pro dialog

Adopt Srebrenica

La Fondazione Alexander Langer Stiftung
La Fondazione Alexander Langer Stiftung è nata nel 1999 grazie al sostegno di persone, associazioni e istituzioni e ha lo scopo di sostenere individui e gruppi la cui opera sia compatibile con il pensiero di Alexander Langer e ne costituisca una sorta di eredità, proseguendo così il suo impegno civile, culturale e politico.
La Fondazione si impegna di stimolare la ricerca di soluzioni solidali, democratiche e giuste ai bisogni e ai conflitti che attraversano le società; di promuovere la difesa dei diritti dei singoli e dei gruppi minoritari, di promuovere riflessioni e azioni concrete in direzione di una conversione ecologica dell'economia, del lavoro e degli stili di vita.

Queste sono le principali attività:  

  • Il Premio Internazionale Alexander Langer: Un premio annuale dotato di 10.000 Euro che il Comitato scientifico e di garanzia della Fondazione assegna a personaggi impegnati a lavorare per la libertà, la democrazia, la giustizia sociale e la convivenza;
  • Il Festival “Euromediterranea” è di carattere internazionale e si svolge generalmente tra la fine di giugno e l’inizio di luglio. Ha lo scopo di mostrare, attraverso tavole rotonde, seminari, mostre, libri, cinema e musica, diversi punti di vista di un argomento specifico di attualità;
  • La Scuola Estiva internazionale, organizzata in concomitanza con Euromediterranea offre l’occasione per un approfondimento seminariale riservato soprattutto a giovani di diversi paesi non solo europei;
  • Operatori di Pace: Dal 2003 la Fondazione collabora al “Master per mediatori dei conflitti - operatori di pace internazionali”, organizzato dalla Formazione professionale in lingua italiana della Provincia di Bolzano e dall’Università di Bologna;
  • Minima personalia è l’archivio che raccoglie gli scritti e i materiali di lavoro di Alexander Langer. Oltre a esso, nella sede della fondazione sono consultabili i numerosi libri e saggi su Langer.
  • Adopt Srebrenica.

La Fondazione è stata riconosciuta dal Ministero per i beni culturali il 18 novembre 1999. È iscritta al registro delle organizzazioni di volontariato e ONLUS della Provincia di Bolzano con decreto n. 128/1.1 del 24 agosto 2000. È Premio della Città di Roma 2005 per la “pace e l’azione umanitaria”.

Dal 2005 la Fondazione è iscritta nell’albo nazionale dell’associazioni presso le quali può essere svolto il servizio civile nazionale e delle associazioni abilitate alla promozione della parità di trattamento tra le persone indipendentemente dalla razza e dall’origine etnica, culturale, religiosa e legittimate ad agire in giudizio in nome, per conto o a sostegno del soggetto passivo di discriminazioni.