Alexander Langer Alexander Langer Scritti di Alex Langer Semina verde

Scritti di Alex Langer
Albania Alto Adige Südtirol Bioetica Conflitti etnico-religiosi Convivenza Est/Ovest Europa Ex-Jugoslavia Incontri Israele/Palestina Mediterraneo Nord/Sud Politica Italia Politiche ambientali Politiche di pace Religiosità Semina verde
Stili di vita Bibliografie Biografie
Racconti, ricordi e dediche bibliografie - recensioni Tesi e ricerche Riviste Video - Audio
alexander langer (22)

Molti soldi passano per le mani degli europarlamentari

16.5.1994, Da un'intervista a "Tam-tam verde" del 16.5.94
Il lavoro di parlamentare europeo richiede innanzitutto, un'altissima mobilità. Il posto di lavoro ordinario è a Bruxelles e (una settimana al mese) a Strasburgo, il contatto con la gente avviene soprattutto nel proprio paese, gli inviti e le "precettazione" per assistere a riunioni, manifestazioni, iniziative... in giro per l'Europa non si contano, ed è proprio difficile tener dietro. Si incontrano moltissime persone interessanti e si partecipa ad eventi notevoli, spesso manca il tempo e la disposizione di spirito per approfondire. Facilmente possono indebolirsi le radici.
Molti soldi passano per le mani degli europarlamentari: per vivere e spostarmi spendo grosso modo 5-7 milioni al mese (che sono coperti da rimborso), l'insieme delle indennità che riceviamo, a vario titolo, ammonta attualmente a 32 milioni mensili, di cui spendo una parte per vari contributi fissi a "fondi verdi" (9 milioni complessivamente), una parte notevole per collaborazioni e spese d'ufficio (13 mio), una parte per contributi politici occasionali (2,5 mio): lo stipendio finale netto medio nei 5 anni per me è stato di 4 milioni mensili. Ogni anno rendo noto il bilancio. Una parte dei soldi va ai Verdi organizzati, come sostegno alle attività comuni (2,5 milioni alla Federazione, 1 milione alla lista di cui faccio parte e di cui "uso" le infrastrutture); il "Fondo Verdeuropa Nordest" - che amministro insieme a Grazia Francescato e Michele Boato - riceve attualmente 5,5 milioni al mese, e serve per sostenere iniziative per l'ambiente, di pace, di solidarietà: p.es. per il ritorno della tribú degli Xavantes nella loro terra in Brasile, per l'"incontro internazionale delle madri" (jugoslave, argentine, cipriote, israeliane, palestinesi...), per un corso di formazione per agricoltori biologici turchi in cooperazione con i loro "colleghi" in Italia ed in Germania, per un campo estivo in Albania del Movimento cristiano per la pace, per il sostegno al Verona Forum sull'ex-Jugoslavia, per la formazione di agricoltori georgiani ospitati in Emilia... Altri fondi servono per iniziative politiche dirette: come il sostegno ai referendum verdi in Friuli-Venezia Giulia, le iniziative di Iridia - "alleanza per il mare", un sostegno ai verdi sardi e siciliani, in momenti difficili, la campagna referendaria contro pesticidi e caccia in Italia,
In tutto ho versato, nel quinquennio, al Fondo Verdeuropa Nordest 337 milioni, alla Federazione dei Verdi 133 mio., ai Verdi sudtirolesi 85 mio., a iniziative politiche varie ed occasionali 107 mio., e - come quota parte ad iniziative della delegazione italiana nei Verdi europei - 137 mio.: così ho cercato di perequare in qualche modo i nostri famosi "privilegi europei".

NB.

Eletto deputato al Parlamento europeo nel 1989 nella circoscrizione Nord-Est), primo presidente del neo-costituito Gruppo Verde europeo. Cerca di far fruttare creativamente i forti privilegi economici legati al mandato e, nel pieno di "tangentopoli", decide di rendere periodicamente pubblici - ignorato dai giornali - i rendiconti delle sue entrate e uscite.
Collabora e scrive per diversi quotidiani e riviste ed interviene a numerosi incontri e dibattiti, evitando le parate e privilegiando i piccoli gruppi di ricerca e con forte impegno etico.
Si impegna e sostiene movimenti ed iniziative di solidarietà internazionale come la "Campagna Nord-Sud" e numerose ONG come il CRIC, Terra Nuova, Crocevia, la "Campagna per la resitituzione delle terre agli indios Xavantes", "Kairos Europa", "Quart Monde", "Terre des hommes", la rete nascente delle Botteghe Terzo Mondo (presenta una relazione e una risoluzione sul commercio equo e solidale, approvata dal Parlamento Europeo).

24.000 circa - Un viaggio a Mosca - Da Ottavogiorno, edizioni Lavoro, genn-marzo 88
8.000 circa - Delitto nella foresta, da L'Espresso, 24 luglio 88
6.000 circa - Eco-debito: bisogna imparare a far i conti con l'oste, da "Messaggero Capuccino, febbraio 89
20.000 - 500ann1.txt - 500 anni bastano, ora cambiamo rotta, introduzione ad un'assemblea della Campagna Nord-Sud, febbraio 92, da Terra Nuova Forum
7.000 - E94tia.txt - Su una delle caravelle per Rio, Arcobaleno-TN, giugno 92
5.000 - La semplicità sostenibile, da "Senza confine", luglio 92
3.500 - G7-PIC94.txt - I tanti modi di essere piccoli, Messaggio al "Vertice dei Piccoli" in occasione del GS a Napoli, da IDOC internazionale, 14.6.94
3.500 - CAIRO1.txt, Tra il papa e Clinton, Il giorno, 20.8.94




pro dialog