Scritti di Alexander Langer

News

Newsletter Fondazione Alexander Langer Stiftung, Maggio 2021 (3.5.2021) Discriminazione: discriminazione multipla, pregiudizio e razzismo (25.4.2021) A 100 anni dalla “domenica di sangue”.  Costruire ponti per dare forma al futuro. (24.4.2021) Bolzano, 24 aprile 1921: a 100 anni dalla "Blutsonntag" - Costruire ponti per dare forma al futuro (24.4.2021) L'Arte del Vivere Insieme (14.3.2021) ITALIA-BOSNIA: AD ALEXANDER LANGER POST MORTEM, IL PIU’ GRANDE RICONOSCIMENTO DELLA CITTA’ DI SARAJEVO, LA CITTADINANZA ONORARIA. (26.2.2021) Fondazione Alexander Langer Stiftung:_Newsletter (27.11.2020) Newsletter Fondazione Alexander Langer Stiftung - EVENTI 21 e 23 ottobre DA REMOTO (14.10.2020) News luglio/Juli 1985: Narges Mohamadi - Andreina Emeri (29.7.2020) CALL PER SERVIZIO CIVILE IN FONDAZIONE ALEXANDER LANGER STIFTUNG (22.7.2020) giugno/luglio 2020: da Alexander Langer a Srebrenica (30.6.2020) 4 giugno: da Tienanmen a Hong Kong, prima che sia troppo tardi (4.6.2020) Maggio 2020: News Fondazione Alexander Langer Stiftung, Onlus (26.5.2020) Lettera aperta alle istituzioni: Accoglienza senza fissa dimora a Bolzano durante la cd. Emergenza CoVid-19 (20.3.2020) Alexander Langer, Srebrenica e l'anno che verrà (3.3.2020) 2020: Alexander Langer e Srebrenica, 25 anni dopo (3.3.2020) Khalida Toumi, Narges Mohammadi, Anna Bravo...e l'anno che verrà (25.12.2019) I quaderni della Fondazione Alexander Langer Stiftung (30.10.2019) Yallah?! Über die Balkanroute / Sulla rotta balcanica - Evento pubblico 28 ottobre (19.10.2019) Bolzano, Verona, Bologna: Invito presentazioni del libro di Ilaria Maria Sala PECHINO 1989 (31.5.2019) Fondazione Alexander Langer Stiftung, onlus (3.4.2018) Il Sudtirolo: territorio di accoglienza, di transito e di confine Sguardi sulla situazione attuale da diversi punti di vista Südtirol & Menschen auf der Flucht: Aufnahme-, Transit- und Grenz-Land (2.6.2016) 5‰ cinque per mille e sostegno - Fünf Promille und Unterstützung (27.5.2015)

Discriminazione: discriminazione multipla, pregiudizio e razzismo

25.4.2021
Il terzo modulo del percorso "L'Arte del vivere insieme: cittadine/i operatori/trici attenti e consapevoli" realizzato grazie al sostegno dell'Ufficio Politiche Giovanili e Cultura tedesca della Provincia Autonoma di Bolzano, si suddividerà in due parti di tre ore ciascuna, per un totale di sei ore di formazione.
 
Parte I: Udo Enwereuzor
La prima parte, tenuta dal professor Udo Enwereuzor, offrirà un'analisi ed una più chiara comprensione della natura e delle dinamiche della discriminazione e dello svantaggio sistematico basati sulle origini razziali, etniche o nazionali in Italia. I contenuti rivolti ai corsisti propongono un’ottica che i partecipanti potranno applicare, sia in situazioni di discriminazione diretta, sia in quelle di discriminazione indiretta. Quest’ultima è spesso conseguenza del mancato riconoscimento degli effetti negativi sui soggetti appartenenti a certe categorie, della cultura, dell'organizzazione e del funzionamento di un'istituzione. La proposta formativa è quella di intraprendere un percorso che possa avvicinare l’uguaglianza formale dei diritti e della dignità, prescritte dalle leggi, all’uguaglianza sostanziale per le
persone, indipendentemente dalle loro appartenenze.
 
Parte II: Serena Caroselli
La seconda parte del terzo modulo del corso "L'Arte del vivere insieme: cittadine/i operatori/trici attenti e consapevoli" sarà tenuta dalla professoressa Serena Caroselli: fornirà una prospettiva antropologica nella lettura dei fenomeni di discriminazione basati sulle categorie di genere, razza e classe sociale. Attraverso lo studi di alcuni casi etnografici si decostruiranno alcune pratiche di categorizzazione delle soggettività migranti in Italia, si analizzerà il modo in cui le politiche rappresentano alcuni soggetti e quali effetti queste rappresentazioni hanno sulle pratiche di accoglienza e inclusione e al contempo sulle
esperienze migratorie personali. I casi analizzati riguarderanno alcune categorie giuridiche quali quella di vittima di tratta e grave sfruttamento, vittima di violenza, minore straniero non accompagnato, minore autore di reato. La prospettiva metodologica sarà quella dell’intersezionalità e dell’antropologia critica delle migrazioni per asilo.
 
 
Per informazioni sul percorso completo, veda https://www.alexanderlanger.org/it/1106
 
INFO ED ISCRIZIONI:
Ermira Kola
mira@alexanderlanger.net
 
Lokal denken, Global handeln
Un buon investimento in convivenza e solidarietà
5‰ cinque per mille - Fünf Promille
Fondazione Alexander Langer Stiftung, Onlus
C.F. 94069920216 St.Nr
I- 39100 BZ -Via Bottai 5 Bindergasse
tel fax: +39.0471-977691
info@alexanderlanger.net
www.alexanderlanger.org
pro dialog