pro dialog
Convocazione Assemblea Ordinaria della Fondazione, domenica 7 luglio ore 10.30

Se non intervenissero a breve delle proroghe, anche la Fondazione dovrà discutere e approvare le modifiche al proprio Statuto per adeguarle alle nuove norme che regolano la riforma del III Settore, QUI descritte.

La Riforma del Terzo settore rappresenta una fondamentale novità per le associazioni e gli altri enti non profit operanti nel panorama italiano.
Era da almeno 20 anni che non veniva approvata una normativa così importante nell’ambito del Terzo settore..
Il percorso della Riforma è comunque oggi tutt’altro che concluso: pur essendo entrato in vigore (il 3 agosto 2017) il Codice del Terzo settore, devono ancora essere approvati una serie di decreti ministeriali fondamentali per attuare pienamente le previsioni della Riforma.

Allo Stato attuale per l'adeguamento degli Statuti è stata fissata la scadenza vincolante  del 2 agosto.

Con questa finalità è convocata, a Bolzano nella sede di via Bottai 5, dalle ore 10.00 di domenica 7 luglio, l' assemblea ordinaria della Fondazione.
Nello Statuto dovranno essere indicate  le possibili attività di interesse generale, tra quelle previste dalla legge:

DESCRIZIONE DELLE POSSIBILI ATTIVITA' DI INTERESSE GENERALE

Indicare una o più attività di interesse generale che l’associazione intende svolgere e che rientrano fra quelle previste tassativamente dall’art.5, c.1, del Codice del Terzo settore, che vengono qui di seguito riportate:interventi e servizi sociali ai sensi dell’articolo 1, commi 1 e 2, della legge 8 novembre 2000, n. 328, e successive modificazioni, e interventi, servizi e prestazioni di cui alla legge 5 febbraio 1992, n.104, e alla legge 22 giugno 2016, n.112, e successive modificazioni;

  1. interventi e prestazioni sanitarie;

  2. prestazioni socio-sanitarie di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 14 febbraio 2001, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.129 del 6 giugno 2001, e successive modificazioni;

  3. educazione, istruzione e formazione professionale, ai sensi della legge 28 marzo 2003, n.53, e successive modificazioni, nonché le attività culturali di interesse sociale con finalità educativa;

  4. interventi e servizi finalizzati alla salvaguardia e al miglioramento delle condizioni dell'ambiente e all’utilizzazione accorta e razionale delle risorse naturali, con esclusione dell'attività, esercitata abitualmente, di raccolta e riciclaggio dei rifiuti urbani, speciali e pericolosi, nonché alla tutela degli animali e prevenzione del randagismo, ai sensi della legge 14 agosto 1991, n. 281;

  5. interventi di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e del paesaggio, ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n.42, e successive modificazioni;

  6. formazione universitaria e post-universitaria;

  7. ricerca scientifica di particolare interesse sociale;

  8. organizzazione e gestione di attività culturali, artistiche o ricreative di interesse sociale, incluse attività, anche editoriali, di promozione e diffusione della cultura e della pratica del volontariato e delle attività di interesse generale di cui al presente articolo;

  9. radiodiffusione sonora a carattere comunitario, ai sensi dell’articolo 16, comma 5, della legge 6 agosto 1990, n. 223, e successive modificazioni;

  10. organizzazione e gestione di attività turistiche di interesse sociale, culturale o religioso;

  11. formazione extra-scolastica, finalizzata alla prevenzione della dispersione scolastica e al successo scolastico e formativo, alla prevenzione del bullismo e al contrasto della povertà educativa;

  12. servizi strumentali ad enti del Terzo settore resi da enti composti in misura non inferiore al settanta per cento da enti del Terzo settore;

  13. cooperazione allo sviluppo, ai sensi della legge 11 agosto 2014, n.125, e successive modificazioni;

