Alexander Langer Alexander Langer Scritti di Alex Langer Politica Italia

Scritti di Alex Langer
Albania Alto Adige Südtirol Bioetica Conflitti etnico-religiosi Convivenza Est/Ovest Europa Ex-Jugoslavia Incontri Israele/Palestina Mediterraneo Nord/Sud Politica Italia
Politiche ambientali Politiche di pace Religiosità Semina verde Stili di vita Bibliografie Biografie
Racconti, ricordi e dediche bibliografie - recensioni Tesi e ricerche Riviste Video - Audio
alexander langer (22)

"Malpensa 2000", tratto da "diario europeo", Una città

1.5.1995
....Davvero solo un autogoal di euro-parlamentari asini, distratti ed incompetenti, la bocciatura di "Malpensa 2000" da parte del Parlamento europeo?

A leggere i giornali, è andata proprio così. Potenza delle veline governative! Dopo che la commissione trasporti del Parlamento europeo - col concorso forse inconsapevole di un signore di Cuneo, di nome Gipo Farassino, che magari volentieri avrebbe scambiato la Malpensa con un'autostrada Nizza-Cuneo, o forse ha firmato senza leggere - aveva raccomandato di soprassedere a "Malpensa 2000" come priorità europea, e scelto di investire i mezzi disponibili piuttosto per un progetto di trasporto combinato (ferrovia, nave, aereo, strada) verso l'area Adriatica e Balcanica, la rappresentanza del governo italiana è entrata in scena con decisione. "Interessi greci e tedeschi stanno prevalendo, vogliono mantenere marginale l'aeroporto della Malpensa per favorire invece Monaco e Atene", faceva sapere l'ambasciata; "datevi da fare per rimediare", veniva ingiunto a parlamentari e giornalisti. Che si potesse dare una diversa interpretazione al concetto di "interesse nazionale" (o non curarsene affatto), e privilegiare una politica dei trasporti meno concentrata sull'affollamento dello spazio aereo e piuttosto attenta a costruire collegamenti verso l'ex-Jugoslavia (dove la guerra non potrà durare in eterno), la Grecia, la Turchia, il Medio Oriente, e che quindi si potesse in piena coscienza scegliere un'alternativa al mega-progetto Malpensa, non veniva neanche preso in considerazione.

Così per tre giorni si è avuta sul palcoscenico il seguente copione: corrispondenti italiani (svegliati all'ultimo momento, dall'ambasciata italiana) riproverano parlamentari italiani (svegliati all'ultimo momento, dall'ambasciata italiana), parlamentari italiani (distratti anche in aula) che si scusano imbarazzati con i giornalisti, leghisti di gran calibro (il Bossi, il Formentini, il Fassa...) che cercano di rimediare alla figuraccia del Farassino, Alleanza Nazionale e Forza Italia che ci inzuppa il pane, persino gran parte del PDS ed il verde Ripa di Meana che intimiditi da cotanto furore nazionale scelgono la difesa di Malpensa 2000 (mentre i verdi lombardi avevano raccolto firme contro il progetto). E Buttiglione che alza il dito contro i comunisti che per ragioni "emiliano-romagnole" si sarebbero lasciati tentare dalla chimera adriatica invece che mostrare le palle nazionali (leggasi Malpensa).

Nessuno spazio - nessuno! - per chi avesse voluto spiegare le ragioni per le quali è davvero meglio puntare su collegamenti verso il Sudest europeo e mediterraneo, invece che intasare ulteriormente, con soldi europei, i cieli lombardi.
pro dialog