Operatori di Pace Operatori di Pace Fortbildung - così lontano, così vicino (2022)

Corso 2003/2004 Corso 2005/2006 Corso master 2006/2007 Corso master 2007/2008 Corso master 2008/2009 Corso master 2009/2010 Corso master 2011-2012 Istituzioni naz. e internaz. Learn papers Thesaurus-odp L' arte del prendersi cura 2020 Fortbildungen: l’arte del vivere insieme (2021) Difesa civile e difesa militare Europa: corpi civili di pace Materiali tematici - Themenbereiche Comunicati Fortbildung - così lontano, così vicino (2022)
Corso-master: Operatori di Pace
Corso 2003/2004 (13) Corso 2003/2004 ALPINI Training (10)

Percorso formativo 2022: così lontano, così vicino

28.3.2022

 

Così lontano, così vicino:

La presenza dell’altro/a - intesa all’interno della galassia complessa del mondo delle migrazioni.

 

Il percorso di formazione “Così lontano, così vicino” è composto da tre moduli che invitano a leggere il fenomeno migratorio nella sua complessità. Esso, infatti, per essere compreso deve essere accompagnato da un’analisi dettagliata e consapevole delle condizioni dei paesi di origine, della loro storia e delle condizioni in cui opera la cooperazione internazionale. Identificare la migrazione come fattore di cambiamento sociale riconoscendone la natura poliedrica significa anche acquisire le competenze per vedere le discriminazioni, conoscere i pregiudizi e gli stereotipi e saperli evitare il più possibile.

 

Nel 1995 Alexander Langer apriva i suoi “Dieci punti per la convivenza” con l’affermazione che “la compresenza pluri-etnica sarà la norma più che l'eccezione”. Ovvero:

 

La convivenza pluri-culturale, pluri-religiosa, pluri-lingue, plurinazionale...appartiene dunque, e sempre più apparterrà, alla normalità, non all'eccezione. Ciò non vuol dire, però, che sia facile o scontata, anzi. La diversità, l'ignoto, l'estraneo complica la vita, può fare paura, può diventare oggetto di diffidenza e di odio, può suscitare competizione sino all'estremo (...)” (punto 1).

 

Oltre a lavorare per creare uno spazio inclusivo di incontro senza gabbie etniche in Sudtirolo, Langer
era impegnato, tra molte altre cose, anche fortemente nella rivitalizzazione di un altro spazio ponte. La Conferenza euromediterranea di Barcellona del 1995 aveva l’obiettivo di stabilire un partenariato euromediterraneo molto articolato. Pochi mesi prima di morire Alexander Langer aveva lavorato  molto attivamente su questo partenariato. Langer vedeva grandi potenzialità
in questo processo complementare di integrazione sul versante sud. Spingeva inoltre perché questa iniziativa non si limitasse a puntare al controllo dei fenomeni ritenuti minacciosi (individuati al tempo nell'"esplosione demografica" e nell'immigrazione verso l'Europa, nella crescita del fondamentalismo islamico, ecc...), ma costituisse un progetto storico di lunga durata che rivalorizzasse quella grande eredità comune costituita dall’incrocio tra tre continenti, tra tre grandi religioni e tra tradizioni fortemente interrelate. L’esperienza di Antenne Migranti e la stessa presenza sul territorio provinciale di un confine rilevante come quello del Brennero ci hanno insegnato quanto sia importante approfondire le conoscenze generali e specifiche rispetto ai rapporti nord e sud del mondo. In Provincia Autonoma di Bolzano oggi il 9,5 per cento della popolazione è di origine straniera, ed il Dossier Statistico Immigrazione 2021 riporta nei dettagli l’importanza del fenomeno migratorio come motore di cambiamento sociale.

 (...) vedi scheda allegata.

 

Obiettivi specifici del percorso


• fare conoscere le zone di origine dei migranti e quali relazioni le legano all'Europa
• presentare la “galassia” delle persone migranti fornendo le basi minime delle condizioni giuridiche e soprattutto del diritto nazionale e internazionale
• svelare i meccanismi meno ovvi della discriminazione per saperli riconoscere
• fornire gli strumenti per la prevenzione e la gestione dei conflitti in questo ambito
 

 

 

Un percorso di formazione per:


Questi appuntamenti di formazione si propongono alla società civile, ad associazioni ed enti giovanili e alle scuole, nell’ottica di una formazione continua (life long learning) e di creare e rafforzare una rete di operatori e operatrici preparati/e e consapevoli all’interno del tessuto cittadino.

 

 

Così lontano, così vicino” è strutturato in 3 moduli formativi da 5 ore.

 

 

 

22 aprile 2022 - ore 8:30-13:30 - Visione su alcuni paesi d'origine

Relatori-relatrici: Marco Abram, Davide Sighele, Giorga Decarli (Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa, TN)

 

 

6 maggio 2022 - ore 8:30-13:30 - Discriminazioni, discriminazione multipla & intersezionalità

Relatrice: Serena Caroselli, docente a contratto di Antropologia Culturale presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II.

 

 

19 maggio 2022 - ore 8:30-13:30 - Mediazione dei Conflitti

Relatrice: Marianella Sclavi

 

 

Le formazioni si svolgono in lingua italiana ed in presenza.

La partecipazione è gratuita e viene rilasciato un attestato di partecipazione.

 

 

Con il sostegno dell'Ufficio Relazioni estere e volontariato della Provicina Autonoma di Bolzano

 

 

ISCRIZIONE e INFORMAZIONI: mira@alexanderlanger.net

 

pro dialog