Adopt Srebrenica Adopt Srebrenica Settimana Internazionale 2014

Chi siamo Centro di documentazione Adopt Srebrenica Io non odio/Ja ne mrzim - La storia di Zijo Euromediterranea 2015 in Bosnia-Erzegovina Settimana Internazionale 2014
rassegna stampa
Settimana Internazionale 2013 Settimana Internazionale 2012 Settimana Internazionale 2011 dosta! Srebrenica&Bolzano 2011 Viaggio 11 luglio 2010 Settimana Internazionale 2010 Viaggio 11 luglio 2009 News e appuntamenti 2009-2014 Settimana Internazionale 2009 Diario da Srebrenica 2009 Viaggio a Strasburgo 2009 Su Srebrenica e sulla Bosnia 2005/2009 Eventi "Al di là della guerra" 2009 Irfanka Pašagić - commenti Settimana Internazionale 2008 Viaggio 11 luglio 2008 Dopo Dayton / maggio 2008 Viaggio 11 luglio 2007 / scritti 2005-2007 Settimana Internazionale 2007 Media coverage 2005 / 2007 Link Emergenza alluvioni BIH 2014-2015 Osmače e Brežani / Premio Carlo Scarpa 2014 adopt srebrenica 2018 adopt srebrenica 2016 adopt srebrenica 2019 Adopt Srebrenica 2017 Tuzla ricorda Alexander Langer I fiori di Srebrenica - Quaderno Rete Lilliput Ferrara
(26) (14) adopt Srebrenica Group (6) as / Experience Srebrenica 2010 (3) as- memory travel 11 July 2009 (52) Bz-Dayton -Meeting Trento 06-16 (15) Bz-Dayton Culture 06.17 (6) Bz-Dayton Eurac 15.06 (5) Bz-Dayton faces (10) Bz-Dayton Master Meeting 06.17 (13) Bz-Dayton Meeting with local institutions 06.16 (2) Bz-Dayton-Conference 06.17 (17) Cooperation for memory 2011 (36) Internat. Conference 2008 (37) Internat.Conference 2007. (9) Internat.Conference 2008-2 (17) International Week 2009 (28) international Week 2014 (52) Srebrenica - Potocari 11.7.2007 (9) Srebrenica 11.7.2005 (4) Srebrenica 11.7.2005 (9) Srebrenica 11.7.2006 (6) srebrenica-mars mira 2010 (8) Tuzla 07.2006 (9) Tuzla-Modena City Ramblers (4) Tuzlanska amica (13)

Diego Sacccora: Frontiera

Sep 24, 2014, Settimana internazionale 2014

In coda
in attesa
come una corda, tesa
da mani bambine
che giocano in bilico
su di una linea di confine
condivisa
faccia a faccia
stessa faccia
cambia la divisa.
E scende la lacrima
traccia il solco, a fondo
riga quel volto
arriva al profondo
la goccia, scivola,
spezza l'immagine
dietro al vetro, t'osserva
invisibile, impalpabile, infrangibile
si specchia
la vergogna
una storia avversa
convincente, consenziente;
versioni di un racconto.

Uno sguardo giudicante
confessa,
accomodante lo star dall'altra parte,
cammina sul filo
e si volta
dall'altra parte
non vuole guardar oltre,
ad occhi chiusi
saltella titubante
aldilà del muro
scorge
un altro muro
un cuore pulsante
in un cimitero
prende forma, in un lento divenire
terra di nessuno,
memoria, popolo,
una nuova identità
la terra di qualcuno
qualcuno che verrà.

Diego Saccora

diego.saccora@libero.it

pro dialog