Adopt Srebrenica Adopt Srebrenica Emergenza alluvioni BIH 2014-2015

Chi siamo Centro di documentazione Adopt Srebrenica Io non odio/Ja ne mrzim - La storia di Zijo Euromediterranea 2015 in Bosnia-Erzegovina Settimana Internazionale 2014 Settimana Internazionale 2013 Settimana Internazionale 2012 Settimana Internazionale 2011 dosta! Srebrenica&Bolzano 2011 Viaggio 11 luglio 2010 Settimana Internazionale 2010 Viaggio 11 luglio 2009 News e appuntamenti 2009-2014 Settimana Internazionale 2009 Diario da Srebrenica 2009 Viaggio a Strasburgo 2009 Su Srebrenica e sulla Bosnia 2005/2009 Eventi "Al di là della guerra" 2009 Irfanka Pašagić - commenti Dopo Dayton / maggio 2008 Settimana Internazionale 2008 Viaggio 11 luglio 2008 Viaggio 11 luglio 2007 / scritti 2005-2007 Settimana Internazionale 2007 Media coverage 2005 / 2007 Link Emergenza alluvioni BIH 2014-2015
Osmače e Brežani / Premio Carlo Scarpa 2014 adopt srebrenica 2018 adopt srebrenica 2016 adopt srebrenica 2019 Adopt Srebrenica 2017 Tuzla ricorda Alexander Langer I fiori di Srebrenica - Quaderno Rete Lilliput Ferrara
(14) (26) adopt Srebrenica Group (6) as / Experience Srebrenica 2010 (3) as- memory travel 11 July 2009 (52) Bz-Dayton -Meeting Trento 06-16 (15) Bz-Dayton Culture 06.17 (6) Bz-Dayton Eurac 15.06 (5) Bz-Dayton faces (10) Bz-Dayton Master Meeting 06.17 (13) Bz-Dayton Meeting with local institutions 06.16 (2) Bz-Dayton-Conference 06.17 (17) Cooperation for memory 2011 (36) Internat. Conference 2008 (37) Internat.Conference 2007. (9) Internat.Conference 2008-2 (17) International Week 2009 (28) international Week 2014 (52) Srebrenica - Potocari 11.7.2007 (9) Srebrenica 11.7.2005 (9) Srebrenica 11.7.2005 (4) Srebrenica 11.7.2006 (6) srebrenica-mars mira 2010 (8) Tuzla 07.2006 (9) Tuzla-Modena City Ramblers (4) Tuzlanska amica (13)

Lettera da Tuzla 3 - Squadre mobili e aiuti

May 23, 2014, Tuzlanska Amica

C'e' ancora acqua ad Orašje, Odžak e Brčko. Nelle altre zone in BiH le ferite si stanno sanando. La frontiera e' aperta a Pavlović most, vicino a Bijeljina, e sono aperti anche il passaggio Karakaj, cosi' come il passaggio di Bosanski Šamac.

La frontiera di Orašje e' ufficialmente chiusa, pero' e' stata aperta quando e' arrivato Wilmo! Sul sito ufficiale scrivono che e' ancora chiusa, mentre sulla strada a Lončari, tra Brčko e Srebrenik, fanno passare solo le macchine che portano aiuti umanitari.

L'aiuto arriva da diverse parti e la cosa bella e' che gli abitanti locali sono molto solidali e non si chiede il nome a nessuno.

Per quanto riguarda gli abitanti della BiH, i confini etnici sono stati cancellati e si cerca di aiutare laddove' l'aiuto e' necessario. Solo i politici ancora devono mettere la testa a posto e imparare dalla gente comune che ci sono molte piu' cose che ci legano di quelle che ci dividono.

Noi continuamo ad andare a visitare le nostre famiglie, ma anche coloro che di aiuto ne hanno piu' bisogno.

Per fortuna ci sono anche coloro che non hanno subito grossi danni.

A Tuzla sono circa 300 quelli che hanno dovuto lasciare le loro case e sono perlopiu' sistemati a Dubrave, in una caserma sotto tutela dell'esercito  e dove non gli fanno mancare niente. Fino ad ora li' era solo comparsa la scabbia pero' fortunatamente il problema e' stato risolto subito.

L'altro grande centro di accoglienza e ' a Kiseljak, dove c'e' un villaggio rom e dove noi domani andremo con Wilmo.

Per ora non ci sono epidemie e malattie infettive, che tutti temono.

Oggi e nei prossimi due giorni le previsioni prevedono temporali, pero' dicono che non dovrebbero creare nuovi problemi.

 Un caro saluto,

Tuzlanska Amica
 

 

pro dialog