  14. attività commerciali, produttive, di educazione e informazione, di promozione, di rappresentanza, di concessione in licenza di marchi di certificazione, svolte nell'ambito o a favore di filiere del commercio equo e solidale, da intendersi come un rapporto commerciale con un produttore operante in un’area economica svantaggiata, situata, di norma, in un Paese in via di sviluppo, sulla base di un accordo di lunga durata finalizzato a promuovere l’accesso del produttore al mercato e che preveda il pagamento di un prezzo equo, misure di sviluppo in favore del produttore e l’obbligo del produttore di garantire condizioni di lavoro sicure, nel rispetto delle normative nazionali ed internazionali, in modo da permettere ai lavoratori di condurre un'esistenza libera e dignitosa, e di rispettare i diritti sindacali, nonché di impegnarsi per il contrasto del lavoro infantile;

  15. servizi finalizzati all’inserimento o al reinserimento nel mercato del lavoro dei lavoratori e delle persone di cui all'articolo 2, comma 4, del decreto legislativo recante revisione della disciplina in materia di impresa sociale, di cui all'articolo 1, comma 2, lettera c), della legge 6 giugno 2016, n.106;

  16. alloggio sociale, ai sensi del decreto del Ministero delle infrastrutture del 22 aprile 2008, e successive modificazioni, nonché ogni altra attività di carattere residenziale temporaneo diretta a soddisfare bisogni sociali, sanitari, culturali, formativi o lavorativi;

  17. accoglienza umanitaria ed integrazione sociale dei migranti;

  18. agricoltura sociale, ai sensi dell’articolo 2 della legge 18 agosto 2015, n.141, e successive modificazioni;

  19. organizzazione e gestione di attività sportive dilettantistiche;

  20. beneficenza, sostegno a distanza, cessione gratuita di alimenti o prodotti di cui alla legge 19 agosto 2016, n.166, e successive modificazioni, o erogazione di denaro, beni o servizi a sostegno di persone svantaggiate o di attività di interesse generale a norma del presente articolo;

  21. promozione della cultura della legalità, della pace tra i popoli, della nonviolenza e della difesa non armata;

  22. promozione e tutela dei diritti umani, civili, sociali e politici, nonché dei diritti dei consumatori e degli utenti delle attività di interesse generale di cui al presente articolo, promozione delle pari opportunità e delle iniziative di aiuto reciproco, incluse le banche dei tempi di cui all'articolo 27 della legge 8 marzo 2000, n.53, e i gruppi di acquisto solidale di cui all'articolo 1, comma 266, della legge 24 dicembre 2007, n.244;

  23. cura di procedure di adozione internazionale ai sensi della legge 4 maggio 1983, n.184;

  24. protezione civile ai sensi della legge 24 febbraio 1992, n.225, e successive modificazioni;

  25. riqualificazione di beni pubblici inutilizzati o di beni confiscati alla criminalità organizzata

 

DA VALUTARE QUALI INDICARE TRA QUESTE COME ATTIVITA' DI INTERESSE GENERALE DELLA FONDAZIONE?

 

c - educazione, istruzione e formazione professionale, ai sensi della legge 28 marzo 2003, n.53, e successive modificazioni, nonché le attività culturali di interesse sociale con finalità educativa;

h - organizzazione e gestione di attività culturali, artistiche o ricreative di interesse sociale, incluse attività, anche editoriali, di promozione e diffusione della cultura e della pratica del volontariato e delle attività di interesse generale di cui al presente articolo;

m - cooperazione allo sviluppo, ai sensi della legge 11 agosto 2014, n.125, e successive modificazioni;

q - accoglienza umanitaria ed integrazione sociale dei migranti; ????

u - promozione della cultura della legalità, della pace tra i popoli, della nonviolenza e della difesa non armata;

v - promozione e tutela dei diritti umani, civili, sociali e politici, nonché dei diritti dei consumatori e degli utenti delle attività di interesse generale di cui al presente articolo, promozione delle pari opportunità e delle iniziative di aiuto reciproco, incluse le banche dei tempi di cui all'articolo 27 della legge 8 marzo 2000, n.53, e i gruppi di acquisto solidale di cui all'articolo 1, comma 266, della legge 24 dicembre 2007, n.244;