Fondazione Fondazione bacheca 2019 pechino 1989-2019

Statuto CdA - Revisori Comitato Scientifico-Garanzia bacheca 2005 bacheca 2006 bacheca 2007 bacheca 2008 bacheca 2009 bacheca 2010 bacheca 2011 bacheca 2012 bacheca 2013 bacheca 2014 bacheca 2015 bacheca 2016 bacheca 2017 bacheca 2018 bacheca 2019
quaderno Pro Europa euromediterranea 2019 alpine peace crossing 2019 riforma enti III settore pechino 1989-2019
congresso donatori musica archivio Alexander Langer Memoria Srebrenica 2019 news 2019
bacheca 2020 Bergamaschi Paolo-info Mezzalira Giorgio Info memoria adelaide aglietta andreina emeri anna segre anna bravo lisa foa renzo imbeni marino vocci giuseppina ciuffreda José Ramos Regidor clemente manenti simone sechi Programma attività bilanci consuntivi Relazioni finali findbuch - archivio Quaderni della Fondazione
RE 2009-giardino dell'Arca (18) Spazio all'integrazione! (12)

Bolzano, 17 giugno: Ilaria Maria Sala presenta: PECHINO 1989

10.6.2019, Libreria Ubik, ore 18

In occasione dei 30 anni dai tragici eventi che ebbero luogo a Pechino (non solo in piazza Tian'anmen), Ilaria Maria Sala, scrittrice e giornalista per Quartz, The New York Times, Hong Kong Free Press e Una Città, presenterà il suo ultimo libro libro "Pechino 1989" (ed. Una Città).

Ilaria Maria Sala, scrittrice e giornalista, ha vissuto per anni a Pechino e a Tokyo, e attualmente risiede a Hong Kong. Collabora ad alcuni dei maggiori giornali internazionali. Era studente a Pechino nei giorni della Primavera e della successiva violenta repressione degli studenti. In questo libro racconta per la prima volta ciò che vide con i suoi occhi, sulla scorta anche del suo diario di allora. Inediti fino ad oggi, memorie e diario, come inedite sono rimaste le numerose e spesso drammatiche fotografie, di grande interesse umano e documentario, che lei stessa scattò a Pechino fra aprile e giugno del 1989.

"Ogni volta che ricordo quei giorni rivedo gli sguardi pieni di ottimismo e speranza di chi marciava nei cortei, di chi pedalava per raggiungere gli altri, convinto di partecipare alla lotta per un futuro diverso, più aperto, per la Cina tutta. Sguardi che non ho mai più rivisto a Pechino". (Ilaria Maria Sala)

pro dialog