Scritti di Alexander Langer

News

10 febbraio, Giorno del ricordo a Trento e Rovereto: il programma (5.2.2024) No Means No: a febbraio torna Euromediterranea! (25.1.2024) Seminario di approfondimento "Ecologia e giustizia" (18.1.2024) La terza condanna di Narges Mohammadi per la sua attività all'interno del carcere (15.1.2024) Al via la campagna di adesioni 2024! (6.12.2023) Olga Karatch Premio Internazionale Alexander Langer 2023 (28.11.2023) La conversione ecologica secondo Langer (27.11.2023) "Cambiare il mondo o salvaguardarlo? Alexander Langer e i rapporti con la Germania e l'Europa" (31.10.2023) Pulizia etnica in Karabakh: l'ultimo fallimento della diplomazia europea? (24.10.2023) Narges Mohammadi Nobel per la pace 2023 (6.10.2023) E' uscito il nuovo rapporto di ADOPT SREBRENICA (27.9.2023) Il massacro degli armeni in karabakh nell’indifferenza occidentale – di simone zoppellaro (25.9.2023) I Corpi Civili di Pace. La formazione all'azione diretta nonviolenta e alla difesa non armata (20.9.2023) Newsletter di settembre (1.9.2023) Newsletter di agosto (1.8.2023) Für Narges Mohammadi (1.8.2023) In sostegno a Narges Mohammadi (17.7.2023) Newsletter di luglio (1.7.2023) grazie - danke - merci (12.6.2023) Cerchiamo un/a coordinatore/coordinatrice (7.6.2023) Giugno Juni - Daniele ed Alex (5.6.2023) Cena di autofinanziamento (31.5.2023) Maggio Mai - Ci vediamo all'assemblea? (9.5.2023) Assegnato a Narges Mohammadi, Niloofar Hamedi e Elaheh Mohammad il premio internazionale Unesco Guillermo Cano 2023 per la libertà di stampa  (8.5.2023) Seconda Lectio Langer, incontro con Francesco Palermo - Definire e delimitare nel modo meno rigido possibile l'appartenenza, non escludere appartenenze ed interferenze plurime" (29.4.2023) Ci sono altri ponti da costruire (17.4.2023) Newsletter Aprile - "Mai più" lo abbiamo già detto troppe volte (4.4.2023) Ciao, Irfanka (27.3.2023) Messaggio per l’8 marzo, inviato dal carcere di Evin da NARGES MOHAMMADI (17.3.2023) Newsletter Marzo - Un progetto sulla memoria in Albania, tra passato e presente (7.3.2023) Newsletter Febbraio - nuovo appuntamento con la lectio Langer (17.2.2023) M'illumino di meno (13.2.2023) Gennaio Januar - Il meglio deve ancora venire! (9.1.2023) Dicembre Dezember - Cambiare restando fedeli a sé stessi (2.12.2022) Programma 2023 - I semestre (30.11.2022) Newsletter Settembre September 2022 (2.9.2022) La Fondazione Alexander Langer Stiftung (31.8.2022) Agosto 2022: Tuzla cittadinanza onoraria ad Alexander Langer & Settimana Internazionale (23.8.2022) Newsletter Agosto Augusto 2022 (4.8.2022) Invito Euromediterranea 2022 (16.6.2022) Newletter GIUGNO - JUNI (1.6.2022) NEWSLETTER MAGGIO 2022 MAI (2.5.2022) NEWSLETTER Aprile 2022 April - ASSEMBLEA-VOLLVERSAMMLUNG (28.3.2022) Contro la guerra, cambia la vita (1.3.2022) NEWSLETTER MARZO MÄRZ (25.2.2022) "Alexander Langer – un uomo del nostro tempo". Prima Edizione della Lectio Langer, incontro con Fabio Levi (14.2.2022) NEWSLETTER Februar - Febbraio 2022 (8.2.2022) Gennaio - Januar 2022 (27.1.2022) ICH TRETE BEI - MI ASSOCIO! Campagna adesione Amici e Amiche della Fondazione (24.1.2022) DICEMBRE - DEZEMBER (15.12.2021) Newsletter DICEMBRE 2021 DEZEMBER (10.12.2021) Care amiche e amici (2.12.2021) Sarajevo - Cittdinanza onoraria ad Alexander Langer (26.2.2021) News luglio/Juli 1985: Narges Mohamadi - Andreina Emeri (29.7.2020) giugno/luglio 2020: da Alexander Langer a Srebrenica (30.6.2020) 4 giugno: da Tienanmen a Hong Kong, prima che sia troppo tardi (4.6.2020) Lettera aperta alle istituzioni: Accoglienza senza fissa dimora a Bolzano durante la cd. Emergenza CoVid-19 (20.3.2020) Alexander Langer, Srebrenica e l'anno che verrà (3.3.2020) 2020: Alexander Langer e Srebrenica, 25 anni dopo (3.3.2020) I quaderni della Fondazione Alexander Langer Stiftung (30.10.2019) 5‰ cinque per mille e sostegno - Fünf Promille und Unterstützung (27.5.2015)

