Fondazione Fondazione bacheca 2020

Statuto CdA - Revisori Comitato Scientifico-Garanzia bacheca 2005 bacheca 2006 bacheca 2007 bacheca 2008 bacheca 2009 bacheca 2010 bacheca 2011 bacheca 2012 bacheca 2013 bacheca 2014 bacheca 2015 bacheca 2016 bacheca 2017 bacheca 2018 bacheca 2019 bacheca 2020
Bergamaschi Paolo-info Mezzalira Giorgio Info memoria adelaide aglietta andreina emeri anna segre anna bravo lisa foa renzo imbeni marino vocci giuseppina ciuffreda José Ramos Regidor clemente manenti simone sechi Programma attività bilanci consuntivi Relazioni finali findbuch - archivio Quaderni della Fondazione
RE 2009-giardino dell'Arca (18) Spazio all'integrazione! (12)

Ivan Illich, Celebrare la consapevolezza, pubblicato il primo volume delle opere omnia. Un seminario?

18.2.2020, Neri Pozza editore

Nasce e cresce (con Mauro Bozzetti e Franz Tutzer.....) l'idea di promuovere un seminario, a partire da questo volume di Ivan Illich, con il quale aveva a lungo dialogato Alexander Langer.

Questa che segue una "non recensione" di Luigi Monti:

Col culo di piombo che mi ritrovo, non troverò mai la spinta per recensire il primo volume delle opere complete di Ivan Illich, curato da Fabio Milana per Neri Pozza, con il titolo di Celebrare la consapevolezza.

Ma in ogni caso, prima ancora di averlo letto e dopo averlo solamente incartato, che voi vi occupiate di bambini, immigrati, istituzioni, politica, welfare, sanità, filosofia, religione o che non vi occupiate per niente di tutto questo, vi consiglio caldamente di procurarvelo. Sentite qualche titolo dell’indice, presi per lo più dagli scritti inediti e mai raccolti in volume, e dite se non viene subito voglia di leggerli: Pedagogia dei submarginali; Dissidenza, devianza, delinquenza; Sul rapporto Rockfeller; Descolarizzare gli ordini insegnanti; La fine della vita umana. Un’interpretazione della morte come forma suprema di preghiera; Scuola: la vacca sacra; Prove per la morteYankee, go home; Missionarietà e ostetricia

Se conoscete il titolo e il concetto di “convivialità” secondo l’accezione che ne dà Illich, dite anche se non rende bene l’idea questa sintesi che si trova nella fascetta di copertina: “La sua critica radicale della modernità e delle istituzioni dell’Occidente, coincide infatti con un nuovo sguardo sull’umanità dell’uomo, che non appare più come una natura biologica o un’identità culturale presupposta, ma come l’insieme delle pratiche e delle tecniche immemoriali attraverso le quali gli uomini e le donne si rendono la vita possibile.”



pro dialog