Adopt Srebrenica Adopt Srebrenica Settimana Internationale 2021 & 11 luglio

Chi siamo Centro di documentazione Adopt Srebrenica Io non odio/Ja ne mrzim - La storia di Zijo Euromediterranea 2015 in Bosnia-Erzegovina Settimana Internazionale 2013 Settimana Internazionale 2014 Settimana Internazionale 2012 Settimana Internazionale 2011 dosta! Srebrenica&Bolzano 2011 Viaggio 11 luglio 2010 Settimana Internazionale 2010 Viaggio 11 luglio 2009 News e appuntamenti 2009-2014 Settimana Internazionale 2009 Diario da Srebrenica 2009 Viaggio a Strasburgo 2009 Su Srebrenica e sulla Bosnia 2005/2009 Eventi "Al di là della guerra" 2009 Irfanka Pašagić - commenti Viaggio 11 luglio 2008 Dopo Dayton / maggio 2008 Settimana Internazionale 2008 Viaggio 11 luglio 2007 / scritti 2005-2007 Settimana Internazionale 2007 Media coverage 2005 / 2007 Link Emergenza alluvioni BIH 2014-2015 Osmače e Brežani / Premio Carlo Scarpa 2014 adopt srebrenica 2018 adopt srebrenica 2016 adopt srebrenica 2019 Adopt Srebrenica 2017 Tuzla ricorda Alexander Langer I fiori di Srebrenica - Quaderno Rete Lilliput Ferrara 11 luglio 2020 dal Sudtirolo a Srebrenica Srebrenica - Tuzla 2020 Settimana Internationale 2021 & 11 luglio
Adopt Srebrenica Group (6) as / Vivere Srebrenica 2010 (3) as-viaggi memoria e 11 luglio 2009 (52) Bz-Dayton Culture 06.17 (6) Bz-Dayton Eurac 15.06 (5) Bz-Dayton faces (10) Bz-Dayton Master Meeting 06.17 (13) Bz-Dayton Meeting with local institutions 06.16 (2) Bz-Dayton-Conference 06.17 (17) Bz-Dayton-Meeting Trento 06-16 (15) euromed 2015-mostra (14) Sett.internazionale 2011 (36) Settimana internaz 2007 (9) Settimana internaz. 2008 (37) settimana internaz.2008-2 (17) Settimana internaz.2009 (28) settimana internazioale 2014 (52) Srebrenica -Potocari - 11.7.2007 (9) srebrenica-mars mira 2010 (8) Srebrenica-Potocari 11.7.2005 (9) Srebrenica-Potocari 11.7.2005 (4) Srebrenica-Potocari 11.7.2006 (6) Tuzla - 07 - 2006 (9) Tuzla - Modena City Ramblers (4) Tuzlanska Amica (13) viaggio a strasburgo 2009 (26)

11 luglio 2021 - Memoriale di Srebrenica. Testimonianza di Muhammed Advic

11.7.2021

 

"Ho incontrato la persona che ha fatto sparire mio padre". La toccante testimonianza di Muhamed Avdic oggi al Srebrenica Memorial Center.
 
Mi rivolgo a voi come uomo trentanovenne, che è l’età che aveva mio padre quando ci siamo separati, quando l’ho visto per l’ultima volta, senza sapere che sarebbe stato l’ultimo giorno che avremmo vissuto insieme come famiglia. Non sapevamo fosse un addio e ci siamo salutati frettolosamente quel giorno, senza abbracciarci. Non ho il ricordo dell’ultimo abbraccio di mio padre. Avevo 11 anni.
 
Era il 29 marzo 1993. Aveva nevicato molto nei giorni precedenti e i četnici erano sulle montagne intorno alla città. La notte prima era arrivato un convoglio di aiuti umanitari dell’UNHCR che ci aveva dato la speranza che la comunità internazionale avrebbe fatto qualcosa per impedire l’entrata dei četnici a Srebrenica. Mi ricordo quella mattina. La città era gremita da decina di migliaia di persone che speravano di potersi arrampicare sui camion dell’UNHCR e trovare così la salvezza da quell’inferno dove o si moriva letteralmente di fame oppure si era bersaglio dei četnici che sparavano e bombardavano dalle montagne. Mia madre, mia sorella e io siamo stati tra i fortunati che sono riusciti ad arrampicarsi su quei camion che ci hanno poi trasportati a Tuzla.
 
