Scritti di Alexander Langer

News

Tuzla: cittadinanza onorario e viaggio a Tuzla POSTICIPATO (22.9.2022) Newsletter Settembre September 2022 (2.9.2022) La Fondazione Alexander Langer Stiftung (31.8.2022) Agosto 2022: Tuzla cittadinanza onoraria ad Alexander Langer & Settimana Internazionale (23.8.2022) Newsletter Agosto Augusto 2022 (4.8.2022) PROGRAMMa EUROMEDITERRANEA - LEGAMI BEZIEHUNGEN - 1-2.7.2022 (28.6.2022) Invito Euromediterranea 2022 (16.6.2022) Giugno 2022 Juli - TORNA EUROMEDITERRANEA (16.6.2022) Newletter GIUGNO - JUNI (1.6.2022) NEWSLETTER MAGGIO 2022 MAI (2.5.2022) NEWSLETTER Aprile 2022 April - ASSEMBLEA-VOLLVERSAMMLUNG (28.3.2022) Contro la guerra, cambia la vita (1.3.2022) NEWSLETTER MARZO MÄRZ (25.2.2022) "Alexander Langer – un uomo del nostro tempo". Prima Edizione della Lectio Langer, incontro con Fabio Levi (14.2.2022) NEWSLETTER Februar - Febbraio 2022 (8.2.2022) Gennaio - Januar 2022 (27.1.2022) ICH TRETE BEI - MI ASSOCIO! Campagna adesione Amici e Amiche della Fondazione (24.1.2022) DICEMBRE - DEZEMBER (15.12.2021) Newsletter DICEMBRE 2021 DEZEMBER (10.12.2021) Care amiche e amici (2.12.2021) Sarajevo - Cittdinanza onoraria ad Alexander Langer (26.2.2021) News luglio/Juli 1985: Narges Mohamadi - Andreina Emeri (29.7.2020) giugno/luglio 2020: da Alexander Langer a Srebrenica (30.6.2020) 4 giugno: da Tienanmen a Hong Kong, prima che sia troppo tardi (4.6.2020) Lettera aperta alle istituzioni: Accoglienza senza fissa dimora a Bolzano durante la cd. Emergenza CoVid-19 (20.3.2020) Alexander Langer, Srebrenica e l'anno che verrà (3.3.2020) 2020: Alexander Langer e Srebrenica, 25 anni dopo (3.3.2020) Khalida Toumi, Narges Mohammadi, Anna Bravo...e l'anno che verrà (25.12.2019) I quaderni della Fondazione Alexander Langer Stiftung (30.10.2019) 5‰ cinque per mille e sostegno - Fünf Promille und Unterstützung (27.5.2015)

Contro la guerra, cambia la vita

1.3.2022

 

Contro la guerra, cambia la vita

 

La Fondazione Alexander Langer Stiftung aderisce e partecipa alle iniziative e alle proposte della Rete italiana Pace e Disarmo per la pace contro la guerra in Ucraina.

 

Il primo pensiero va alle vittime, che hanno bisogno di soccorso, di cibo, di vestiario, di medicine, di corridoi umanitari per scappare: in tanti modi si può aiutare la popolazione civile, ma non con nuove armi che solo peggiorano la situazione incrementando l’escalation e allontanando la possibilità di una tregua. Solidarietà con i profughi e le persone migrate già presenti tra di noi.

L’imperativo oggi è “cessate il fuoco!”

Quando scoppia un incendio (specialmente se vicino ad una polveriera) la prima cosa da fare è gettare acqua per spegnerlo. Poi, scongiurato il pericolo, si potrà pensare a ripare i danni e ricostruire.

Gli strumenti utili per la “soluzione delle controversie internazionali” passano dal ripudio della guerra e sono i boicottaggi, le sanzioni, l’isolamento commerciale, la pressione internazionale per riprendere la diplomazia, le trattative, il dialogo, perchè dove c'è la guerra non vi è nessun "ordinamento che assicuri la pace e la giustizia".
La resistenza e la difesa attiva della popolazione (difesa della libertà, della democrazia, del diritto)
è un dovere, ma farlo con le armi della guerra crea più problemi di quanti ne risolve, ed è la più pericolosa e costosa. Oggi c’è bisogno di intervento umanitario, interposizione nonviolenta, disobbedienza civile, protezione di disertori e dissidenti, iniziative politiche verso tutte le parti, per ridurre i danni, raffreddare gli scontri, spegnere la guerra. La mobilitazione internazionale contro la guerra ha l’obiettivo di raggiungere subito la cessazione delle ostilità e la stabilizzazione della tregua.

La proposta di Papa Francesco di una giornata di digiuno contro la follia della guerra in Ucraina e in ogni parte del mondo, va in questa direzione.

 

Fondazione Alexander Langer Stiftung

 

Bolzano, 1 marzo 2022

 

P.S. In questa occasione consigliamo la rilettura del testo di Alex “Contro la guerra cambia la vita”, scritto nel dicembre 1990 nei giorni della prima guerra del Golfo: “Sono due le linee di azioni che a questo punto sembrano degne di esplorazione approfondita. La prima aiuta a superare il "pacifismo (solo) gridato" e potrebbe essere sintetizzata con un motto formulato dalla "Campagna nord-sud": contro la guerra, cambia la vita. La seconda riguarda il ricorso alla "forza", senza che ciò debba essere sinonimo di guerra, un problema che i nonviolenti da sempre pongono e che non può ridursi all'alternativa tra subire o fare la guerra”.

pro dialog