Adopt Srebrenica Adopt Srebrenica Settimana Internazionale 2009 Resoconti

Chi siamo Centro di documentazione Adopt Srebrenica Io non odio/Ja ne mrzim - La storia di Zijo Euromediterranea 2015 in Bosnia-Erzegovina Settimana Internazionale 2013 Settimana Internazionale 2014 Settimana Internazionale 2012 Settimana Internazionale 2011 dosta! Srebrenica&Bolzano 2011 Viaggio 11 luglio 2010 Settimana Internazionale 2010 Viaggio 11 luglio 2009 News e appuntamenti 2009-2014 Settimana Internazionale 2009
Programma della Settimana Eventi artistici Workshop Comunicati stampa Contatti stampa Resoconti
Diario da Srebrenica 2009 Viaggio a Strasburgo 2009 Su Srebrenica e sulla Bosnia 2005/2009 Eventi "Al di là della guerra" 2009 Irfanka Pašagić - commenti Viaggio 11 luglio 2008 Dopo Dayton / maggio 2008 Settimana Internazionale 2008 Viaggio 11 luglio 2007 / scritti 2005-2007 Settimana Internazionale 2007 Media coverage 2005 / 2007 Link Emergenza alluvioni BIH 2014-2015 Osmače e Brežani / Premio Carlo Scarpa 2014 adopt srebrenica 2018 adopt srebrenica 2016 adopt srebrenica 2019 Adopt Srebrenica 2017 Tuzla ricorda Alexander Langer I fiori di Srebrenica - Quaderno Rete Lilliput Ferrara 11 luglio 2020 dal Sudtirolo a Srebrenica Srebrenica - Tuzla 2020 Settimana Internationale 2021 & 11 luglio
(14) (26) adopt Srebrenica Group (6) as / Experience Srebrenica 2010 (3) as- memory travel 11 July 2009 (52) Bz-Dayton -Meeting Trento 06-16 (15) Bz-Dayton Culture 06.17 (6) Bz-Dayton Eurac 15.06 (5) Bz-Dayton faces (10) Bz-Dayton Master Meeting 06.17 (13) Bz-Dayton Meeting with local institutions 06.16 (2) Bz-Dayton-Conference 06.17 (17) Cooperation for memory 2011 (36) Internat. Conference 2008 (37) Internat.Conference 2007. (9) Internat.Conference 2008-2 (17) International Week 2009 (28) international Week 2014 (52) Srebrenica - Potocari 11.7.2007 (9) Srebrenica 11.7.2005 (9) Srebrenica 11.7.2005 (4) Srebrenica 11.7.2006 (6) srebrenica-mars mira 2010 (8) Tuzla 07.2006 (9) Tuzla-Modena City Ramblers (4) Tuzlanska amica (13)

Dario Terzic, sulla settimana internazionale a Srebrenica

Sep 9, 2009, www.balcanicooperazione.it

“Rompere il silenzio”, una delle parole chiave della Settimana Internazionale organizzata a Srebrenica da Fondazione Langer e Tuzlanska Amica. Incontri, seminari e tavole rotonde per superare una memoria che rimane cicatrice dolorosa

Rompere il silenzio. Parole e ricordi (Riječi i sjećanja).Queste sono le idee attorno alle quali si è svolta la terza edizione della manifestazione ”La settimana della memoria” svoltasi a Srebrenica in Bosnia Erzegovina. Di Sebrenica si sa molto, si parla ancora e rimane un peso, una cicatrice dolorosa. Ed è importante capirla così come confrontarci con essa.

Organizzata dalla Fondazione Alexander Langer e dall'associazione Tuzlanska Amica, dal 23 a 28 agosto scorso la manifestazione ha portato a Srebrenica una serie di incontri, tavole rotonde, seminari, laboratori. Tra i partecipanti anche futuri operatori di pace e gli studenti del master ”Mediazione dei conflitti” dell'Università di Bologna.

Leggi l'intervista al giornalista croato Drago Hedl, realizzata durante la Settimana Internazionale di Srebrenica
Sui giornali bosniaci, la Settimana della memoria è stata presentata come una settimana di attività culturali che prevedeva un programma di concerti, uno spettacolo di danza, la sfilata dei clown e così via. La stampa ha dedicato spazio soprattutto alle cerimonie di apertura e chiusura della manifestazione elencando i musicisti, gli scrittori e gli altri artisti che hanno partecipato alla manifestazione. Al contrario, molta poca attenzione è stata dedicata dai media locali ai contenuti di seminari ed incontri pubblici in cui si è svolta la riflessione sul ruolo della memoria, reale cuore dell'iniziativa. Va notato, invece che alcuni dibattiti svoltisi nell'ambito della manifestazione sono stati importanti e interessanti; tra gli altri, alcune presentazioni di libri. Durante la presentazione dell'ultima pubblicazione di Dubravko Lovrenović, ad esempio, Enver Kazaz che introduceva l'autore ha toccato un argomento spinoso sostenendo che le università in Bosnia Erzegovina sono luogo in cui si insegna l'odio. A seguire l'interessante incontro con Drago Hedl, giornalista croato che ha presentato la storia di Vukovar agli studenti di Master dell'Università di Bologna.

«Quest'anno - ci ha detto Mauro Cereghini, il responsabile della manifestazione per la Fondazione Langer - la settimana e un po' meno italiana, abbiamo concentrato di più la manifestazione su un altro obiettivo, ovvero dare uno spazio di dialogo ai locali». E questo non era facile. Sembra che ci siano sempre delle difficoltà nel coinvolgere i locali. La limitata partecipazione da parte dell'amministrazione cittadina ad esempio è stata evidente a molti. «C'è pubblico locale ma non è mai abbastanza», ci spiega Maja Husejić, referente locale di questa terza edizione della Settimana della memoria. Alla luce delle edizioni passate, tuttavia, gli organizzatori notano che la manifestazione riesce a coinvolgere sempre più la città, perché anche durante l'anno le persone parlano, si raccontano alcuni momenti, gli episodi più importanti accaduti durante la Settimana. Ed ogni memoria acquista una sua dignità. In tre anni, come dice Mauro Cereghini, «la manifestazione è cresciuta, è cambiata e ora comprende più attività artistiche».

Parlando della collaborazione con i locali e in particolare con il partner locale, Mauro ritiene che l'associazione Tuzlanska Amica, di cui è presidente Irfanka Pašagić, non sia solo un logo ma un reale partner con cui confrontarsi, sebbene in uno scambio non sempre semplice. Ricordiamo che l’idea della Settimana della memoria risale a quattro anni fa. E' stata proprio Irfanka Pašagić a vincere il premio Langer nel 2005, e una parte dell'equipe dell'associazione è proprio di Srebrenica. Cosi la Pašagić ha coinvolto la Fondazione Langer in una collaborazione che continua ogni anno a Srebrenica.

Ed eccoci alla fine della terza edizione. Rimangono sempre molte domande che riguardano che cosa si possa ancora fare, su cosa concentrarsi in futuro. E rimane aperto anche il confronto tra NGO e altri soggetti stranieri e locali. Per parte locale spesso arrivano critiche o richieste in altre direzioni come: «Invece di organizzare viaggi dall'estero, che cosa si poteva comprare per questi soldi? Forse si potevano creare due o tre posti di lavoro per la gente locale?» - questo ci ha chiesto una delle attiviste locali. Certo, gli stessi locali ignorano il fatto che molti dei partecipanti stranieri alla manifestazione di Srebrenica vengono a loro spese. I (piccoli) malintesi forse sono inevitabili. Ma c'è anche il confronto. E, come si diceva, non e’ sempre
pro dialog