L’arrivo a Tuzla è stato un ritorno alla civiltà. Non dovevamo più usare le candele, ma c’era l’elettricità e le lampadine funzionavano. Potevamo guardare la televisione e le notizie, con tutta la nostra attenzione rivolta a cosa succedeva a Srebrenica. Poco dopo, il 16 aprile 1993, Srebrenica veniva dichiarata “Zona protetta” dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e questo per noi e per tante altre famiglie di Srebrenica significò la speranza di ritornare, un giorno, a essere una famiglia felice.
 
Attraverso la Croce Rossa abbiamo iniziato a ricevere delle lettere da mio padre e quando funzionavano i collegamenti radio riuscivamo a sentirci. Erano chiacchierate brevi, ma che sembravano lunghissime, dove riuscivamo a scambiarci le informazioni più importanti e lui ci chiedeva come stavamo, se ascoltavamo la mamma e se eravamo bravi a scuola. Alla fine chiudeva sempre dicendo che questa follia che si chiama guerra prima o poi sarebbe finita e che saremmo ritornati presto a stare insieme.
A luglio del 1995, quando la testa della colonna della “Marcia della morte” è riuscita ad arrivare nei territori liberi, abbiamo saputo che purtroppo mio padre era stato catturato. Speravamo che fosse stato registrato come prigioniero dalla Croce Rossa e che prima o poi sarebbe ritornato con uno dei vari scambi di prigionieri. Con il passare del tempo la speranza che ritornasse vivo si è trasformata nella speranza di ritrovare i suoi resti. Abbiamo poi saputo che dopo gli attacchi serbi alla colonna della “Marcia della morte” si è nascosto nei boschi per sfuggire alla caccia all’uomo messa in atto dalla Polizia (MUP) e dall’Esercito (VRS) della Republika Srpska e ha deciso di attraversare il fiume Drina per consegnarsi come rifugiato in Serbia, nella speranza di avere più chance di sopravvivere.
 
È stato catturato dalla Polizia di frontiera della Serbia, che lo ha arrestato per essere entrato illegalmente e senza documenti. Il 31 luglio 1995, alle 14:10, Risto Šeovac, comandante della Stazione di transito frontaliero di Bajina Bašta, ha consegnato mio padre, sul ponte di Ljubovija, ai colleghi serbo-bosniaci Pero Milić e Dragan Vasiljević, che hanno redatto un verbale e poi lo hanno trasportato e consegnato a Miro Janković, comandante della Polizia militare della Brigata Bratunac dell’Esercito della Republika Srpska. Sono riuscito a ricostruire il destino di mio padre e a identificare le persone coinvolte dopo anni di ricerche. Ho sporto denuncia penale, ma il tribunale ritiene che oltre ai verbali scritti non ci siano sufficienti prove per avviare un procedimento.
 
Ho cercato e ho avuto l’opportunità di incontrare Pero Milić. Volevo guardarlo negli occhi e chiedergli che fine avesse fatto mio padre. Dirgli che era un insegnante, che aveva insegnato a centinaia di bambini a leggere e a scrivere e che per lui non era importante la nazionalità dei suoi alunni, ma che potessero dire con orgoglio di essere andati a scuola da lui.
 
Ho detto a Pero Milić che ha avuto sfortuna a incontrare mio padre, che sarebbe potuto toccare a chiunque altro, ma che è toccato a lui. Gli ho detto che ne lui ne mio padre potevano decidere di cominciare o fermare la guerra, però potevano decidere se in questa guerra sarebbero rimasti umani o se sarebbero diventati dei criminali. Gli ho detto che non so se è la parola giusta, ma che penso di essere fortunato perché mio padre non ha commesso crimini contro nessuno e ne lui ne io portiamo questo peso. Grazie a dio, padre, che in questa guerra hai deciso di rimanere umano, in modo che i tuoi figli e i tuoi nipoti non abbiano niente di cui vergognarsi e che possano dire con orgoglio che eri loro padre e loro nonno, che non hanno avuto la possibilità di conoscere, ma che potranno ricordare.
 

 

pro dialog