Adopt Srebrenica Adopt Srebrenica Emergenza alluvioni BIH 2014-2015

Chi siamo Centro di documentazione Adopt Srebrenica Io non odio/Ja ne mrzim - La storia di Zijo Euromediterranea 2015 in Bosnia-Erzegovina Settimana Internazionale 2014 Settimana Internazionale 2013 Settimana Internazionale 2012 Settimana Internazionale 2011 dosta! Srebrenica&Bolzano 2011 Viaggio 11 luglio 2010 Settimana Internazionale 2010 Viaggio 11 luglio 2009 News e appuntamenti 2009-2014 Settimana Internazionale 2009 Diario da Srebrenica 2009 Viaggio a Strasburgo 2009 Su Srebrenica e sulla Bosnia 2005/2009 Eventi "Al di là della guerra" 2009 Irfanka Pašagić - commenti Viaggio 11 luglio 2008 Dopo Dayton / maggio 2008 Settimana Internazionale 2008 Viaggio 11 luglio 2007 / scritti 2005-2007 Settimana Internazionale 2007 Media coverage 2005 / 2007 Link Emergenza alluvioni BIH 2014-2015
Osmače e Brežani / Premio Carlo Scarpa 2014 adopt srebrenica 2018 adopt srebrenica 2016 adopt srebrenica 2019 Adopt Srebrenica 2017 Tuzla ricorda Alexander Langer I fiori di Srebrenica - Quaderno Rete Lilliput Ferrara 11 luglio 2020 dal Sudtirolo a Srebrenica
(14) (26) adopt Srebrenica Group (6) as / Experience Srebrenica 2010 (3) as- memory travel 11 July 2009 (52) Bz-Dayton -Meeting Trento 06-16 (15) Bz-Dayton Culture 06.17 (6) Bz-Dayton Eurac 15.06 (5) Bz-Dayton faces (10) Bz-Dayton Master Meeting 06.17 (13) Bz-Dayton Meeting with local institutions 06.16 (2) Bz-Dayton-Conference 06.17 (17) Cooperation for memory 2011 (36) Internat. Conference 2008 (37) Internat.Conference 2007. (9) Internat.Conference 2008-2 (17) International Week 2009 (28) international Week 2014 (52) Srebrenica - Potocari 11.7.2007 (9) Srebrenica 11.7.2005 (9) Srebrenica 11.7.2005 (4) Srebrenica 11.7.2006 (6) srebrenica-mars mira 2010 (8) Tuzla 07.2006 (9) Tuzla-Modena City Ramblers (4) Tuzlanska amica (13)

Una nuova targa ricorda l'impegno straordinario della Provincia di Bolzano nella ricostruzione del ponte Dekanj distrutto dall'alluvione del 2014

Nov 19, 2016, Comune di Tuzla

Dal 15 maggio 2014, a seguito di incessanti piogge durate 10 giorni, si è creata in diverse regioni della Bosnia Erzegovina e della Serbia la più grande emergenza ambientale, umana e sociale della loro storia recente.

Tra le zone più colpite anche il distretto tra Tuzla e Srebrenica dove opera attivamente, l’associazione Tuzlanska Amica con la quale la Fondazione Alexander Langer Stiftung ha sviluppato dal 2005 stretti rapporti di volontariato. L’associazione Tuzlanska Amica ha lanciato un appello per la ricerca di aiuti umanitari e ci aggiorna regolarmente sulla drammaticità della situazione, ancora attuale, attraverso comunicazioni che si trovano sul sito della Fondazione.

Nel corso di un viaggio per la consegna di vestiario e altri aiuti effettuato dalla Fondazione dal 6 al 10 giugno, l’associazione Tuzlanska Amica ha promosso un incontro della nostra delegazione con il Sindaco di Tuzla Jasmin Imamovic, che ha illustrato la situazione e la difficoltà di far fronte con mezzi propri all’emergenza che si è creata

Su sollecitazione della nostra delegazione e di Tuzlanska Amica, lo staff del Sindaco ha fatto pervenire alla Proovincia Autonoma di Bolzano la richiesta di un contributo straordinario per la ricostruzione del ponte Dekanj sul fiume Solina, che unisce la periferia della città ad un gruppo di 15 case che ora risultano isolate e difficilmente raggiungibili.La Provincia di Bolzano ha deciso di co-finanziare il progetto per un importo di 25.000 euro.

 

Così scrive Svjetlana Kakes, capo gabinetto del Sindaco:

"Potete vedere nella foto allegata la targa che ricorda il cofinanziamento da parte della Provincia Autonoma di Bolzano del progetto di ricostruzione del ponte Dokanj sulla Solima dopo l’alluvione.

Colgo occassione per ringraziarvi sia a nome del Sindaco che dei cittadini di Tuzla, sopratutto di Dokanj, per l’aiuto al risanamento dei danni causati dal disastro naturale che abbiamo avuto nel 2014. Vorremmo ringraziare anche la Fondazione Alexander Langer e l’Associazione Tuzlanska amica di Tuzla.

Cordiali saluti di Tuzla.
Svjetlana Kakes

 

pro dialog