comunista reprime la protesta dei giovani denunciandovi il complotto ebraico: vanno in esilio gli ultimi ebrei di Polonia. Nel 1981 viene decretato lo stato d'emergenza contro Solidarnosc, e Edelman viene arrestato. Vive a Lodz, di professione è cardiologo. Non ha mai pensato di andar via. Qualcuno doveva pur restare a fare il guardiano delle tombe, dice. E' una leggenda vivente, un eroe: lui alza le spalle. E' scorbutico. Non vuole sentir parlare di eroi. Lo invitano malvolentieri alle celebrazioni: non si sa mai. Si muove quando vede rinascere lo scandalo dell'omissione di soccorso, come in Bosnia. Non aveva mai raccontato la sua vita: l'ha fatto ora, seccamente. "Se proprio lo volete sapere". Racconta cose inaudite, le commenta con pensieri scontrosi e spiazzati, privi di ogni ipocrisia. Vi farà una grande impressione. Terribile è stato il mondo in cui Edelman ha tenuto fedelmente il suo posto. Ma è difficile che incontriate un altro uomo così pieno di pudore e perfino di vergogna verso la propria intransigente fraternità.
Il racconto della sua vita, trascritto da Rudi Assuntino e Wlodek Goldkorn, si trova nel libro "Il guardiano" ed. Sellerio. 1998. In tedesco: “Der Hüter, Marek Edelmann erzält” C.H.Beck Ed.


pro dialog