Assegnato a Narges Mohammadi, Niloofar Hamedi e Elaheh Mohammad il premio internazionale Unesco Guillermo Cano 2023 per la libertà di stampa 

8.5.2023

Questo il messaggio di Narges per il conferimento del premio:

 

Stimata organizzazione e giuria Unesco,

Vorrei esprimere la mia profonda gratitudine per essere stata insignita del Guillermo Cano World Press Freedom Prize di quest'anno. La notizia del premio mi è arrivata in contemporanea al rinvio a giudizio davanti al tribunale di Evin per un nuovo procedimento giudiziario comprendente numerosi capi di accusa. Come ho già dichiarato in tre precedenti udienze, non parteciperò ad alcun procedimento giudiziario, in quanto non riconosco l’autorità del governo della Repubblica islamica. Respingo questo regime oppressivo, religioso e misogino, e mi sforzo a “guardare oltre".

Illustre pubblico, 

Per comprendere appieno il diritto alla libertà di espressione, dobbiamo approfondire il concetto di "diritti".

La nozione per cui oggi si crede più nel "diritto di avere" piuttosto che nel "diritto di essere" non si è stabilita facilmente.

Per secoli innumerevoli persone sono stati condannate a morte per aver semplicemente espresso opinioni ritenute contrarie alla realtà. Oggi invece possiamo parlare del "diritto di sbagliare" mantenendo la nostra identità.

Ciò nonostante, siamo ancora testimoni del fatto che in Paesi come l'Iran, governanti despotici, spinti dalle loro convinzioni sovvertite e dai loro interessi personali, compromettono l'identità e la vita di milioni di persone distorcendo il "diritto alla sovranità nazionale" e il "diritto all'autodeterminazione" a scapito degli aspetti fondamentali della vita delle persone all'interno dei confini dell'Iran e in tutto il mondo.

Consentitemi di sottolineare che mentre gli obiettivi fissati dall’ONU per uno sviluppo sostenibile, quindi l’Agenda 2030 è uno dei documenti più progressisti anche per la pace e i diritti umani, chi è a capo della Repubblica islamica (la guida suprema n.d.t.) fa di tutto per impedire all'Iran di aderirvi. Mentre il documento promuove l'empowerment di tutte le ragazze e le donne e il raggiungimento della parità di genere, in Iran alcune studentesse sono state avvelenate con gas chimici per mesi. Il governo cerca di sostenere una politica che instilla paura e terrore, e impedisce alle giovani di andare a scuola. Il governo della Repubblica islamica, come i talebani in Afghanistan, vuole privarle del loro "diritto all'istruzione" con pratiche ingannevoli.

L’Agenda 2030 mette l’accento sull'accesso generale all'istruzione superiore.

Invece in Iran i giovani baha'i sono esclusi dall'istruzione attraverso i mezzi più violenti, mentre altri giovani e bambini sono scoraggiati dal proseguire gli studi a causa della povertà, dei costi elevati, della disoccupazione e della disperazione.

Vi supplico di non lasciarci soli. Nella vostra politica, sostenete la società civile, le persone che sono insorte nelle strade, i prigionieri politici e di coscienza e quelli che rischiano la pena di morte, riuscendo a indebolire il potere repressivo del governo e degli agenti dell'oppressione, date un sostegno alle persone che protestano e gli attivisti civili e politici e promuovete gli obiettivi di pace e non violenza in Iran.

 

Maggio 2023

 

pro dialog