Alexander Langer Alexander Langer Scritti di Alex Langer Stili di vita

Scritti di Alex Langer
Albania Alto Adige Südtirol Bioetica Conflitti etnico-religiosi Convivenza Est/Ovest Europa Ex-Jugoslavia Incontri Israele/Palestina Mediterraneo Nord/Sud Politica Italia Politiche ambientali Politiche di pace Religiosità Semina verde Stili di vita
Bibliografie Biografie
Racconti, ricordi e dediche bibliografie - recensioni Tesi e ricerche Riviste Video - Audio
alexander langer (22)

La semplicità sostenibile

1.7.1992, Dalla rubrica Stile di vita nel mensile "Senza Confine"
Oggetto di negoziato internazionale sono, normalmente, argomenti come confini, armamenti, zone di pesca, quote lattiere, contingenti militari e cosi via. Nel "vertice della terra" che le Nazioni Unite hanno convocato a Rio de Janeiro, poche settimane addietro, un altro tipo di negoziato internazionale e stato sperimentato per la prima volta: sul tavolo una sorta di trattato di pace tra gli uomini e con la natura, ed anche se poi quel trattato (che avrebbe potuto degnamente chiudere il periodo della guerra fredda) in realtà non ha preso corpo, è già assai importante che si sia indicata una nuova direzione. Se si guarda alla Conferenza delle Nazioni Unite al di la dei singoli temi di discussione e trattativa (il clima, la biodiversità, le foreste, i consumi energetici, la questione demografica...), salta agli occhi un aspetto centrale, che il capo della delegazione statunitense William Reilly (capo dell'agenzia Usa per l'ambiente e non supinamente sdraiato sulla linea intransigente de presidente Bush), ha efficacemente sintetizzato, dicendo: "American life-style is not up for negotiations" lo stile di vita americano non e oggetto di negoziato. Perché, in effetti, parlare di inquinamento e di giustizia energetica, di povertà e di salvaguardia della molteplicità delle specie non ha a che vedere solo con l'Economia e la Politica, con le maiuscole, ma c'entra moltissimo con la nostra vita di tutti i giorni. Finché un americano medio "pesa" sulla biosfera quanto circa ottanta abitanti medi dell'India, non ci sarà accordo internazionale che potrà coniugare "ambiente e sviluppo", come in modo ambizioso la "cupula de la Tierra" si era proposta. Se India, Cina e Brasile raggiungessero un livello di motorizzazione ed industrializzazione pari all'Italia o alla Francia, il nostro pianeta sarebbe al collasso: l'inquinamento si raddoppierebbe. "Guardando le nostre società ci rendiamo conto che molto resta da fare. Coloro che beneficiano della crescita economica sono riluttanti ad abbandonare i comportamenti consumistici; quelli che aspirano a raggiungere un giorno questi comportamenti, sostengono l'idea dello sviluppo ad ogni costo; tutto questo, mentre molte persone non possono soddisfare i propri desideri perché al di sotto delle condizioni minime di vita. Abbiamo capito che la "società sostenibile" si costruisce a partire dall'iniziativa e dalla partecipazione dei gruppi, delle comunità locali e dei popoli. Valorizzare le piccole esperienze e soluzioni, promuoverle su scala regionale, nazionale e mondiale fa parte integrante del nostro lavoro. Ai propositi di integrazione tout-court del Sud del mondo nel mercato internazionale, noi proponiamo come alternativa l'integrazione dei popoli nella lotta per un futuro giusto e democratico": cosi si legge nella "Dichiarazione di Rio" degli organismi non governativi, che e stata elaborata dal Forum delle Ong brasiliane con l'appoggio del Third World Network, dell'Alliance of Northern Peoples on Environment and Development e sostanzialmente tutti gli organismi di solidarietà e cooperazione presenti a Rio. Il messaggio e molto semplice e chiaro: se volessimo generalizzare il nostro stile di vita del nord industrializzato del mondo a tutto il pianeta, o questo pianeta scoppierebbe, o ci sarebbe bisogno di qualche colonia spaziale per trarne energia e materie prime e collocarvi i rifiuti. Ecco perché la questione degli stili di vita delle persone e della comunità tocca direttamente gli argomenti del negoziato di Rio e provoca delle conseguenze di fondo sul futuro di tutti. Senza la scoperta (o riscoperta) del gusto e della capacità di vivere senza un'infinita di protesi tecnologiche, senza il nostro attuale superamento energetico ed alimentare e senza un'alienazione da trasporto senza pari sarà inevitabile che nella scelta sempre più netta tra sviluppo blindato dei ricchi e condivisione planetaria (con la necessaria contrazione nei paesi più "sviluppati") la gente appoggerà massicciamente la prima opzione, ritenendosi mutilata da ogni autolimitazione e punita da ogni comportamento meno rapace ed aggressivo. La semplicità di vita e il vero obiettivo proclamato dal "vertice della Terra": cosi rivoluzionario da non poter essere iscritto in un trattato.


pro dialog