Fondazione Fondazione simone sechi

Statuto CdA - Revisori Comitato Scientifico-Garanzia bacheca 2005 bacheca 2006 bacheca 2007 bacheca 2008 bacheca 2009 bacheca 2010 bacheca 2011 bacheca 2012 bacheca 2013 bacheca 2014 bacheca 2015 bacheca 2016 bacheca 2017 bacheca 2018 bacheca 2019 bacheca 2020 Bergamaschi Paolo-info memoria adelaide aglietta andreina emeri anna segre anna bravo lisa foa renzo imbeni marino vocci giuseppina ciuffreda clemente manenti simone sechi
Programma attività bilanci consuntivi Relazioni finali findbuch - archivio Quaderni della Fondazione
RE 2009-giardino dell'Arca (18) Spazio all'integrazione! (12)

Gianni Sofri, ricorda Simone Sechi

6.3.2020, Fondazione

Simone Sechi ha frequentato negli ultimi suoi anni gli incontri della Fondazione, portando il suo modo gentile di di dialogare e offrire pensieri e sempre concrete proposte di impegno.


Così lo ricorda Gianni Sofri, comn parole delicate che facciamo anche nostre:

E’ morto ieri sera improvvisamente, di un infarto in casa sua a Sassari, Simone Sechi, 72 anni. Vecchio compagno, era rimasto sempre molto attivo. Ha fatto l’insegnante, poi il direttore scolastico. Ma nel frattempo, per alcuni anni, aveva diretto con intelligenza politica e culturale, e con grande passione, la sezione sassarese dell’Istituto sardo per la storia della Resistenza e dell’Autonomia. Aveva anche insegnato per qualche tempo Storia contemporanea all’Università. Quello dello storico era infatti il suo mestiere principale, vorrei dire la sua vocazione. Ha scritto molto, soprattutto su temi di storia dell’amata Sardegna: ricerche di notevole valore, ma anche articoli di giornale, interventi a convegni, puntuali commenti anche su politica e costumi a livello nazionale nel suo sito Facebook. Per anni aveva cercato di contribuire a stringere più legami fra l’isola e il “continente”, invitando fra l’altro a parlare a convegni o a tenere conferenze persone come Lisa Foa o Fabio Levi e tanti altri. Ed era grande amico degli storici di Sassari, come il compianto Mario Brigaglia, Giuseppina Fois e tanti altri. Per anni ha collaborato attivamente con la Fondazione Alexander Langer di Bolzano
 Per me è stato (e resterà sempre nel mio ricordo), oltre che un amico, una persona di rara generosità Quando andai a insegnare a Sassari, città allora a me poco nota, lui era lì ad attendermi, e per due anni fu il mio intelligente e amabile Virgilio, accompagnandomi nella progressiva conoscenza della sua città, nella quale ho lasciato un bel pezzo di cuore, oggi ferito da questa triste notizia. Abbraccio la sua compagna Federica, e con lei le care Barbara e Sara.

pro dialog